FASHION DESIGNER

Superato il concetto di semplice stilista, oggi il mercato chiede dei Fashion Designer in grado di interpretare al meglio le emozioni di cui abiti e accessori si fanno, per loro natura, portatori. Un nuovo modo di guardare agli oggetti, quindi, ma soprattutto di capire la complessa trama di relazioni tra persone, bisogni e sentimenti che si nasconde dietro alla parola “moda”. Il Fashion Designer deve saper cogliere la ricchezza e la complessità del mondo che lo circonda e, sulla base di queste informazioni, tradurre in un racconto la sensazione e lo stile.

FashionDesign_IED_

Nella moda qualcosa sta cambiando

Sara Azzone e Olivia Spinelli, rispettivamente Direttore della Scuola di Moda e Coordinatore del triennio in Fashion Design in IED Milano, hanno spiegato a Iodonna cosa sta cambiando nel Fashion System e qual è la risposta di IED alle rapidissime e fondamentali trasformazioni che si verificano sotto i nostri occhi. La digitalizzazione imperante spinge i creativi alla costante osservazione dei trend all'interno dei diversi canali di comunicazione: nel cinema, nella musica, online ma anche per strada, nel modo che hanno le persone di esprimere se stesse tramite l’abito. Le aziende, a loro volta, si adeguano nella vendita e nel marketing, alla ricerca di professionalità sempre più a cavallo tra l’ufficio stile, l’event e il marketing management. Ne emergono figure ibride: e-commerce manager, fashion country manager, ricercatore di tendenze, fashion event coordinator. Leggi l'intervista completa.

Laboratorio di Tessitura IED Cagliari

Gli studenti del corso di Fashion Design di IED Cagliari hanno a disposizione uno spazio di lavoro attrezzato per l’insegnamento e l’applicazione pratica delle tecniche di modello e sartoria con l’utilizzo di attrezzature specializzate e sotto la guida di docenti esperti. Il laboratorio dispone di macchine da cucire lineari, macchina per cucire zig zag (asole, ricami), taglia-cuci, postazione stiro (ferro da stiro, asse e braccio mobile aspirante), tavoli da lavoro e manichini.

IED Firenze e Fondazione Guggenheim si confrontano con il retail di domani

Nel mese di maggio, gli studenti del corso di Fashion Design di IED Firenze sono stati impegnati nello sviluppo di una app per mobile in collaborazione con la Fondazione Guggenheim. I diplomandi di oggi devono imparare a promuovere i loro marchi e le loro creazioni future oltre che nel mercato "reale" anche in quello on-line. E in questo caso la formazione IED, fortemente orientata verso scenari in evoluzione fornisce la base ottimale per la costruzione di un profilo professionale al passo con i tempi. "Per rimanere competitivi, e' assolutamente importante che gli studenti di moda acquisiscano più competenze", ha detto Alessandro Colombo direttore di IED Firenze. "Stiamo sviluppando un marchio all'interno della scuola e il marchio sarà sviluppato da tutti gli studenti dei 37 corsi che abbiamo". "Abbiamo bisogno di preparare i futuri manager dell'e-commerce", ha aggiunto Colombo "Il nostro focus quest'anno è quini incentrato sul futuro del retail, per comprendere come le persone si comporteranno nei prossimi 5-10 anni." Puoi leggere un articolo in lingua inglese suelle attivita di IED Firenze QUI

Backstage tesi - Ernesto Canto per Ermanno Scervino

Backstage di shooting del progetto di tesi di Ernesto Canto, studente del terzo anno del corso di Diploma Accademico in Fashion Design. Tesi realizzata in collaborazione con Ermanno Scervino.
Docenti Alessandro Moroni Marina Nelli
BRIEF Progettare una collezione uomo/donna per la linea prodotta dalla committenza, prendendo in considerazione le linee guida fornite dal brand. La collezione progettata da ogni studente include lo studio di 60 capi di cui 30 circa costituenti il focus scelto da ciascun studente (in sintonia con l’azienda e con le proprie propensioni).

MILANO MODA GRADUATE SHOW

Milano Moda Graduate è la nuova manifestazione annuale promossa da Camera Nazionale della Moda Italiana, in collaborazione con Triennale di Milano e Piattaforma Sistema Formativo Moda. L'iniziativa nasce con l’obiettivo di raccontare il lavoro di eccellenza delle scuole di moda italiane, mettendo in contatto gli studenti di moda dell’ultimo anno con gli operatori del settore. Per la prima volta la Camera Nazionale della Moda Italiana promuove un’iniziativa di sistema innovativa e che coinvolge le migliori scuole di moda italiana tra cui in prima linea IED. Infatti sono stati ben tre gli studenti IED – Tarinii Martinsen, Alice Illi, Bao Junyi – che si sono distinti per estro, creatività e originalità. La serata si è conclusa con un ulteriore riconoscimento per IED: ad Alice Illi è stato assegnato il premio Vogue Talents.

