Digital Content Editor

Corso Formazione Avanzata - Milano

Scarica la brochure

|| Speciale EARLY BIRD ||
Questo corso partecipa ad una promozione che offre un'agevolazione del 15% sul costo della retta di frequenza per tutte le iscrizioni formalizzate entro e non oltre il 20/11/17.

Scopri quii tutti gli altri titoli in Early Bird

In un mondo dominato dai nuovi linguaggi della rete che, in continua evoluzione, richiedono un aggiornamento costante, il Corso di Formazione Avanzata in Digital Editor si rivolge a chi vuole diventare un professionista della comunicazione on line. Obiettivo del corso è formare una nuova figura professionale con competenze poliedriche nella creazione e nell’editing del content, materia prima del web. Mirato a fornire l’how to riguardante la manipolazione delle immagini, alla produzione di contenuti video e testuali legati ai linguaggi della rete, indaga e mette in luce gli scenari attuali della comunicazione on line. Il Digital Content Editor abbina alle capacità tecniche e creative un’etica funzionale sia nell’ambito del lavoro autonomo sia in quello aziendale.

Sbocchi professionali

Al termine del Corso di Formazione Avanzata in Digital Editor, i partecipanti possono lavorare in proprio come liberi professionisti o presso un’azienda o una casa editrice, in qualità di Content Provider Editor, Content Manager, Content Developer, Community Manager.


 

  • Partenza
    Gennaio 2018
  • Durata
    7 mesi
  • Frequenza
    weekend
  • Lingua
    Italiano

A chi è rivolto:

Il Corso di Formazione Avanzata in Digital Editor si rivolge a chi lavora nel mondo del web o, in particolare, del content brand, a chi opera nel settore dell’editoria, a giornalisti che hanno bisogno di convertirsi al mondo digitale, a startupper, laureandi e laureati intenzionati a specializzarsi nelle professioni legate al digital.

Indirizzi di specializzazione:

Il Digital Content Editor è un’eclettica figura professionale le cui mansioni spaziano dal content providing al content e community management. Agisce come un “artigiano” della comunicazione in un contesto lavorativo che privilegia la manodopera dell’informazione come materia prima, declinata nelle forme di gift, video, post, articoli short e longform, gallery, quiz e status sui social network la cui sostanza è in perenne divenire grazie ai nuovi linguaggi in mutamento della rete.

Metodologia e struttura:

Il Corso di Formazione Avanzata in Digital Content Editor esplora i nuovi linguaggi multimediali resi possibili dagli strumenti di editing endemici al mondo on line (gallery, quiz, articoli corredati d’immagini in movimento quali le gift).

Il percorso si snoda tra i mondi paralleli dell’editoria e del brand, entrambi serviti dalle varie forme di web content. Si affronta l’ambito lavorativo del Digital Editor, creatore/artigiano che costruisce content e supervisiona i content di terzi offrendo nuove prospettive.

E’ previsto un workshop di scrittura per il web con l’obiettivo di insegnare una corretta scrittura on line, indispensabile alla costruzione di content efficaci. Gli studenti si dedicano all’elaborazione di content short, longform e formati cross media ibridi per il brand editoriale e commerciale.

Si analizza l’importanza dei big data, ovvero gli strumenti di analisi come Google Analytics, oggi imprescindibili per valutare l’efficacia della produzione di content (post per il blog) per un mondo on line che si evolve verso la personalizzazione dei servizi offerti all’utente.

Gli studenti arrivano all’acquisizione dei know how legati ai nuovi strumenti editoriali. Piattaforme di scrittura on line come Wordpress sono essenziali per la costruzione di content on line.

Alle lezioni teoriche si affiancano laboratori di photo & video editing realizzati da personalità di spicco del settore web, che consentono agli iscritti di esercitarsi in classe costruendo un archivio di materiali realizzati ad hoc, una sorta di portfolio individuale, utile eventualmente in sede di colloquio.

Durante il corso gli studenti sviluppano un progetto collettivo in collaborazione con un sito leader dell’universo on line italiano.

Sono previste due tavole rotonde mirate a discutere, con esperti di linguaggi e business model per la rete, il futuro del content e i possibili sviluppi economici per chi è interessato a realizzare un suo progetto o una startup on line.

  • Insegnamenti

    • Gli scenari attuali della comunicazione online

      Si può ancora parlare di mondo virtuale? Probabilmente no. La Rete ormai è un luogo fisico di scambio ed espressione di opinioni, stili di vita, informazioni. È una vasta piazza, tutt’altro che immateriale, nella quale ognuno di noi si muove ogni giorno incontrando soggetti e oggetti diversi. Il Corso di Formazione Avanzata per diventare Digital Editor parte da qui, dall’esplorazione delle caratteristiche intrinseche a questo paesaggio in costante mutamento.

