Fashion Stylist and Editor

Specializzazione in Fashion Editor

Corsi Triennali e Post Diploma - Roma

Scarica la brochure

Obiettivi formativi:

Il Corso di Fashion Stylist and Editor con specializzazione in Fashion Editor ha l’obiettivo di formare un professionista con una profonda conoscenza della cultura della moda (storia, materiali, fotografia, comunicazione visiva, sociologia, fashion design). Il Fashion Editor è un comunicatore che studia l’identità visiva di un fashion brand, di un fashion magazine o di eventi di settore, curandone l’atmosfera e lo stile, riguardo al tipo di comunicazione che si desidera realizzare, scegliendone il mood. Lavora nelle redazioni dei magazine di settore, occupando un ruolo chiave anche in ambito televisivo e multimediale, sempre a stretto contatto con direttori creativi, art director e fotografi. Spetta a lui creare un’immagine coordinata di stile coerente e in grado di raccontare un punto di vista originale sulle tendenze contemporanee o anticiparne di nuove.

Sbocchi Professionali:

Al termine del corso, lo studente può entrare nel mondo del lavoro come free lance o come dipendente presso case editrici, agenzie e aziende in qualità di Fashion Stylist & Communicator, Fashion Editor, Digital PR, Visual Merchandiser, Creative Director, Fashion Web Editor.

Il corso è riconosciuto dal MIUR come Diploma Accademico di I Livello equipollente ai diplomi di laurea universitari e pertanto riconosciuto in tutto il mondo

 

Scopri le pagine delle professioni creative : Fashion Stylist

  • Crediti
    180
  • Partenza
    Ottobre 2016
  • Durata
    3 anni
  • Lingua
    Italiano
Iscriviti entro il 28 Luglio per usufruire delle agevolazioni Early Bird.

Indirizzi di specializzazione:

Obiettivo formativo del Corso di Fashion Stylist and Editor è la preparazione di professionisti del settore moda che sappiano intervenire con efficacia all’interno del processo di creazione, comunicazione e valorizzazione del brand e del prodotto moda e dell’immaginario estetico/stilistico che lo caratterizza.

Lo studente acquisisce conoscenze specifiche legate alla cultura visiva, alla storia della fotografia e alle implicazioni “sociologiche” della moda, che vanno dalla storia del costume alla storia dell’arte, dall’analisi dei materiali alle tecniche di coordinamento dell’immagine.

La specializzazione in Fashion Editor prevede lo sviluppo creativo delle competenze necessarie per la progettazione di un editoriale di moda, attraverso l’apprendimento di nozioni specifiche del settore del giornalismo e dell’editoria.

Lo studente impara a leggere e comprendere la moda contemporanea al fine di proporre un racconto personale attraverso progetti innovativi nell’ambito dell’editoria di settore (cartacea e on line). Questa specializzazione fornisce gli strumenti necessari non solo per osservare e analizzare le tendenze e gli stili di vita, ma anche per creare suggestioni realizzando immagini e rafforzandone il senso con l’ausilio di testi e didascalie.

Il percorso di studi approfondisce l’analisi e l’acquisizione di un linguaggio in linea con le nuove tendenze del settore legate al mondo del web, dai blog fino ai magazine on line.

Il Fashion Editor impara a costruire un ampio archivio di riferimenti visivi ed estetici, a interpretare le tendenze, a conoscere il settore dell’editoria di moda e dei fashion brand. Elemento di conoscenza indispensabile è il dinamismo delle tendenze all’interno del mercato specifico al fine di individuare nuovi scenari estetici per il futuro e originali definizioni di “stile”.

Lo studente apprende l’elaborazione digitale delle immagini, il montaggio e il fotoritocco grazie all’utilizzo dei principali software e a realizzare book personalizzati, portfolio e progetti grafici articolati grazie all’utilizzo di appositi programmi grafici.

Molta rilevanza è data allo studio della fenomenologia dei media, al loro rapporto con i linguaggi artistici e ai relativi mutamenti, al fine di fornire allo studente una conoscenza articolata e dialettica dei mezzi cinematografici e audiovisivi.

Nell’arco del triennio sono proposti allo studente vari workshop di progetto, seminari culturali, partecipazione a concorsi, cicli di conferenze, progetti speciali, visite ad aziende e stabilimenti di produzione che gli consentono di acquisire una formazione completa basata sulla dialettica e sul confronto con docenti e imprese.

