Fashion Design

Specializzazione in Fashion Design

Corsi Triennali e Post Diploma - Cagliari

Scarica la brochure

Il Fashion Designer è a tutti gli effetti un progettista che ascolta la propria creatività e sa ideare abiti o accessori, costruendo un racconto personale e traendo spunti e suggestioni dal territorio che lo circonda, dalla società in cui vive leggendo i segni del suo tempo e anticipandone le aspirazioni. Raccoglie stimoli non dal solo mondo della moda ma anche da altri ambiti come arti visive, media digitali, marketing, nuove tecnologie, product management, semiotica, art direction, comunicazione d’impresa. Oggi il Fashion Designer non è un puro creativo, è un tecnico specializzato, attento all’innovazione che conosce ogni fase progettuale, ogni aspetto produttivo e di comunicazione che sa interfacciarsi con i vari interlocutori e garantire la coerenza della visione d’insieme.

Prospettive professionali - Fashion Designer, Accessories Designer, Textile Designer, Product Manager, Trend Forecaster, Fashion Buyer.

Titolo rilasciato – Il corso è riconosciuto dal MIUR ed è equiparato ai titoli di Laurea di I Livello rilasciati dalle Università.

 

  • Crediti
    180
  • Partenza
    Ottobre 2017
  • Durata
    3 anni
  • Frequenza
    full-time
  • Lingua
    Italiano

Contesto - Il sistema moda è una filiera produttiva dinamica e articolata, che parte dal filo e arriva al capo finito. Un mondo complesso, fatto di passione e competenza tecnica, di valorizzazione dei saperi tradizionali e di slancio innovativo, di abilità organizzativa, di coraggio nell’affrontare sempre nuove sfide. 

Metodologia e struttura - Il percorso formativo è strutturato in modo da fornire allo studente le competenze teoriche e pratiche per progettare una collezione donna, uomo, accessori, tessuti. Ruolo essenziale è affidato al progetto e alla metodologia, con gradi di complessità crescenti. Particolare attenzione in questo senso è dedicata all’apprendimento delle tecniche di modello e sartoria, della tecnologia dei materiali tessili, delle tecniche di disegno e di illustrazione di moda, del processo di produzione del capo d’abbigliamento e dell’accessorio allo styling

Accanto a quest’area di natura più tecnica e metodologica, un ruolo fondamentale è attribuito alle discipline culturali, necessarie per conoscere il linguaggio della moda come fenomeno storico, artistico e sociale, come flusso di tendenze e di segni, come racconto creativo e visivo. Infine si affronta il sistema economico dal punto di vista della filiera produttiva e da quello del marketing e della comunicazione online e offline sui canali specifici. In questo modo lo studente ha la possibilità di sviluppare una capacità imprenditoriale che tenga conto delle diverse dinamiche del sistema moda.

Iniziare un percorso di moda a Cagliari significa offrire agli studenti la possibilità di conoscere, padroneggiare e valorizzare le specificità locali ed esportarle successivamente in altri contesti come elemento di valore aggiunto. Significa fondere passato e presente per definire il futuro prossimo dell’abbigliamento, studiare i materiali e le forme tipiche della Sardegna e del suo artigianato considerando il contesto attuale, locale, nazionale e internazionale e trovando interlocutori esterni, in grado di trasformare elementi della tradizione in tessuti, capi e collezioni capaci di trovare spazio e credibilità nella moda contemporanea.

  • I anno

    • Stile, Storia dell’Arte e del Costume

      Il corso indaga i principali movimenti artistici e i loro protagonisti nella modernità e nell’era contemporanea. Accanto allo sviluppo storico dell’arte approfondisce la comprensione critica dei codici artistici e dell’opera d’arte intesa come testo visivo complesso e come fenomeno che racconta le evoluzioni culturali, sociali ed estetiche, colte in relazione con altre forme di espressione e comunicazione (la fotografia, la pubblicità, il cinema etc.). 

    • Metodologia della Progettazione

      Il corso fornisce gli strumenti analitici per esaminare il rapporto tra il prodotto e i processi alla base della sua realizzazione. I fondamenti teorici fanno comprendere quali fattori, scientifici e culturali, intervengano nel progetto e le discipline che partecipano alla costruzione dell’opera: aspetti di natura funzionale, tecnologica e formale. Si percorrono le differenti fasi consentendo l’individuazione degli strumenti corretti e la gestione degli aspetti che intervengono nella formazione, costruzione e rappresentazione dell’attività creativa. 

