Fashion Design

Specializzazione in Fashion Design

Corsi Triennali e Post Diploma - Roma

Scarica la brochure

Il Fashion Designer è un progettista capace di ideare e sviluppare collezioni moda, abbigliamento e accessori, dando spazio alla propria creatività e costruendo un proprio racconto personale. 

Comprende e usa anche linguaggi e suggestioni di aree non appartenenti al mondo della moda, sommandoli ai codici tradizionali del fashion system, per tracciare un percorso articolato in linea con le ultime tendenze.

Competenze tecniche, stilistiche e creative disegnano una figura professionale in grado di interagire efficacemente con le altre professionalità coinvolte e di seguire ogni fase in maniera trasversale: dalla ricerca delle tendenze alla progettazione, dalla realizzazione tecnica alla comunicazione del prodotto fino allo sviluppo delle collezioni.

Opportunità professionali - Fashion Designer, Accessories Designer, Fashion Graphic Designer, Textile Designer, Product Developer, Product Manager, Trend Setter, Label Owner.

Titolo rilasciato - Il corso è riconoscuto dal MIUR ed è equiparato ai titoli di Laurea di I Livello rilasciati dalle Università.

Scopri le pagine delle professioni creative: Fashion Designer

 

Il corso è erogato anche presso la sede di: Torino -  Milano -  Milano -  Roma -  San Paolo - 
  • Crediti
    180
  • Partenza
    Ottobre 2017
  • Durata
    3 anni
  • Frequenza
    full-time
  • Lingua
    Italiano

Contesto - A fronte delle continue e rapide trasformazioni della moda e del suo configurarsi come un vero e proprio sistema, la figura professionale una volta definita “couturier” e poi “stilista” ha lasciato spazio a un ruolo più articolato, flessibile, capace di collocarsi in ambiti diversi all’interno di un processo multiforme: il Fashion Designer.

Metodologia e struttura – Il percorso formativo è strutturato per fornire allo studente gli strumenti necessari alla progettazione di una collezione di abbigliamento e accessori, originale e innovativa ma allo stesso tempo anche in linea con le esigenze del mercato.
Al centro di questo percorso, la metodologia progettuale ha un ruolo fondamentale dal primo anno fino alla Tesi, nella quale gli studenti realizzano la propria collezione. 
Nell’arco del triennio, si sviluppano approfondite competenze e conoscenze in campi disciplinari che attraversano le diverse tipologie di collezione (donna, uomo, tessuti, accessori) e la realizzazione di prototipi.

Particolare attenzione è riservata all’apprendimento delle tecniche di modello e sartoria, della tecnologia dei materiali tessili, della pelle e della loro lavorazione, delle tecniche di disegno e di illustrazione di moda, del processo di produzione del capo d’abbigliamento e dell’accessorio.

Anche le discipline culturali hanno ampio spazio nel percorso formativo, perché permettono di conoscere il linguaggio della moda come fenomeno storico, artistico e sociale, come flusso di tendenze e di segni, come racconto creativo e visivo e infine come sistema economico, caratterizzato da una filiera produttiva e da processi di marketing e comunicazione specifici. 

Il corso permette di sviluppare una completa visione di prodotto, di approfondire le proprie conoscenze in campo grafico e tecnico grazie a software specializzati in 3D tessile e abbigliamento.

Sperimentazione e ricerca sono sostenuti all’interno del percorso per valorizzare l’unicità espressiva e stilistica di ogni singolo studente.

  • I anno

    • Stile, Storia dell’Arte e del Costume

      Il corso indaga i principali movimenti artistici e i loro protagonisti nella modernità e nell’era contemporanea. Accanto allo sviluppo storico dell’arte si intende approfondire la comprensione critica dei codici artistici e dell’opera d’arte intesa come testo visivo complesso e come fenomeno che racconta le evoluzioni culturali, sociali ed estetiche, colto in particolar modo nelle sue relazioni con altre forme di espressione e comunicazione (la fotografia, la pubblicità, il cinema etc.).