FRAMES - FASHION SHOW IED @ROMA

LIGNEAH, IL BREVETTO CRUELTY FREE

Molti sono i talenti IED che dopo il diploma si sono lanciati in un progetto imprenditoriale. Tra i tanti c'è la start up di Marta Antonelli, diplomata in Shoes and accessories design e affascinata fin da piccola dal mondo della moda. Il sogno nel cassetto di Marta? Coniugare l'amore per il fashion con quello per la natura. Marta ha tradotto in realtà il suo desiderio e ne ha fatto una start up, che ha l'obiettivo di sostituire agli accessori la pelle animale con un materiale sostenibile e cruelty free. Supportata dal papà Marcello, decide di creare un marchio brevettando un materiale che si ricava da una particolare lavorazione del legno, prima accoppiato al tessuto e successivamente microinciso al laser. Nasce così il brand Ligneah, un’idea imprenditoriale che valorizza innovazione e design, facendo ricerca nel campo dei materiali sostenibili. Dopo aver disegnato una mini collezione, Marta e il padre decidono di partecipare a ‘So Critical So Fashion’ di Milano, fiera dedicata alla moda sostenibile. Questo porta alla loro impresa una grande visibilità. Ora grandi aziende e designer la contattano per poter utilizzare il materiale, proprio perché è sostenibile e risponde alle esigenze di stile e design che le aziende richiedono. I nomi delle borse sono evocativi e riprendono quelli delle ninfe della mitologia greca. La collezione conta anche portafogli, portatablet e portacellulari, tutti disponibili nello shop on line.

who is on next? 2014: Salvatore Piccione, uno che ha fatto lo ied

A vincere l'edizione n.10 del concorso, tra 9 finalisti è lo stilista siciliano Salvatore Piccione, diplomato IED, classe 2008, con il brand Piccione.Piccione.
"E' stata una scelta difficile, la qualità dei concorrenti è aumentata", afferma Franca Sozzani, direttore di Vogue Italia, il magazine che collabora con AltaRoma per la realizzazione del talent della moda che scopre i nuovi designer internazionali.
Oltre al podio di Piccione.Piccione, brand premiato "per il concetto di donna che ha scelto, per le stampe e i ricami" c'è anche il riconoscimento a Daizy Shely "per la creatività spiccata e le sue potenzialità", nella sezione abbigliamento. Non ultimo, Corion di Milica Stankovic ha vinto nella sezione accessori "per l'altissima qualità e artigianalità". -
Chi è Salvatore Piccione

MADE IN WASTE - l'apparenza inganna

Guidati dall’esperienza di Moreno Ferrari, designer, stilista ed architetto del corpo, e grazie alla disponibilità di materiali di diversa provenienza e natura, i partecipanti sono invitati a creare accessori di moda e capi d’abbigliamento, complementi di arredo e oggetti legati al territorio fiorentino, cibo e musica.
Ai giovani designer vengono messi a disposizione materiali diversi come tessuti, suole di scarpe, filati e fondi di magazzino donati dalle aziende NR Rapisardi, Faliero Sarti e dai Distretti di Prato e di Como. Il focus del workshop è sui modi di comunicare la propria creatività indipendentemente dalle capacità artistiche, dal tempo e dai materiali a disposizione. I partecipanti sono infatti chiamati a dare nuova vita agli scampoli di tessuto o a un capo o accessorio in disuso. Obiettivo del laboratorio è quindi sviluppare la creatività dei partecipanti, spingendoli oltre i loro limiti creativi per arrivare alla creazione di oggetti dal valore unico, in termini di design, funzionalità ed estetica.

