Il modello formativo

Design, Moda, Arti Visive, ecco l’Italia che fa scuola. Modello innovativo antiaccademico proiettato internazionalmente.
Il Giornale, 4 luglio 2011

Dalla sua fondazione, la missione e gli intenti che muovono l’esperienza didattica di IED sono rimasti invariati: il nostro modello formativo ogni giorno costruisce valore sul confronto, lo scambio e la relazione tra le imprese – su scala territoriale e internazionale –, le comunità professionali e i giovani che ne rappresentano il futuro.

Una relazione virtuosa basata sulla disponibilità e l’impegno degli studenti a crescere e apprendere attraverso una esperienza inedita. Per imparare a essere e a vivere da eccellenti professionisti.

Imparare a imparare
Il network IED può contare su 1900 docenti, ognuno dei quali professionalmente riconosciuto nel proprio ambito disciplinare e in grado di supportare gli studenti con chiarezza teorica e concretezza progettuale. Le classi accolgono un numero variabile tra 10 e 25 studenti (a seconda della tipologia di corso) per favorire un confronto costante e rendere ottimale la fruizione di conoscenze e competenze.

Imparare a fare e progettare
Per tutte le professioni a cui IED prepara, l’applicazione concreta è imprescindibile. È quello che gli anglosassoni chiamano “learning by doing”, imparare facendo.
Le numerose attività di laboratorio e una partecipazione regolare alle lezioni garantiscono una ottima traduzione della formazione in competenza.

Imparare a interagire con il sistema produttivo
L’acquisizione della cultura del progetto è possibile grazie alla sua applicazione. Gli studenti IED portano avanti progetti reali, commissionati da aziende, enti, istituzioni e realtà produttive. Questo permette di verificare in tempo reale l’efficacia del pensiero teorico e di misurarsi con il sistema produttivo.

Imparare a partecipare e competere
Il metodo IED prevede numerose gare creative e progetti di gruppo. Imparare a lavorare in team composti
da professionisti di diverse competenze e culture è essenziale per accedere al mondo del Design poiché
tutti i creativi, siano essi progettisti di beni, strategie o servizi complessi, dovranno relazionarsi con molteplici professionisti.

Imparare a comunicare e a costruire relazioni
Un ottimo progettista è in grado di ascoltare e comprendere punti di vista differenti dal suo. IED favorisce la costruzione di relazioni virtuose tra le diverse aree formative dell’Istituto e con aziende e Istituzioni attraverso
workshop o progetti speciali che, grazie ad un’esperienza altamente professionalizzante, permettono
agli studenti di apprendere e crescere.

Imparare a intraprendere e gestire
Per formare professionisti in continua evoluzione e al passo con i diversi scenari professionali, IED è costantemente in contatto con aziende ed enti di ricerca avanzata e tecnologica per rispondere in modo puntuale al mutare delle esigenze del mercato e delle professioni.
Questo stesso approccio viene trasferito a tutti gli studenti dell’Istituto che, fin dal primo momento, sono invitati ad osare e sono dotati di tutti gli strumenti per la gestione imprenditoriale autonoma.