    • Disegno Tecnico e Progettuale

      La conoscenza del disegno tecnico fornisce allo studente gli strumenti di base per comunicare l’opera e rappresentarne il percorso progettuale. Lo studente apprende il linguaggio grafico necessario per sviluppare autonomia espressiva. Il corso affronta tutte le fasi fondamentali per arrivare alla corretta raffigurazione progettuale dell’abbigliamento e degli accessori: dalla rappresentazione a mano libera, agli schizzi preparatori per lo studio delle proporzioni della figura, fino al disegno tecnico.

    • Storia della Moda 1

      Il corsa affronta l’evoluzione degli stili e del gusto nella moda occidentale, dalla metà dell’Ottocento alla metà del Novecento. L’insegnamento analizza i processi sociali e tecnici che hanno caratterizzato i cambiamenti avvenuti nel sistema moda anche attraverso la presentazione di casi studio di stilisti e collezioni. 

    • Modellistica 1

      La modellistica è il percorso progressivo di conoscenza delle tecniche di realizzazione delle collezioni nelle componenti particolari e nella loro interezza. Si forniscono gli strumenti teorici e pratici per la costruzione di modelli realizzati nei materiali più adatti alla scala del progetto e alle differenti fasi di studio. Il corso pone l’accento sulla natura pratica e sensoriale dell’esperienza, sviluppando una capacità di visione tridimensionale. Una parte del percorso prevede un primo approccio con la modellistica dell’accessorio.

    • Progettazione Grafica 1

      L’alfabetizzazione informatica attraverso i programmi di composizione grafica, facilita l’espressione dell’idea e consente di correlare gli strumenti digitali di rappresentazione, con le nozioni di percezione visiva. L’insegnamento dei principali software per l’elaborazione grafica facilita la valorizzazione dei concept, la gestione delle immagini e la modifica dei contenuti. 

    • Cultura Tessile 1

      Lo studio e la ricerca dei materiali di una collezione di abbigliamento sono alla base dell’insegnamento. La conoscenza delle fibre, dei tessuti, dei materiali e dei principali processi di classificazione, con le relative tecniche di produzione e lavorazione, consentono allo studente di riconoscere le proprietà specifiche dei filati e di acquisire sensibilità nell’uso dei materiali. Si approfondiscono le conoscenze delle teorie del colore nella produzione dei tessuti e si introducono le tecniche base per sviluppare stampe e lavorazioni. 

    • Fashion Design 1

      Il corso laboratoriale si sviluppa attraverso l’acquisizione di manualità e delle tecniche artigiano-industriali di base. Grazie alle conoscenze apprese nei corsi di Modellazione e Cultura tessile, lo studente è chiamato a sviluppare un concept con forme e volumi, scelta di materiali e lavorazioni, stampe e colori e assortimento dei capi fino a creare un book che illustri tutte le fasi del lavoro. 

    • Anatomia dell’Immagine

      L’insegnamento comprende la lettura, storica e contemporanea della forma umana nei diversi ambiti disciplinari: dall’arte alla fotografia, alla grafica, alla moda. Proporzioni, forme, volumi, prospettive e assonometrie del corpo sono analizzate attraverso teorie e metodi di raffigurazione. Si studia l’anatomia umana per il disegno di moda tradizionale e multimediale. 

    • Semiotica dell’Arte 1

      Argomento centrale del corso è la lettura dei rapporti fra contenuto, testi e immagine e i processi narrativi, adottati dalle diverse forme della comunicazione visiva e dall’universo mediale. L’apprendimento metodologico consiste nell’esame dell’unità fra forma e contenuto, degli effetti estetici e dei regimi di fruizione, impostando un orientamento valutativo e critico nel linguaggio delle opere visive teso a individuare quale aspetto, e in che modo, funzioni come comunicazione. 

  • II anno

    • Storia della Moda 2

      Il corso tratta gli sviluppi della storia della moda contemporanea al fine di individuare tendenze e modalità di comunicazione del fashion system. L’evoluzione delle tendenze e dello stile è trattata dal punto di vista storico, culturale, sociale ed economico, fornendo gli strumenti per comprendere la contemporaneità della moda, evidenziarne i meccanismi, i personaggi chiave e i fenomeni più rilevanti. 

