Curatore Museale e di Eventi

Corso Formazione Avanzata - Roma

Scarica la brochure

Obiettivi formativi:

Il Corso di Formazione Avanzata di Curatore Museale e di Eventi intende fornire strumenti di analisi e di intervento sia teorici che pratici, aiutando chi intende intraprendere questa professione a sviluppare un proprio discorso critico e individuale. La formazione prevede una solida preparazione in materie storico-artistiche con particolare attenzione all’arte contemporanea, all’estetica e alle ricerche attuali e la padronanza dei parametri economici che permettono la gestione amministrativa degli eventi artistici. Il Curatore Museale è una figura professionale relativamente nuova che, nel corso di qualche decennio, ha cambiato radicalmente forma: da conservatore di museo, a intellettuale, critico, tecnico globale, autore.

Sbocchi Professionali:

Il Curatore Museale e di Eventi può lavorare indipendentemente o presso Istituti culturali ad ampio spettro, dai musei alle gallerie private, sia come promotore di attività originali sia come conservatore del patrimonio acquisito. La sua professionalità è ricercata anche nei settori educativi di musei e gallerie. Può trovare impiego come Addetto Ufficio Stampa e/o Comunicazione nell’ambito dei Beni Culturali contemporanei.

  • Partenza
    Marzo 2017
  • Durata
    7 mesi
  • Frequenza
    weekend
  • Lingua
    Italiano

IED Network

News

#SO | IED per PITTI UOMO 90

Le nove sedi IED saranno protagoniste delle iniziative organizzate dalla sede fiorentina dell’istituto, che festeggerà i 50 anni di attività in via Bufalini a Firenze, in occasione del 90/mo Pitti Uomo, dal 13 al 17 giugno.

Scopri di più

A chi è rivolto:

Il Corso di Formazione Avanzata in Curatore Museale e di Eventi è rivolto a Laureati in Lettere e Scienze Umanistiche con indirizzo Arte o Spettacolo, Scienze della Comunicazione, Beni Culturali, Accademia di Belle Arti, Architettura, Filosofia. E’ rivolto inoltre a professionisti con una comprovata esperienza in un settore afferente o aderente alle materie del Corso di Alta Formazione.

Requisiti d’accesso:

Lauree di primo o secondo livello; esperienze professionali nel settore.

Indirizzi di specializzazione:

Il curatore Museale e di Eventi è un professionista che affianca a una solida preparazione sulla storia e sulla teoria dell’arte, competenze tecniche e organizzative. Pensa in maniera indipendente e critica, sa lavorare sia individualmente sia in gruppo con un approccio interdisciplinare, sa tradurre in una struttura espositiva un’idea e raccontare opere e poetiche in modo diverso a seconda dei contesti e del pubblico di riferimento.

Metodologia e struttura:

La didattica abbina lezioni teoriche e pratiche. Il corso è strutturato in tre moduli (Contesti, Mostre, Scritture) seguiti ciascuno da un tutor di riferimento. Il modulo Contesti si concentra sulla curatela dei luoghi fisici o immateriali in cui l’opera viene esposta. Mostre analizza, attraverso una serie di casi studio, proposte curatoriali che hanno cambiato le modalità di presentazione dell’arte contemporanea. Scritture si propone di affrontare in maniera innovativa il problema della critica attraverso un approccio teorico-pratico.

A completamento dei tre moduli, è previsto un corso di Metodo, realizzato in collaborazione con una istituzione museale, attraverso il quale sono affrontati tutti gli aspetti pratici legati alla professione: dalla programmazione (budget e fund-raising, prestiti, produzione, trasporti e assicurazione, exhibition design, allestimento, comunicazione e ufficio stampa) alla collezione (acquisizione, conservazione, promozione); dalle attività per il pubblico (educazione, mediazione culturale d’arte, programmazione di eventi, studi sui visitatori) all’editoria (cataloghi di mostre, pubblicazioni, periodici) al mercato (gallerie, fiere, aste).

Il corso prevede seminari di approfondimento su diversi aspetti della produzione artistica e della curatela che includono Comunicazione visiva, Conservazione, Museografia e Museologia, Legislazione.

Nell’ambito dei workshop tenuti da curatori internazionali e da artisti, i partecipanti si confrontano con poetiche, interessi, spazi, modalità.

Sono previste lectures con artisti, visite a musei, collezioni, fondazioni, incontri organizzati con personalità del mondo dell’arte.

Per ciascun partecipante è prevista una sessione individuale volta ad approfondire il proprio percorso individuale.

A conclusione del corso, ogni partecipante è chiamato a presentare un progetto valutato dalla commissione di docenti interni ed esterni su criteri di innovazione, capacità critica e fattibilità.