    • Il mestiere del Digital Editor

      La Rete vive di contenuti (content, in inglese), ossia unità di senso che si declinano in forme differenti di volta in volta. Sono queste l’infrastruttura del mondo online, il mezzo e il messaggio atti a garantire una comunicazione in perenne rivoluzione. Il Digital Editor fruisce content, costruisce content, supervisiona content costruiti da terzi, offre una prospettiva su quei content. La sua materia – l’informazione – è viva. È un creatore, un artigiano.

    • I nuovi linguaggi del web

      Gli strumenti di comunicazione online hanno reso disponibili a tutti delle nuove forme di espressione, liminari e intermedie rispetto al contenuto breve o lungo che già esiste negli altri media. Dei nuovi linguaggi endemici al web fanno parte – banalmente – le gallery, i quiz, gli articoli corredati di immagini in movimento quali le gif. E molto altro.

    • Workshop di scrittura per il web

      Scrivere per la Rete è alla portata di chiunque lo desideri grazie ai blog e ai social. Eppure man mano che il mondo online assume dei connotati precisi, si affaccia la necessità di una scrittura sapiente e consapevole che sia esclusivamente legata alle proprietà uniche e distintive del mezzo. Il Corso di Formazione Avanzata per diventare Digital Editor si pone come obiettivo precipuo l’insegnamento di una corretta scrittura online, indispensabile alla costruzione di content efficace.

    • Laboratori di photo & video editing

      Le immagini e i video sono forme di contenuto modulari e ibridabili al testo secondo le possibilità offerte dalla Rete. I Laboratori di photo & video editing, realizzati da premiati professionisti, mirano a fornire gli strumenti di base per la produzione di questo tipo di content.

    • Elaborazione di content short, longform e formati crossmedia ibridi per il brand editoriale e commerciale

      Durante il Corso sarà richiesto agli iscritti di elaborare contenuti brevi (quali, ad esempio, news) e lunghi (quali ad esempio testi nati da esperienze di immersive journalism). Entrambi potranno confluire nella creazione di content ibrido o crossmediale, ossia la tipologia di contenuto che mescola il testo a video, immagini e altre forme di media. Endemica ed esclusiva al mondo online, quest’ultima possibilità di espressione ha amplificato e continua ad amplificare la comunicazione verbale e analogica fino a trasformarla del tutto in maniere imprevedibili.

    • Community management

      Uno dei possibili sbocchi lavorativi per un Digital Editor è il community management. Il community manager di una piccola o grande testata contribuisce a creare una comunità di individui attorno al marchio, fidelizzandola attraverso la diffusione di un certo numero di contenuti – nati per la testata o a essa attinenti – sui social network. Al community manager pertengono anche le mansioni di moderazione della discussione oggi comune sui social.

    • Corporate content management

      Un Digital Editor che abbia raggiunto sufficiente esperienza può decidere di specializzarsi nella supervisione e nell’editing di contenuti di terzi. Mansione oggi niente meno che vitale in qualsiasi redazione editoriale, il Content Manager può avere la responsabilità di selezionare content provider e content ai fini di scolpire la linea editoriale del suo marchio.

    • L’importanza dei big data

      Strumenti di analisi come Google Analytics sono oggi imprescindibili per chiunque desideri valutare l’efficacia della sua produzione di content (che si tratti di post per il proprio blog o articoli al servizio di un grande marchio) per un mondo online che si evolve verso la totale personalizzazione dei servizi offerti all’utente.

    • Acquisizione dei know how legati ai nuovi strumenti editoriali

      Piattaforme di scrittura online come Wordpress sono esiziali per la costruzione di content online. Il Corso punta, tra gli altri obiettivi, a fornire i rudimenti per una corretta gestione e ottimizzazione delle possibilità offerte dagli strumenti di editing.

    • Creazione di portfolio individuali a partire dal materiale creato in classe

      Le varie tipologie di content realizzate dagli iscritti durante il Corso andranno a costituire un corpus affine al portfolio, perfetto per essere presentato a un’azienda in fase di colloquio.

È lodato quel maestro che fa egli stesso ciò che insegna agli altri (proverbio italiano)

Allo IED insegnano professionisti che quotidianamente si confrontano con il mercato. Qui puoi approfondire i loro profili professionali.