Il Progetto di Tesi dura circa un anno e prevede che, accanto allo sviluppo di uno stile personale e di un prodotto originale e coerente, lo studente sappia collocare efficacemente il proprio lavoro sul mercato della moda, descrivendone gli aspetti tecnici, qualitativi, e le modalità di realizzazione.

Il corso ha valore riconosciuto dal MIUR come Diploma Accademico di I Livello

  • 1 Anno

    • Stile, Storia Dell'arte E Del Costume

      Il corso indaga i principali movimenti artistici e i loro protagonisti nella modernità e nell’era contemporanea. Accanto allo sviluppo storico dell’arte si intende approfondire la comprensione critica dei codici artistici e dell’opera d’arte intesa come testo visivo complesso e come fenomeno che racconta le evoluzioni culturali, sociali ed estetiche, colto in particolar modo nelle sue relazioni con altre forme di espressione e comunicazione (la fotografia, la pubblicità, il cinema ecc.).

       

    • Metodologia Della Progettazione

      Il corso fornisce allo studente gli strumenti analitici per esaminare il rapporto tra il prodotto e i processi che stanno alla base della sua realizzazione. I fondamenti teorici consentiranno allo studente di comprendere quali fattori, scientifici e culturali, intervengano nel progetto e di gestire le discipline che partecipano alla costruzione dell’opera. Nella progettazione confluiscono aspetti di natura funzionale, tecnologica e formale. L’insegnamento percorre le differenti fasi, dalla formulazione dell’idea allo sviluppo dell’oggetto, e consente sia l’individuazione degli strumenti corretti, sia la gestione degli aspetti che intervengono nella formazione,
      costruzione e rappresentazione dell’attività creativa.

    • Elaborazione Digitale Dell'immagine

      L’applicazione di strumenti digitali evoluti ai linguaggi visivi della moda è il tema del corso, finalizzato sia all’espressione formale sperimentale, sia alle applicazioni professionali. L’insegnamento fornisce le nozioni di base per l’utilizzo dei principali software per l’elaborazione e la trasformazione delle immagini, nonché per il loro montaggio e fotoritocco.

    • STORIA DELLA MODA 1

      L’evoluzione degli stili e del gusto nella moda occidentale dalla metà dell’Ottocento a metà del Novecento. L’insegnamento analizza i processi sociali attraverso la presentazione e lo studio di stilisti e collezioni. Il corso, oltre a fornire le conoscenze storiche e culturali di base, vuole stimolare lo sviluppo di capacità critiche e analitiche necessarie all’interpretazione delle tendenze contemporanee.

    • FOTOGRAFIA

      Il corso affronta i linguaggi e le tecniche della fotografia, storica e contemporanea, per comprenderne i diversi usi, dalla documentazione dell’opera, all’espressione del proprio linguaggio artistico. La parte laboratoriale consente di sperimentare il mezzo fotografico con tecniche e strumenti tradizionali, oppure nel digitale, per individuare modalità e tecniche idonee al tipo di ripresa fotografica. Il corso insegna allo studente ad analizzare il contesto e sviluppare il proprio spirito di osservazione nonché a relazionarsi con il fotografo, con il punto di vista e la complessità che stanno a monte della produzione dell’immagine.

    • METODOLOGIA PROGETTUALE DELLA COMUNICAZIONE VISIVA 1

      Il corso fornisce allo studente le competenze professionali nell’ambito della comunicazione della moda e dello styling. Al primo anno vengono inquadrate le diverse specificità professionali degli operatori del settore mettendoli in relazione alle difformi modalità di comunicazione scritta e visiva, cartacea e on-line e ai target di riferimento. Lo styling interpreta diversi registri espressivi e contesti culturali.

    • FASHION DESIGN 1

      Si apprenderà la corretta metodologia per progettare e organizzare uno shooting di moda, sulla base di un moodboard iniziale e gestendo casting, selezione location, selezione dei capi, styling e valutazione scatti. Parte del corso sarà dedicata all’approccio al capo d’abbigliamento come prodotto e come elemento fondamentale di un sistema che comprende fattori culturali, storici, economici e commerciali, oltre che dettagli tecnici legati al processo di produzione e di collocazione sul mercato.