SANDRO GONNELLA - UNO CHE HA FATTO LO IED

Dal 2005 Sandro produce occhiali unici al mondo, come un "sarto degli occhiali". "Ognuno di noi è unico e irripetibile. Trovo molto appagante trasformare ogni desiderio del cliente in un oggetto di design", afferma. Sandro si diploma in Product Design in IED nel 2003 e inizia a lavorare in una delle aziende leader del settore, per poi dedicarsi al suo progetto. Sandro Gonnella è stato scelto da Samsung Maestros Academy come testimone di Maestro Digitale. IED e Samsung Maestros Academy danno vita al nuovo corso che forma professionisti completi in grado di creare, sviluppare, gestire e comunicare un progetto artigianale attraverso nuovi strumenti della digital fabrication. Il corso è a numero chiuso. Si accede superando una selezione: 12 studenti per 12 borse di studio. Per informazioni

D.A.T.E.@IED

D.A.T.E.@IED, una sera di moda, arte e creatività.
La collaborazione tra il brand toscano D.A.T.E. e IED Firenze ha portato alla creazione di un evento moda ideato ed organizzato dagli studenti del corso estivo in Fashion Event e Public Relations. Il 25 luglio 2013 D.A.T.E. ha presentato la nuova collezione D.A.T.E.*HUB Limited Edition Apparel Collection e la collezione D.A.T.E. autunno/inverno 2013 Sneakers Collection, presso IED Firenze. Con il motto ‘Creation has no limits’ è stata presentata un’installazione in cui, fra luci e composizioni simili a vetrine, ha mostrato la collezione D.A.T.E.*HUB Limited Edition. Una performance live dell’artista IUCU [di FIRENZE FU*TURISTA] ha accolto gli ospiti all'entrata della sede, dando il benvenuto all'evento D.A.T.E.@IED.

VOGUE TALENTS INTERVISTA LOUISE OLSSON, FASHION DESIGNER FOR KIDS

Dopo gli studi in Fashion Design presso IED Milano, la prima "creatura" di Louise Olsson, ex studentessa, è una collezione pensata a misura di bambino. Traendo ispirazione dagli acquerelli del ritrattista e illustratore svedese Carl Larsson, Louise dà voce e fantasia ai più piccoli perché siano liberi di esprimere se stessi attraverso la moda.
Sfoglia la gallery e scopri dove passione e immaginazione hanno portato questa giovanissima Fashion Designer!

MARIA GRAZIA CHIURI DA IED A DIOR PASSANDO PER VALENTINO

Dopo 17 anni da Valentino di cui otto come co-direttore creativo Maria Grazia Chiuri lascia Valentino per intraprendere un nuovo percorso professionale che quasi sicuramente sarà come direttore creativo della maison Dior. Pierpaolo Piccioli diventa unico direttore creativo della casa di moda di Piazza Mignanelli. Lei e Pierpaolo Piccioli si sono incontrati allo Ied di Roma e hanno cominciato insieme il proprio percorso professionale prima da Fendi e poi da Valentino. La separazione arriva dopo 25 anni di sinergia creativa e di successi congiunti: « ci siamo dati l'opportunità di proseguire il nostro cammino artistico in modo individuale con l'augurio reciproco di ulteriori grandi successi», hanno detto Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli. Leggi la notizia completa QUI

IED e SAVE THE DUCK @GENDERACTION

Dal 12 al 14 gennaio all’interno del palinsesto di GenderAction, la raccolta di eventi organizzati da IED in concomitanza con l’89° edizione di Pitti Uomo, si terrà Save the Duck, un progetto in collaborazione con l’omonimo marchio di abbigliamento, che vedrà l’attiva partecipazione degli studenti delle sedi di Milano, Firenze, Torino, Como e Roma. Gli studenti IED sono all'opera da dicembre e, ispirandosi ai temi di ecologia e riciclo, Leitmotiv del brand, stanno arricchendo in maniera creativa e con materiali innovativi i piumini Save The Duck. I lavori finali saranno esposti presso la sede IED Firenze. I cinque lavori ritenuti meritevoli di particolare attenzione saranno inoltre presentati a Nicolas Bargi, Amministratore Delegato di Forest (titolare del marchio Save the Duck) ed esposti presso la fiera di Pitti Uomo 89 all’interno della rassegna Save The Talents il 13 gennaio a partire dalle ore 19:30.

IED GRADUATES FASHION SHOW + SWISS CROSS TEXTILE 2015

IED è protagonista della Milano Moda Uomo 2015, portando in scena il ‘Graduates Fashion Show 2015’ e presentando, con il Consolato generale di Svizzera, la terza edizione dello ‘Swiss Cross Textile Award’.

Alcuni tra i più promettenti studenti del corso di Triennale in Fashion Design di IED Milano si ispirerano a 20 dipinti di artisti contemporanei esposti all’interno di “Don’t Shoot the Painter. Dipinti dalla UBS Art Collection”, per realizzare oufit che riflettono i dipinti e siano realizzati con le pregiate stoffe, eccellenza svizzera, ben rappresentata dall’Associazione Tessile Svizzera (Swiss Textiles).