Marina Pierri

Marina Pierri
Si è laureata in Semiotica a Bologna, dopo di che ha frequentato un Master, due stage - uno per Mtv a Milano e uno per un'etichetta discografica a Seattle-, due corsi di specializzazione e ha insegnato Scrittura per il Web presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore. Ha studiato all'Università di Berkeley e preparato la sua Tesi di Laurea a Parigi. Oggi si occupa a tutto campo di cultura pop: musica, cinema, tv, libri, fumetti, videogiochi per la testata Wired su cui scrive quotidianamente; lavora anche come Corporate Content Provider per il marchio Max Mara.

Rino Stefano Tagliafierro

Rino Stefano Tagliafierro
Studente IED e autore del pluripremiato corto BEAUTY. Esperto nel ritocco immagini e nella scienza delle immagini di movimento online.

Andrea Girolami

Andrea Girolami
Responsabile della sezione video di Wired.it, ha anche creato la prima web radio italiana, scritto e diretto i cortometraggi di Pronti al Peggio e scritto un libro sul vocabolario della rete intitolato L’atlante delle cose nuove.

Francesca Piovano

Francesca Piovano
Fashion editor e fashion stylist per Glamour Italia, ha già lavorato nelle fila di Flair e di Mtv, dove ha accumulato esperienza nella produzione video.

Silvia Bombino

Silvia Bombino
Caporedattore di Vanity Fair con specialità cultura e spettacolo.

Valerio Bassan

Valerio Bassan
Ha creato insieme a Philip di Salvo un pdf davvero interessante sul giornalismo online del presente e del futuro: http://www.wired.it/attualita/media/2015/03/05/next-journalism-ebook/. Si chiama Next Journalism

Philip Di Salvo

Philip Di Salvo
Ha creato insieme a Valerio Bassan  un pdf davvero interessante sul giornalismo online del presente e del futuro: http://www.wired.it/attualita/media/2015/03/05/next-journalism-ebook/. Si chiama Next Journalism

Valentina Barzaghi

Valentina Barzaghi
Valentina Barzaghi, classe 1982, si è laureata in Linguaggi dei Media (facoltà di Lettere e Filosofia) e diplomata in Sceneggiatura Cinematografica e Scrittura Televisiva presso la Scuola Civica di Cinema di Milano. È stata Direttore Responsabile e Cinema Editor di PIG Magazine e ha co-fondato nel 2012 il magazine in lingua inglese Alla Carta. Scrive di cinema per grazia.it e di lifestyle per amica.it. Lavora come consulente marketing e comunicazione presso Retrosuperfuture, dove coordina anche i contenuti video del brand. La sua specialità, dall'editoria al cinema, è quella tipologia di cultura definita indipendente, termine oggi abusato, ma che non ha ancora una sostituzione nell'immaginario comune.

Davide Mancini

Davide Mancini
Davide si occupa di videogiochi ed è esperto di piattaforme di publishing. Scrive The Games Machine, ma potete cercarlo anche su davidemancini.co e The Shelter Network.

Marco Mucig

Marco Mucig

Marco Salom

Marco Salom
Marco Salom, fondatore della Angelfilm, ha diretto e prodotto una quantità impressionante di videoclip per artisti italiani di rilevo per il panorama musicale nazionale e internazionale. Nel suo curriculum si annoverano Ligabue, Tiziano Ferro, Jovanotti, Skin, Elisa, negramaro, Marracash, Paola Turci, Giorgia, Laura Pausini, Paolo Conte, Malika Ayane, i Verdena, Pino Daniele e Luca Carboni solo per citarne alcuni.

Nur al Habash

Nur al Habash
Direttore di Rockit.it, il sito di musica italiana che cura da dieci anni l’organizzazione del Mi Ami Festival che richiama fan da tutta Italia.

Simone Stefanini

Simone Stefanini
Simone è la penna di punta di Daily Best, sito di infotainment nato sotto l'ombrello dell'agenzia Better Days che gestise  anche Rockit.it.

Gabriele Verratti

Gabriele Verratti
Gabriele Verratti scrive di moda con creatività e inventiva rare nel suo campo. È da anni Fashion Editor di Grazia.it presso Mondadori, ma lavora anche per il maschile Icon.

Francesco Costa

Francesco Costa
Francesco Costa è il vicedirettore de Il Post, il primo quotidiano online italiano, fondato da Luca Sofri.

Jacopo Cirillo

Jacopo Cirillo
Jacopo scrive su Topolino e Paperinik, ma soprattutto ha fondato e dirige il sito di critica letteraria Finzioni.

Virginia Ricci

Virginia Ricci
Editor di Noisey (l’incarnazione musicale di Vice) e Vice Italia.

Gaia Berruto

Gaia Berruto
Vice caposervizio a Wired Italia presso Condé Nast, dove si occupa anche della sezione Idee.