    • Tecniche e Tecnologie del Disegno

      A partire dalle tecniche di base apprese in Disegno Tecnico e Progettuale, il corso implementa le pratiche rappresentative, dal disegno a mano libera agli strumenti multimediali, per favorire l’efficacia comunicativa nella rappresentazione dell’opera. Il progetto è così descritto nelle sue fasi con la modalità più idonea: bozzetti preliminari a mano libera, affinamenti di stile con software digitali e realizzazione di rendering. 

    • Modellistica 2

      L’approfondimento nelle pratiche della modellistica è di supporto ai corsi di progettazione, per i quali sono necessari modelli di studio e di presentazione, fino alla definizione di prototipi. La natura laboratoriale del corso implica l’apprendimento diretto delle tecniche e favorisce la comprensione di geometrie e volumi, nonché lo sviluppo di un linguaggio personale. 

    • Progettazione Grafica 2

      La pluralità di metodi e processi della progettazione visiva sono orientati alla comunicazione e alla presentazione dei progetti realizzati. Argomento centrale del corso è l’uso corretto dei principali software grafici utilizzati per realizzare book personalizzati, portfolio e progetti grafici articolati, curandone l’impaginazione e gli aspetti estetici. 

    • Cultura Tessile 2

      Il corso completa la trasmissione delle tecniche per progettare in modo creativo tessuti e materiali. L’analisi degli aspetti tecnici legati alla maglieria è supportata da esercitazioni pratiche. L’attività manuale, di grande importanza, consente allo studente di confrontarsi con le metodologie di progettazione e di affinare le conoscenze di base già acquisite nel semestre precedente, come le terminologie, le tecniche di esecuzione tradizionali e digitali e i finissaggi.

    • Fashion Design 2

      Il percorso guidato segue l’intero processo di progettazione, partendo dalla selezione e ricerca di un prodotto fino ad arrivare allo sviluppo della collezione. Il concept delle collezioni maschili e femminili deve essere pensato anche dal punto di vista della comunicazione, affinché lo studente sperimenti le interazioni con le altre discipline e sviluppi la propria creatività.  

    • Semiotica dell’Arte 2

      L’insegnamento si concentra sull’abito e le sue componenti estetiche e semiotiche, comprendendone la rappresentazione nella pluralità dei sistemi di racconto. L’unità tra forma e contenuto e la consequenzialità tra estetica e fruizione sono esaminate nella loro costruzione e organizzazione, affinché lo studente comprenda la complessità di significato della moda come racconto. 

    • Storia della Fotografia

      Il corso pone particolare attenzione alla storia della fotografia nel settore della moda, concentrandosi sull’evoluzione di linguaggi e tecniche di rappresentazione e sullo stile dei fotografi più significativi. 

    • Logica e Organizzazione d’Impresa 1

      La filiera è analizzata nelle differenti competenze, professionalità, dinamiche industriali e in relazione ai mercati di riferimento. Lo studente apprende i fondamenti del marketing applicato all’organizzazione delle attività d’impresa, con le relative scelte strategiche e politiche aziendali per un corretto posizionamento del brand. 

  • III anno

    • Modellistica 3

      Il corso consente di approfondire conoscenze e abilità per costruire modelli e manufatti e incrementa le nozioni acquisite, prestando maggiore attenzione ai dettagli e sperimentando tecniche innovative. Lo studente è chiamato a realizzare un prodotto moda con le rifiniture necessarie per la sua ultimazione. 

    • Fashion Design 3

      Il corso rappresenta un approfondimento delle metodologie e dei processi di progettazione e comunicazione affrontando ulteriori specificità merceologiche e aree di prodotto. 

    • Metodologia Progettuale della Comunicazione Visiva

      Il corso affronta le metodologie progettuali e i principali strumenti dello styling nel settore della moda. Fondamenti di storia dello styling, attraverso i suoi protagonisti, sono funzionali per comprendere il ruolo professionale e le tecniche. Lo studente è chiamato a sperimentare il processo di ideazione creativa e a comprendere le professionalità in gioco. In questo modo si approfondisce la relazione tra lo styling e l’immagine/comunicazione del marchio. 