L’evento è il risultato della duplice sfida per gli studenti IED guidati da Sara Azzone, Direttore IED Moda Milano: celebrare la qualità del tessuto svizzero e interpretare con un progetto le molteplici idee, emozioni e sensazioni suscitate da un’opera d’arte.

L’oufit migliore consente allo studente di vincere lo “Swiss Cross Textile Award” e di ricevere un premio pari a € 2000,00. messo in palio dall’Associazione Tessile Svizzera. La giuria d’onore, presieduta dal Cav. Lav. Mario Boselli – Presidente Onorario della Camera Nazionale della Moda Italiana è composta dalle voci più autorevoli del settore fra cui: Sara Maino – Senior Fashion Editor Vogue Italia e Vogue Talent, Riccardo Grassi – Fondatore di Riccardo Grassi Showroom, Claudio Antonioli – Titolare Antonioli Milano, Stefano Satta – Head of Marketing UBS (Italia) , Tiziana Cardini - Fashion Director La Rinascente, Davide Dallomo – Presidente Lagente, Giorgio Martelli – Vice Direttore Gruppo Editoriale L’Espresso, Marina Masoni – Presidente Ticino Moda, Laura Lusuardi – Fashion Director Max Mara, Rino Fasol – Direttore STA, Simon Pidoux – Consigliere dell’Ambasciata Svizzera, Anita Clerc – Responsabile Progetti Presenza Svizzera, Elena Ferrari – Docente di Diritto e Sara Azzone – Direttore della Scuola di Moda IED.

I WISH IED FASHION MUSIC PARTY


IED Roma apre l’edizione di gennaio di AltaRomaAltaModa con un esclusivo fashion music party. La serata è animata da musica, divertimento e una performance di moda, liberamente ispirata al musica di Stephen Sondheim e James Lapine Into the Woods e all’omonimo film della Walt Disney, in uscita nelle sale in Italia ad aprile. Basato sul libro Il mondo incantato di Bruno Bettelheim, Into the Woods è una rivisitazione delle più tradizionali fiabe, in particolare quelle dei Fratelli Grimm: Cappuccetto Rosso, Jack e il fagiolo magico, Raperonzolo e Cenerentola. Con l’evento I wish, IED mira a ricreare le atmosfere del musical e del film: una favola sospesa tra sogno e realtà, dove l’attrattiva degli abiti e dei fashion video realizzati dagli studenti del corso di Fashion Design si mescola alla vitalità di musica e intrattenimento. I WISH IED FASHION MUSIC PARTY: venerdì 30 gennaio Officine Farneto. Dj set Atrim from GIAM. Su invito. Si ringraziano Pallini, Studio 13, partner dell’evento.

IED per Pull & Bear. 2 STUDENTESSE AL SECONDO ANNO FIRMANO LA CAPSULE COLLECTION


Gli studenti di IED Moda hanno firmato una capsule collection in Limited Edition per Pull & Bear, presentata in occasione dell’apertura dell’esclusivo flagship store del brand, in Corso Vittorio Emanuele a Milano. Un contest interno a IED, coordinato da Francesca Tottoli e Anna Rogg, ha selezionato come vincitrici Elena Shupikova e Maria Kremenska, studentesse del secondo anno del corso triennale di Fashion Design, che hanno anche l'opportunità di lavorare per un mese con il team di design Pull & Bear nell'headquarter di Naròn in Spagna. - Leggi tutta l'intervista su Vogue.it.

CYCLES. WHAT GOES AROUND COMES AROUND

Anche quest’anno IED Roma ha preso parte ad AltaRomaAltaModa, proponendo un evento estremamente suggestivo nel calendario della settimana. La sera del 15 luglio 2014 il quartiere Testaccio di Roma, uno dei più vivaci della capitale dove ha sede la Scuola di Moda dell’Istituto, si è acceso con la sfilata-evento CYCLES. What goes around comes around, ha emozionato gli ospiti presenti, ma soprattutto i giovani fashion designer IED. L’allestimento spettacolare, costituito da due ruote gigantesche che ospitavano le acrobazie di due performer alternandosi alle modelle, ha regalato al pubblico una coreografia unica. A sfilare non solo abiti, ma anche accessori: il team di giovani stilisti è stato formato da ventuno fashion designer e quattro designer di scarpe ed accessori.
Con Cycles, IED ha coinvolto la città in uno street show ricco di ispirazioni in cui diversi punti di vista si sono incrociati per ricreare un unico tema: quello della ciclicità. Ogni stilista si è ispirato a ciò che lo rappresenta maggiormente: dalla donna bon ton, al modernissimo look maschile, allo sportswear. Dallo stile country-etnico all’ispirazione delle cattedrali gotiche. Dall’arte al mondo del cinema.
Il post evento, le immagini e il video sono disponibili al sito dedicato.