    • LOGICA E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA 1

      Argomento del corso sono la programmazione, la promozione e la gestione delle attività produttive e di comunicazione nella filiera della moda. Questa è analizzata nelle differenti competenze e professionalità, dinamiche industriali e nel lato strategico della creatività in relazione ai mercati di riferimento.Lo studente apprende i fondamenti del marketing applicato all’organizzazione delle attività d’impresa, con le relative scelte strategiche e politiche aziendali per un corretto posizionamento del brand.

    • STORIA DELLA FOTOGRAFIA 1

      È un percorso attraverso lo studio, le ricerche estetiche, le modalità di utilizzo e i fotografi più rappresentativi, in rapporto ai mutamenti tecnici e ai risvolti artistici, culturali e sociali. Il corso pone particolare attenzione alla storia della fotografia nel settore moda, concentrandosi sull’evoluzione di linguaggi e tecniche di rappresentazione e sullo stil  dei fotografi più significativi.

    • TEORIA DELLA PERCEZIONE E PSICOLOGIA DELLA FORMA

      È un percorso nel mondo delle percezioni sensoriali e dei processi cognitivi. Il corso illustra le teorie scientifiche che spiegano il funzionamento dei nostri sensi e le correla alle ricerche della psicologia della forma. Sono affrontati principi di teoria del colore e, attraverso le scienze applicate, sono fornite le tecniche per analizzare il rapporto tra oggetto, spazio e persona.

  • 2 Anno

    • STORIA DELLA MODA 2

      Il corso tratta gli sviluppi della storia della moda contemporanea, al fine di individuare tendenze e modalità di comunicazione del fashion system. L’evoluzione delle tendenze e dello stile è trattata dal punto di vista storico, culturale, sociale ed economico, fornendo gli strumenti per comprendere la contemporaneità della moda, evidenziarne i meccanismi, i personaggi chiave e i fenomeni più rilevanti.

    • COMPUTER GRAPHIC

      La pluralità di metodi e processi della progettazione visiva, sono orientati alla comunicazione e alla presentazione dei progetti realizzati. Attraverso l’insegnamento di aspetti tecnici e metodologici lo studente impara a utilizzare i principali software grafici per realizzare book personalizzati, portfolio e progetti grafici articolati.

    • FASHION DESIGN 2

      Lo studente potrà comprendere e applicare l’intero processo di progettazione, dalla ricerca al prodotto. Sperimenterà, inoltre, le interazioni con le altre discipline artistiche e avrà la possibilità di sviluppare la propria creatività, lavorando in autonomia. Lo studente approfondirà la scrittura di moda, sia per il cartaceo che per il web, affrontando tematiche trasversali al fashion system.

    • ELEMENTI DI PRODUZIONE VIDEO

      Oltre all’apprendimento dei software di progettazione video e delle principali tecniche di ripresa e montaggio, il corso analizza i codici estetici, la pluralità dei linguaggi video e l’influenza sulla percezione e fruizione del sistema moda. Lo studente acquisisce capacità critica verso i fenomeni legati alla produzione video, decodificandone il contenuto e comprendendone le tecniche di realizzazione.

    • STORIA DELLA FOTOGRAFIA 2

      È un percorso attraverso lo studio, le ricerche estetiche, il loro utilizzo ed i fotografi, in rapporto ai mutamenti tecnici ed ai risvolti artistici, culturali e sociali. Il corso pone particolare attenzione alla storia della fotografia nel settore della moda, concentrandosi sull’evoluzione di linguaggi, tecniche di rappresentazione e sullo stile dei fotografi più significativi.

    • LOGICA E ORGANIZZAZIONE D'IMPRESA 2

      Come ulteriore esame dei contenuti del corso di Logica e Organizzazione d’Impresa, Fashion Marketing si propone di analizzare quei fattori che confluiscono nel processo di strutturazione di una collezione di abbigliamento: dalle indicazioni provenienti dal mercato, al trend scouting, all’individuazione dei target. L’insegnamento prosegue con l’individuazione di strumenti di pianificazione, con le relative fasi e tempistiche di produzione e distribuzione, strutturando la collezione per campi merceologici.

    • SEMIOTICA DELL'ARTE

      L’insegnamento si concentra sull’abito e le sue componenti estetiche e semiotiche, comprendendone la rappresentazione nella pluralità dei sistemi di racconto. L’unità tra forma e contenuto e la consequenzialità tra estetica e fruizione, sono esaminate nella loro costruzione e organizzazione, affinché lo studente comprenda la complessità di significato della moda come racconto.