    • Fenomenologia delle Arti Contemporanee

      Il corso affronta il rapporto tra moda e cinema e fornisce allo studente un adeguato background culturale riguardante le iconografie e le estetiche cinematografiche. In tal modo il suo percorso di studi sul design e la moda può essere integrato tramite le suggestioni derivanti dall’immaginario moderno e contemporaneo. Viene fornito uno sguardo critico, attraverso la lente della macchina da presa, sui fenomeni, le tendenze e i corpi che hanno rappresentato e rappresentano il motore delle evoluzioni di stile del nostro tempo. 

    • Logica e Organizzazione d’Impresa 2

      I principi strategici del marketing sono adattati alle specificità dell’industria creativa con l’obiettivo di comprendere e anticipare le aspettative e i bisogni dei consumatori. L’insegnamento approfondisce sia gli strumenti di studio del prodotto legati al sistema moda, sia i meccanismi del mercato e dei consumi, del contesto sociale e dei target. Il corso delinea le competenze necessarie per gestire le fasi del processo creativo all’interno dell’industria, amministrando competenze diverse e indirizzando il lavoro rispetto ai trend di mercato. 

    • Teoria e Analisi del Cinema e dell’Audiovisivo

      La fenomenologia dei media e il loro rapporto con linguaggi artistici e i relativi mutamenti è al centro dell’insegnamento, al fine di fornire una conoscenza articolata e dialettica dei mezzi cinematografici e audiovisivi, per sottolineare l’intermodalità del cinema e degli altri media e la reciproca influenza e, soprattutto, le dinamiche di narrazione del testo cinematografico attraverso lo studio dell’impianto registico, della fotografia, della colonna sonora, della sceneggiatura e dell’impatto visivo complessivo sull’immaginario collettivo. 

    • Fashion Design 4

      Il laboratorio affronta le fasi preparatorie al progetto di tesi conclusivo. Vengono poste le basi per la fase metaprogettuale, ovvero la definizione strategica del progetto, l’impostazione del lavoro di ricerca inerente i temi proposti e la pianificazione delle successive fasi operative. 

È lodato quel maestro che fa egli stesso ciò che insegna agli altri (proverbio italiano)

Allo IED insegnano professionisti che quotidianamente si confrontano con il mercato. Qui puoi approfondire i loro profili professionali.

Annalisa Cocco

Annalisa Cocco
Designer. Attualmente vive a Cagliari dove ha creato Imago Mundi, un marchio che da dieci anni rappresenta un esempio riconosciuto di ricerca, contaminazione e produzione di oggetti tra design e artigianato. Ha realizzato progetti di allestimenti importanti e disegnato e prodotto oggetti distribuiti in tutto il mondo. Docente e Coordinatrice del triennale di Product Design presso IED Cagliari. Nel 2011 ha ricevuto il Compasso d’Oro come Designer e Consulente tecnica organizzativa per il progetto DOMO – XIX Biennale dell’Artigianato Sardo.

Umberto Sannino

Umberto Sannino
Umberto Sannino inizia la sua carriera negli uffici stile maturando una lunga esperienza in importanti Maison come Ballantyne e Costume National. Attualmente è Head of Design presso Redemption e collabora come Stylist per svariati progetti freelance. Collabora con Moda Operandi ed Ermenegildo Zegna. È Associate Creative Director per The Greatest Magazine, Consulente per Taschen ed Art Director per Noplace Magazine. Dal 2013 è docente presso IED Milano.

Giorgia Bistrusso

Giorgia Bistrusso
Giovane Designer cagliaritana, ha maturato la propria esperienza tra Sardegna e Toscana studiando all’Università di Firenze Fashion Design e collaborando con diversi brand del mondo della moda. Segue una linea di ricerca che unisce le sue passioni per le tradizioni della sua terra natia e della sua cultura artigiana oltre a quella per l’arte essenziale e minimalista giapponese. Nel 2010 torna a Cagliari avviando il marchio Bistrusso. Un brand esclusivo, 100% Made in Italy, che si posiziona tra ricerca, design e tradizione.

Cristiana Arangino

Cristiana Arangino
Designer cagliaritana, dopo gli studi di Haute Couture a Roma e l'alta formazione della Fondazione Capucci a Firenze, dal 2003 è l'anima creativa dell’Atelier Cri Cri, fashion lab artigianale dell'alta moda. Negli anni collabora con il teatro, è giurata nei concorsi per giovani Designer e partecipa a mostre e fiere internazionali tra cui, nel 2011, Paris Pret-à-porter. Dal 2006 al 2012 ha insegnato fashion design presso l’Accademia di Moda e Design di Cagliari. Oggi collabora Coordinatrice e Docente nei corsi di moda e costume.