L’ED - L’EMOTION DESIGN, TECNOLOGIA DENTRO UNA BORSA

Sara Giunti è una giovane designer romana, diplomata IED Roma in Fashion Design nel 2011, che ha fondato il brand L’ED - L’Emotion Design, linea di accessori che racchiude in sé moda, design e tecnologia. Aprendo le borse con la classica zip, l’interno si illumina grazie ad una fila di led. In aggiunta, ogni borsa è dotata al suo interno di un attacco USB per ricaricare qualsiasi device compatibile.
Un progetto nato proprio come evoluzione del suo progetto di tesi in IED. Poi la svolta arriva con il primo White, dove Sara trova un gruppo finanziario disposto ad investire sul progetto. Sara riesce quindi a raggruppare una squadra di collaboratori ed apre finalmente la  società con il nome di iDESIGN FACTORY.
Ma Sara non si ferma alle borse e nel 2013 lancia il progetto SIAMOISES, un brand sportswear uomo-donna, nato dall’idea grafica di T-shirt riconoscibili, accattivanti e innovative sia nel design che nella tecnologia, in quanto integrano la realtà aumentata nell’abbigliamento. Le grafiche sono divertenti, con immagini di bimbi in posizione fetale: scaricando l’app gratuita SIAMOISES sul proprio smartphone e puntando la fotocamera sulla grafica della T-shirt, i disegni prendono vita e danno vita a mood e look diversi.
Sito Ufficiale
L'ed Emotion Design

per diventare fashion designer

Fashion Design

Milano | Corsi Triennali e Post Diploma
Partenza: 11-10-2017

Richiedi Informazioni

Fashion Design

Roma | Corsi Triennali e Post Diploma
Partenza: 11-10-2017

Richiedi Informazioni

Fashion Design

Torino | Corsi Triennali e Post Diploma
Partenza: 11-10-2017

Richiedi Informazioni

Shoes and Accessories Design

Firenze | Corsi Triennali e Post Diploma
Partenza: 11-10-2017

Richiedi Informazioni

Fashion Design

Cagliari | Corsi Triennali e Post Diploma
Partenza: 11-10-2017

Richiedi Informazioni

Modellista - Professional Training Program

Venezia | Corsi Triennali e Post Diploma
Partenza: 11-10-2017

Richiedi Informazioni

I COORDINATORI DEI CORSI

IED MILANO: Coordinatori OLIVIA SPINELLI, ALON SIMAN TOV e MICHELE GUAZZONE

IED ROMA: Coordinatori PAOLA PATTACINI e PIER DANIEL PROCOPIO

IED TORINO: Coordinatore ALESSANDRO BAIMA

IED FIRENZE: Coordinatore GABRIELE GORETTI

IED CAGLIARI: Coordinatori NICOLA FRAU e MASSIMO NOLI

IED VENEZIA: Coordinatori FRANCESCA LANARO e RAFFAELLA BRUNZIN

guarda alcune delle sfilate ied italia e spagna

Cucina e moda insieme a Firenze Successo del format “Cocktail di stelle”


Notte magica sui tetti di Firenze per dare il benvenuto al solstizio d'estate con la grande festa “Tra Cuochi e Stilisti - Per un cocktail di stelle”. L'evento ha segnato l'avvio dei Weekend dell’Arcobaleno, una serie di eventi estivi in Toscana, fino a settembre. La Terrazza Brunelleschi dello storico Grand Hotel Baglioni fa da cornice. Per scoprire i vincitori e le loro creazioni clicca qui

Gallery

INTERVISTA IRIS VAN HERPEN

Fashion designer olandese, Iris van Herpen (classe 1984), lavora sin dai suoi esordi su una moda concepita come artigianato artistico. Le sue creazioni dalle forme avveniristiche e realizzate a mano, sono il frutto di una costante ricerca su materiali e utilizzo di tecnologie, come la stampa 3D. Alcuni look creati da Iris van Herpen sono stati acquisiti da importanti musei della moda e richiesti da star internazionali, come Lady Gaga e Björk. La stilista, per la prima volta in Italia, è stata ospite d’eccezione di Talking IED, appuntamento accolto per l’occasione dal MAXXI B.A.S.E., centro studi del MAXXI, museo firmato da Zaha Hadid.

Benedetta Buzzichess - una che ha fatto lo ied

Benedetta Buzzichess ospite al TEDxIED si racconta in Dentro ogni borsa c’è una favola.

Frames - IED Roma Fashion Show + Interviste