  • Moduli di approfondimento

    • Contesti della Curatela

      Il corso affronta il ruolo del contesto nel racconto dell’opera d’arte. Partendo dallo studio d’artista, passando per il museo, lo spazio indipendente, le fondazioni, le residenze e i luoghi immateriali, il libro d’artista e la rivista, il corso offre una panoramica ragionata degli spazi reali o immaginari che il curatore abita, e traccia allo stesso tempo una possibile storia della curatela. Sono previste lezioni con visiting tutors e visite di approfondimento.

    • Mostre: una storia critica

      Il corso è costruito attraverso la proposta di casi studio di mostre internazionali recenti che hanno avuto una particolare rilevanza per la loro specificità, innovazione e pregnanza, nell’ottica di stimolare una lettura critica delle mostre e un approccio originale alla professione. Sono previsti incontri con protagonisti del mondo della curatela.

    • Scritture

      Il modulo affronta l’idea di critica come cardine della curatela. Negli anni la figura del critico è scomparsa a favore di quella del curatore, tuttavia la capacità di lettura dell’opera, la sua restituzione in forma scritta e la proliferazione di riviste dedicate e di progetti editoriali sull’arte contemporanea rende la scrittura un luogo centrale per capire e ripensare la curatela. In questo corso si affrontano figure e scritture chiave della critica e cura di arte contemporanea con un approccio pratico. Si legge insieme e si scrive, sono previste visiting lectures di scrittori, critici di professione, sceneggiatori, blogger, giornalisti di radio e tv.

È lodato quel maestro che fa egli stesso ciò che insegna agli altri (proverbio italiano)

Allo IED insegnano professionisti che quotidianamente si confrontano con il mercato. Qui puoi approfondire i loro profili professionali.

Cecilia Canziani - Coordinatrice del Master

Cecilia Canziani - Coordinatrice del Master
Cecilia Canziani è un curatore e art writer. Curatore di ZegnArt / Public, un programma di arte contemporanea di Ermenegildo Zegna Group.Co-direttore di Nomas Foundation.Co-fondatore dell’organizzazione non-profit 1:1 projects.

Riccardo Falcinelli

Riccardo Falcinelli
Si occupa di grafica editoriale e insegna Psicologia della percezione all’Isia di Roma. Ha studiato alla “Central Saint Martins School of Art and Design” di Londra e Letteratura italiana all’Università “La Sapienza”. Insieme a Marta Poggi è autore dei graphic novel grafogrifo(einaudi), cardiaferrania e l’allegra fattoria (minimum fax). Nel 2011 ha pubblicato Guardare, pensare, progettare(stampa alternativa) sui problemi del design in ottica scientifica. Dirige la rivista Progetto grafico insieme a Silvia Sfligiotti. Il suo ultimo libro è critica portatile al visual design (einaudi).

Davide Ferri

Davide Ferri
Docente di Estetica presso l’Accademia di Belle Arti di Rimini. Ha curato mostre e progetti in diversi musei e gallerie d’arte contemporanea, tra i quali, di recente, La figurazione inevitabile. Una scena della pittura oggi, al Centro Luigi Pecci di Prato e Sentimiento Nuevo. Incontri sulla nuova critica e scrittura d’arte in Italia, al Museo MAMbo di Bologna. Attualmente sta lavorando ad un saggio su alcuni aspetti della pittura dell'ultimo decennio che uscirà nel 2015 per Cura.books.

Ilaria Gianni

Ilaria Gianni
Curatrice e critica d’arte. Dal 2009 è co-direttrice di Nomas Foundation, Roma. E’ Adjunct Professor of Art alla John Cabot University, Roma e docente presso il Master of Art all’Università Luiss Guido Carli, Roma. Nel 2008 ha co-fondato la casa editrice IMpress (attiva fino al 2011) e dal 2009 e membro del collettivo Art at Work. Ha curato numerose mostre e progetti di ricerca indipendenti, coordinato e curato mostre e simposi per musei e ha contribuito a vari cataloghi monografici. Ha pubblicato su riviste quali «NERO», «Lo Specchio+», «Circa», «Flash Art», «Arte e Critica», ed è uno dei corrispondenti italiani per artforum.com.

Stefano Marson

Stefano Marson
Dal 2000 lavora alla Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma, come Assistente registrar. Insegna museologia, museografia e storia delle mostre d’arte negli atenei della Tuscia e di Roma “La Sapienza” dal 2005. È membro ICOM dal 2012 e collaboratore dell’Istituto dell’Enciclopedia italiana Treccani.

Simone Menegoi

Simone Menegoi
Simone Menegoi è un giovane curatore e critico indipendente che ha iniziato la sua attività collaborando come giornalista con numerose riviste di arte e design (fra cui Artforum, Mousse and Kaleidoscope) e curando specifici approfondimenti sul Corriere della Sera. Sin dal 2005 ha curato esposizioni all’interno di spazi pubblici e private, in Italia e all’estero e ricopre attualmente il ruolo di Coordinatore per il progetto Per4m all’interno di Artissima, Fiera Internazionale di Arte Contemporanea.