    • Metodologia della Progettazione

      Il corso fornisce allo studente gli strumenti analitici per esaminare il rapporto tra il prodotto e i processi che stanno alla base della sua realizzazione. L’insegnamento percorre le differenti fasi, dalla formulazione dell’idea allo sviluppo dell’oggetto, e consente sia l’individuazione degli strumenti corretti, sia la gestione degli aspetti che intervengono nella formazione, costruzione e rappresentazione dell’attività creativa.

    • Disegno Tecnico e Progettuale

      La conoscenza del disegno tecnico fornisce allo studente gli strumenti di base per comunicare l’opera e rappresentarne il percorso progettuale. Lo studente apprende il linguaggio grafico necessario per acquisire autonomia espressiva; dalla rappresentazione a mano libera agli schizzi preparatori per lo studio delle proporzioni della figura, fino al disegno tecnico per una corretta rappresentazione progettuale dell’abbigliamento. 

    • Storia della Moda 1

      Il corso affronta l’evoluzione degli stili e del gusto nella moda occidentale, dalla metà dell’Ottocento alla metà del Novecento. L’insegnamento analizza i processi sociali e tecnici che hanno caratterizzato i cambiamenti avvenuti nel sistema moda, anche attraverso la presentazione di casi studio di stilisti e collezioni. 

    • Modellistica 1

      Il corso fornisce allo studente gli strumenti teorici e pratici per la costruzione di modelli realizzati nei materiali più adatti alla scala del progetto e alle differenti fasi di studio. La visione tridimensionale permetterà di esaminare l’idea e di verificarne la consistenza rispetto alle leggi fisiche e alle tecniche di lavorazione. Una parte del percorso prevede un primo approccio con la modellistica dell’accessorio e di borse e piccola pelletteria attraverso un’esperienza laboratoriale e la realizzazione di prototipi. 

    • Progettazione Grafica 1

      L’alfabetizzazione informatica attraverso i programmi di composizione grafica facilita l’espressione dell’idea e consente di correlare gli strumenti digitali di rappresentazione con le nozioni di percezione visiva. L’insegnamento dei principali software per l’elaborazione grafica faciliterà la valorizzazione dei concept, la gestione delle immagini e la modifica dei contenuti. 

    • Cultura Tessile 1

      Lo studio e la ricerca dei materiali di una collezione di abbigliamento sono alla base dell’insegnamento. La conoscenza delle fibre, dei tessuti, dei materiali e dei principali processi di classificazione, con le relative tecniche di produzione e lavorazione, consentono di riconoscere le proprietà specifiche dei filati e di acquisire sensibilità nell’uso dei materiali. Si introducono le conoscenze sulle principali teorie del colore nel settore della produzione di tessuti e le tecniche base per sviluppare in modo creativo stampe e lavorazioni. 

    • Fashion Design 1

      Manualità e acquisizione delle tecniche di base artigiano-industriali. Grazie alle conoscenze apprese nei corsi di modellazione e cultura tessile, abiti e accessori lo studente è chiamato a sviluppare un concept con forme e volumi, scelta di materiale e lavorazioni, stampe e colori, e assortimento dei capi fino a creare un book che illustri tutte le fasi del lavoro.

    • Anatomia dell’Immagine

      L’insegnamento comprende la lettura, storica e contemporanea, della forma umana nei diversi ambiti disciplinari: dall’arte alla fotografia, alla grafica, alla moda. Proporzioni, forme, volumi, prospettive e assonometrie del corpo sono analizzate attraverso teorie e metodi di raffigurazione. Argomento centrale del corso è lo studio dell’anatomia umana per il disegno di moda tradizionale e multimediale.