  • 3 Anno

    • TEORIA E ANALISI DEL CINEMA E DELL'AUDIOVISIVO

      La fenomenologia dei media ed il loro rapporto con i linguaggi artistici e i relativi mutamenti, è al centro dell’insegnamento, al fine di fornire allo studente una conoscenza articolata e dialettica dei mezzi cinematografici e audiovisivi, per sottolineare l’intermodalità del cinema e degli altri media e la loro reciproca influenza, nonché le dinamiche di narrazione del testo cinematografico, attraverso lo studio dell’impianto registico, della fotografia, della colonna sonora, della sceneggiatura e dell’impatto visivo complessivo sull’immaginario collettivo.

    • METODOLOGIA PROGETTUALE DELLA COMUNICAZIONE VISIVA

      Come esperienza di sintesi laboratoriale, il corso vuole mettere alla prova lo studente nella produzione di un progetto di comunicazione complesso e strutturato. In questo modo, ci si confronta con la complessità delle fasi di ricerca e lavorazione, a partire da un brief fino alla gestione di un budget.

    • FENOMENOLOGIA DELLE ARTI CONTEMPORANEE

      Obiettivo principale del corso è fornire allo studente un adeguato background culturale riguardante le iconografie e le estetiche delle arti visive intese in tutte le accezioni più attuali, dal video alla performance, dalla net art all’arte installativa. In tal modo il percorso di studi sul design e la moda potrà essere integrato tramite le suggestioni derivanti dall’immaginario contemporaneo. Uno sguardo critico particolare verrà proposto sulla rappresentazione del corpo.

    • FASHION DESIGN 3

      Lo studente sviluppa in modo autonomo il progetto, approfondendo ulteriormente gli strumenti e i processi di progettazione e confrontandosi con il lancio del progetto. Lo studente sarà coinvolto nella realizzazione di un progetto moda curandone sia l’aspetto visivo che i contenuti scritti.

    • SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI

      I principi fondamentali della Sociologia sono illustrati per riflettere sugli stili di vita in cui si generano gruppi affini, e sulle dinamiche d’interazione sociale con i relativi processi di diffusione, codici e linguaggi comunicativi, favorisce la comprensione della produzione culturale e, più in generale, delle variazioni e persistenze nel contesto sociale, spaziale e territoriale. Obiettivo del corso è sviluppare negli studenti la capacità di leggere e interpretare i comportamenti e le dinamiche sociali, comprendere la dimensione socio- culturale delle situazioni d’uso e acquisire la consapevolezza dei significati sottesi al progetto.

    • FASHION DESIGN 4

      Il laboratorio affronta le fasi preparatorie al progetto di tesi conclusivo. Vengono poste le basi per la fase meta-progettuale, ovvero la definizione strategica del progetto, l’impostazione del lavoro di ricerca inerente i temi proposti e la pianificazione delle successive fasi operative.

È lodato quel maestro che fa egli stesso ciò che insegna agli altri
(proverbio italiano)

Allo IED insegnano professionisti che quotidianamente si confrontano con il mercato. Qui puoi approfondire i loro profili professionali.

Mara De Longis - Coordinatrice IED Moda

Mara De Longis - Coordinatrice IED Moda
Designer e fondatrice del brand Toi et Moi Fashion Jewellery, Mara De Longis si diploma in Design della Moda allo IED di Roma nel 1996 per lavorare in seguito come fashion designer e accessories designer per grandi realtà del settore, come MaxMara, D&G, Versace Jeans Couture, Versus, Benetton. É tutt’ora consulente freelance per brand italiani e internazionali di accessori e pelletteria. Dal 2013 è Coordinatrice Didattica IED Moda Roma.

Valeria Palieri - Coordinatrice Fashion Stylist and Editor

Valeria Palieri - Coordinatrice Fashion Stylist and Editor
Giornalista di moda, viaggi e costume. Autrice del programma televisivo “Magazine7” in onda su La7, collabora con le riviste Dove (RCS), Donna Moderna (Mondadori), Book Moda (Publifashion). Ha collaborato con le testate Vogue.it e Cosmopolitan e ha lavorato come programmista regista per i programmi televisivi “That's Italia” in onda su La7, “Effetti Personali” in onda su La7, “CoolTour” in onda su RAI5, “M.O.D.A” in onda su La7, “Guardami” in onda su Rai2. Al cinema ha lavorato come Direttore di Produzione per la pellicola “Memorie di un maniaco per bene” prodotta dalla Cydia srl e interpretata da Giorgio Pasotti. É Direttore Responsabile delle testate Montenapoleone Lifestyle (rivista dell'Associazione Via Montenapoleone) e Via Condotti Lifestyle (rivista dell'Associazione Via Condotti).  