Alessandro Cortes

Alessandro Cortes
Art Director, inizia la sua carriera collaborando con diversi studi e assistendo grafici di caratura internazionale come Walter Ballmer e Heinz Waibl. All’inizio degli anni ’90 apre il suo studio Cortes Design. Nello stesso anno vince il concorso indetto dal CTM, azienda trasporti della città di Cagliari, e comincia una lunga collaborazione che lo porta a specializzarsi nel settore della grafica di pubblica utilità. Studia e realizza l’immagine coordinata e cura la comunicazione di aziende italiane ed estere. Affianca alla professione di grafico quella dell’insegnamento.

Daniele Conti

Daniele Conti
Ha studiato comunicazione visiva in IED Cagliari e illustrazione nella sede milanese. Appassionato  Illustratore e Creativo originale, la contaminazione dell'illustrazione con il mondo del design grafico rende ogni suo lavoro un progetto unico e, al contempo, eclettico e versatile nello stile. Lavora come professionista e free-lance dal 2000, sia come grafico che come illustratore.  

Giovanni Ottonello

Giovanni Ottonello
Art Director presso IED si forma come Architetto e, dopo diverse esperienze sul campo dell'exhibit museale e scenografico, si interessa al mondo dell'arte e della moda. Partecipa all'allestimento del Museo Diocesano di Genova, collaborato con la Galleria di Palazzo Spinola e Palazzo Ducale, con lo Scenografo e Regista Pierluigi Pizzi, con il Piccolo Teatro di Milano e le Scuole di Teatro di Luca Ronconi. Vanta numerose consulenze per aggiornamenti e progetti innovativi come Salvatore Ferragamo, Bottega Veneta, Hugo Boss, Mandarina Duck, Combiperl, Carrefour, Lancia, Ethos. 

Caterina Quartana

Caterina Quartana
Sarda, appassionata d’arte e di design dei tessuti, inizia la sua esperienza come Textile Designer nel 2003 quando intraprende gli studi di cultura e stilismo della moda a Firenze. Fonda il suo stile sui principi di design ed artigianato creando un’estetica sofisticata ed unica. Dalle creazioni per l’arredo casa agli accessori per la moda e per il corredo bimbo, dalla pittura alla tessitura con i telai manuali le sue creazioni rievocano tecniche di antica tradizione percorrendo attraverso la trama una rielaborazione innovativa.   

Gianfranco Setzu

Gianfranco Setzu
Designer, Editor Blogger e Art Director. Si laurea presso l'Accademia di Belle Arti e in seguito si specializza con un Master in Design presso Domus Academy di Milano. Ha avuto diverse esperienze nella creazione dell'immagine coordinata aziendale e di concept design; ha collaborato con gallerie e musei, con aziende di moda e food; la sua ricerca va dalla progettazione del prodotto al linguaggio artistico contemporaneo. Ha esposto in numerose mostre in Italia e all'estero.

Massimo Noli

Massimo Noli
Massimo Noli dopo gli studi di fashion design ed uno stage da Les Copains si dedica a consulenze stilistiche e all'insegnamento. La passione per la moda, il design e l'attenzione alle tendenze lo portano, insieme a Nicola Frau,  alla creazione del brand Quattromani. Patecipano a Who is on next, concorso di Vogue Italia e Altaroma ricevendo nel 2013, una menzione speciale per l'impatto e la forza della collezione in passerella. Il marchio è oggi all’interno dei “brand to watch” per diverse riviste di settore.

Nicola Frau

Nicola Frau
Dopo gli studi di fashion design ed uno stage da Les Copains si dedica ad una propria linea di accessori e allo studio delle tecniche di modellistica sia dell'abbigliamento che degli accessori. Insieme a Massimo Noli fonda il brand Quattromani. Partecipano nel 2013 a Who is on next, concorso di Vogue Italia e Altaroma ricevendo una menzione speciale per l'impatto e la forza della collezione in passerella. Pubblicati in diverse riviste di settore per le loro collezioni colorate, contemporanee e legate alla storia della loro terra.