Sofia Gnoli

Sofia Gnoli
Storica della moda e giornalista, insegna storia della moda all’Università Sapienza di Roma. Collabora, come esperta di moda contemporanea, con Il Venerdì di Repubblica, La Repubblica e con Vogue Italia. Consulente scientifica per varie mostre di moda ha recentemente collaborato con il Victoria and Albert Museum per la mostra The Glamour of Italian Fashion 1945-2014. Tra le sue pubblicazioni: The Origins of Italian Fashion 1900-1945 (2014), Moda. Dalla nascita della haute-couture a oggi (2012), Moda e teatro (2008), Moda e cinema: quando l’abito crea la moda (2002) La donna, l’eleganza, il fascismo (2000).

Arianna Pietrostefani

Arianna Pietrostefani
Giornalista di moda e costume. Nasce come autore televisivo per i programmi di moda Oltremoda (Rai Uno) e M.O.D.A. (La7). Collabora con le riviste Style.it, Marieclaire, Grazia. Nel 2010 viene chiamata da Condé Nast Italia a curare lo start- up del sito di Vogue Italia, di cui ha strutturato e coordinato la sezione editoriale/video e scritto per i canali Fashion e Star. Nel 2014 ha sviluppato e strutturato il nuovo sito di Condé Nast Italia, Cn LIVE, in cui oggi lavora come Fashion Editor e Communication manager.

Bonizza Giordani

Bonizza Giordani
Autrice di testi sulla storia del costume e della moda. Già caporedattore della rivista Audrey (1994-2004) e curatrice degli archivi dello CSAC di Parma dal 1981 al 1998. Direttore scientifico della Fondazione Micol Fontana. Curatrice di mostre in Italia e all’estero, tra cui Il disegno dell’Alta Moda Italiana 1940-1970 (Roma e New York), La moda italiana (Giappone itinerante), Valentino trent’anni di magia (Roma e New York 1991), Donne tra brividi ed emozioni (Museo Boncompagni Ludovisi, Roma 2002), Della moda e del costume (Roma 2000), Lo Spettacolo della Moda, Federico Schubert (Napoli 2004), La Sardegna veste la moda (Palazzo Pitti, Firenze e Cagliari 2009).

Gaetano Alfano

Gaetano Alfano
Freelance photographer. Collabora a progetti di ricerca universitari per l’arte in Italia e all’estero, segue i lavori di artisti contemporanei da una posizione critico-analitica, realizza progetti fotografici per aziende. Durante la laurea in Storia dell’Arte ha approfondito i sistemi di documentazione fotografica per i beni culturali e per l’arte. Negli ultimi anni tiene corsi sulla composizione fotografica nella cultura contemporanea presso la facoltà di Conservazione dei Beni Culturali di Viterbo.

Marco Grisolia

Marco Grisolia
Marco Grisolia è fashion designer e fashion stylist. Dopo la scuola Artistica prosegue i suoi studi all’Accademia di Belle Arti di Brera, dove si specializza in scenografia. Il ruolo di assistente dello sviluppo creativo per il marchio Pal Zileri sigla quello che sarà il suo futuro, fino all’incontro nel 2010 con la brand manager Paola Romaniello, con la quale nasce subito un’intesa che li porterà a fondare il brand COVHERIlab by Marco Grisolia. Vanta partecipazioni ad eventi promossi ed organizzati da Vogue Italia, come l'exhibition  "The Vogue Talents Corner" a Palazzo Morando in collaborazione con Yoox, l’exhibition della FW 2012.13 presso White Show Milano. Vanta numerose recensioni su blog e note testate tra cui Vogue Italia, Vanity Fair, Marie Claire,  Glamour, Gioia etc.

Barbara Manto

Barbara Manto
Dopo la laurea in Giurisprudenza e la specializzazione negli USA in Marketing e Comunicazione, inizia a lavorare nel 1987 come responsabile della promozione e della comunicazione per lo stilista Fausto Sarli, con il quale collabora per oltre 10 anni, assumendo dal 1988 le funzioni di direttore generale. Nel 1996 lascia la maison Sarli e collabora come free lance con varie aziende per la promozione, l’organizzazione di eventi, la gestione della comunicazione e le pubbliche relazioni per la moda, lo spettacolo, il cinema, l’arte e la cultura. Nel 2000 fonda l’agenzia BM Consulting, specializzata nell’organizzazione di eventi e comunicazione per la moda che annovera tra i suoi clienti stilisti, istituzioni, enti e aziende tra cui L’Oreal, AltaRoma, Ermanno Scervino, Sephora, Louis Vuitton, Theodora-Hermes, La Gardenia, Pandora, Tony ward, D’Inzillo, Lucia Odescalchi Jewels,  Raffaella Frasca, FAO.  

Irene Pollini Giolai

Irene Pollini Giolai
Social media manager e Consulente di comunicazione per il fashion brand Mariù de Sica, Milano. Giornalista e Social media manager per Essentaste.com. Editor, Blogger e Art scouter presso More Mondadori, Milano. Fashion editor per MAXIM Italia. A giugno 2011 fonda  www.thelostinnocence.com, un blog dedicato ad arte, moda, cinema, fotografia (Vice network). Opinionista per LOVELINE / MTV. Giornalista per Vogue.it (Sezione New Talent). Event manager per il Salone del Mobile.  

Federica Trotta

Federica Trotta
Lavora come Editor in chief del magazine Mia Le Journal. Frequenta showroom e atelier seguendo da vicino le proposte degli stilisti e le tendenze del momento. Fondatrice dell’agenzia Mia Visual Studio e stylist consulting per Wella spa e Red Valentino. Ha collaborato freelance come stylist e art director per la realizzazione di campagne pubblicitarie, lookbook, consulenze e styling sfilate. Tra i clienti con cui ha lavorato: Bulgari, Valentino, Procter & Gamble, Sony production, Warner music, Alessandra Giannetti, Dominio Undici, Irakli Paris, Lumen et Umbra etc.  

Simona Petrollini

Simona Petrollini
Art director, laureata in Architettura e specializzata in Comunicazione Visiva, lavora come consulente per agenzie di pubblicità e comunicazione nel settore dei beni di lusso.

Luigi Piccolo

Luigi Piccolo
Direttore della Sartoria Teatrale Farani. Nato a Udine, studia Lettere all’Università di Padova. Inizia la sua carriera nel mondo dello spettacolo come assistente costumista di Paolo Tommasi. Grazie all’incontro con Giancarlo Cobelli conosce Piero Farani di cui diventa stretto collaboratore nei primi anni ‘80, acquisendo l’esperienza necessaria  per poi guidare la Sartoria dal 1997.

Carlo Maria Sambati

Carlo Maria Sambati
Dopo una formazione come orafo e prototipista in metallo e cera, collabora con aziende nazionali ed estere per la riqualificazione del campionario e la progettazione di linee d’oreficeria, gioielleria, e bigiotteria, realizzando anche modelli e campioni. Al lavoro di design accompagna l’individuazione di tendenze di mercato e strategie di comunicazione del prodotto. Dal 1988 si occupa di formazione, in qualità di progettista di corsi e docente. Dal 2006 collabora con l’area marketing dello Studio Concept di Roma.e si occupa d’editing per il settore lusso.

Mauro Bazzucchi

Mauro Bazzucchi
Giornalista professionista dal 2003. È caposervizio dell’agenzia di stampa AGV, collaboratore di Radio Capital e dell’Espresso. Inizia la sua carriera professionale nel 2000 a Kataweb nel gruppo Espresso, dove si occupa dei contenuti di kw-video, una delle prime web-tv italiane. Nel 2003 viene inviato in Parlamento come corrispondente e iscritto all’Associazione stampa parlamentare, di cui fa ancora parte. Nel 2001 scrive, per Editori Riuniti, il libro “Craxi vostri”, satira di costume sul mondo politico dagli anni Ottanta ad oggi. È autore e speaker radiofonico per l’emittente Radio città aperta.  

Giulia Grechi

Giulia Grechi
Laureata in Scienze della Comunicazione e Dottore di Ricerca in Teoria e Ricerca Sociale all'Università La Sapienza di Roma, Giulia Grechi si occupa della relazione tra scienze sociali, antropologia, comunicazione, studi culturali e postcoloniali, con una focalizzazione sui linguaggi visuali, l'arte contemporanea e la rappresentazione del corpo. Insegna Fotografia (Comunicazione Sociale) presso l'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano e Antropologia Culturale all’Accademia di Belle Arti di Napoli. Ha pubblicato La rappresentazione incorporata, una etnografia del corpo tra stereotipi coloniali e arte contemporanea, Bonanno Editore, 2010.

Lorenzo Pellegrini

Lorenzo Pellegrini
Laureato in Ingegneria Informatica alla Sapienza di Roma, Executive MBA al Politecnico di Milano, da oltre 15 anni lavora nel mondo degli spot per la televisione e il cinema. Dopo aver lavorato come ingegnere nel mondo ICT e aver creato una newco nel mondo dell’Event Management, nel 2012 fonda App To You, società di comunicazione focalizzata su innovazione, marketing, tecnologia e comunicazione efficace che in meno di due anni annovera tra i suoi clienti Altaroma, Aeroporto di Firenze, ESA, L’Invisibile, Play Viaggi, CNR, CISL, Research Italy, Marco Di Vaio, Roscioli, Panella e altri ancora.  

Enrico Petti

Enrico Petti
Architetto e video designer, lavora presso lo studio di architettura di Roma A.M.Architetti dove svolge il ruolo di architetto e promotore grafico della progettazione; come freelance lavora nel campo del video design per cinema, tv e teatro.

Alessandro Guasti

Alessandro Guasti
Storico del costume e critico di moda, dal 2008 collabora con la Galleria del Costume di Palazzo Pitti a Firenze, con l'incarico di responsabile della schedatura ministeriale delle opere e autore di numerosi saggi per le pubblicazioni del museo (Moda fra analogie e dissonanze, Donne protagoniste del Novecento, La Sardegna veste la moda). Già redattore di moda, arte e design per trasmissioni tv (Oltremoda Rai1, M.O.D.A. La7), portali web (Vogue.it,  Exibart) e riviste del settore (Montenapoleone, Via Condotti, Be Kid), è anche autore di alcune monografie (Caravaggio - 2004, Michelangelo - 2005,  Leonardo - 2006) ed di un'antologia (Impressionisti - 2008) di grandi artisti e movimenti pittorici.

Giulio Mazzarini

Giulio Mazzarini
Dopo la laurea in Sociologia presso l'Università La Sapienza di Roma, frequenta il Master in Design Studies al Central Saint Martins College of Art & Design di Londra. Qui lavora alla fondazione del portale di comunicazione della moda WGSN. In seguito fonda GEM, uno studio di comunicazione visiva e consulenza che lavora per marchi come Aston Martin, Conde’ Nast, Reebok, Manchester United e molte altri. È attualmente Professore Associato presso il Central St Martins College of Arts ed il Chelsea College of Arts di Londra, l' Ecole Superieur de Publicite' di Parigi, lo IED di Roma ed altri prestigiosi istituti.  

Danilo Falà

Danilo Falà
Fotografo specializzato in fashion e still life, inizia la sua esperienza a New York con il suo primo progetto personale “The Golden Rule”, da qui decide di iscriversi all’Istituto Europeo di Design. Terminati gli studi ha iniziato a lavorare freelance come photo editor per EBB New York s.r.l. portando avanti allo stesso tempo i suoi progetti fotografici.  Attualmente ha fondato Mia Visual Studio pensato per offrire una molteplicità di servizi nel campo dell’immagine e delle arti visive. Collabora con vari magazine del settore.  

Silvia Cutuli

Silvia Cutuli
Giornalista professionista, specializzata in Giornalismo di Moda. Collabora da diverse edizioni in qualità di programmista-regista al programma televisivo "m.o.d.a." (La7) – rotocalco di informazione su moda, costume, design, arte e lifestyle. É inoltre contributor per le riviste BOOK MODA Donna, Uomo e Haute Couture (Publifashion Editore) e per i semestrali "Via Condotti" – "Via Montenapoleone" (Equos Adv. Editore). In qualità di Web Content Editor cura la sezione "fashion" del portale ww.montenapoleoneweb e www.montenapoleone.tv.