    • Semiotica dell’Arte 1

      Argomento centrale del corso è la lettura dei rapporti fra contenuto, testi e immagine e i processi narrativi, adottati dalle diverse forme della comunicazione visiva e dall’universo mediale. L’apprendimento metodologico consiste nell’esame dell’unità fra forma e contenuto, degli effetti estetici e dei regimi di fruizione, impostando un orientamento valutativo e critico nel linguaggio delle opere visive teso a individuare quale aspetto, e in che modo, funziona come comunicazione. 

  • II anno

    • Storia della Moda 2

      Il corso tratta gli sviluppi della storia della moda contemporanea al fine di individuare tendenze e modalità di comunicazione del fashion system. L’evoluzione delle tendenze e dello stile è trattata dal punto di vista storico, culturale, sociale ed economico, fornendo gli strumenti per comprendere la contemporaneità della moda, evidenziarne i meccanismi, i personaggi chiave e i fenomeni più rilevanti. 

    • Tecniche e Tecnologie del Disegno

      A partire dalle tecniche di base apprese in Disegno Tecnico e Progettuale, il corso implementa le pratiche rappresentative, dal disegno a mano libera agli strumenti multimediali, per favorire l’efficacia comunicativa nella rappresentazione dell’opera. Il progetto è così descritto nelle sue fasi con la modalità più idonea: bozzetti preliminari a mano libera, affinamenti di stile con software digitali e realizzazione di rendering.

    • Modellistica 2

      L’approfondimento nelle pratiche della modellistica è di supporto ai corsi di progettazione, per i quali sono necessari modelli di studio e di presentazione, fino alla definizione di prototipi. La natura laboratoriale del corso implica l’apprendimento diretto delle tecniche e favorisce la comprensione di geometrie e volumi nonché lo sviluppo di un linguaggio personale. 

    • Progettazione Grafica 2

      La pluralità di metodi e processi della progettazione visiva sono orientati alla comunicazione e alla presentazione dei progetti realizzati. Argomento centrale del corso è l’uso corretto dei principali software grafici utilizzati per realizzare book personalizzati, portfolio e progetti grafici articolati, curandone l’impaginazione e gli aspetti estetici.

    • Cultura Tessile 2

      Il corso completa la trasmissione delle tecniche per progettare in modo creativo tessuti e materiali. Inoltre, l’analisi degli aspetti tecnici legati alla maglieria è supportata da esercitazioni pratiche. 

    • Fashion Design 2

      Il percorso guidato intende seguire l’intero processo di progettazione, partendo dalla selezione e ricerca di un prodotto fino a arrivare allo sviluppo della collezione. Il concept delle collezioni maschili e femminili deve essere pensato anche dal punto di vista della comunicazione, affinché lo studente sperimenti le interazioni con le altre discipline e sviluppi la propria creatività. 

    • Semiotica dell’Arte 2

      L’insegnamento si concentra sull’abito e le sue componenti estetiche e semiotiche, comprendendone la rappresentazione nella pluralità dei sistemi di racconto. L’unità tra forma e contenuto e la consequenzialità tra estetica e fruizione sono esaminate nella loro costruzione e organizzazione, affinché lo studente comprenda la complessità di significato della moda come racconto. 

    • Storia della Fotografia

      Il corso pone particolare attenzione alla storia della fotografia nel settore della moda, concentrandosi sull’evoluzione di linguaggi e tecniche di rappresentazione e sullo stile dei fotografi più significativi: studio, ricerche estetiche, utilizzo e fotografi in rapporto ai mutamenti tecnici e ai risvolti artistici, culturali e sociali.

    • Logica e Organizzazione d’Impresa 1

      La filiera è analizzata nelle differenti competenze, professionalità, dinamiche industriali e in relazione ai mercati di riferimento. Lo studente apprende i fondamenti del marketing applicato all’organizzazione delle attività d’impresa, con le relative scelte strategiche e politiche aziendali per un corretto posizionamento del brand.

  • III anno

    • Modellistica 3

      Argomenti del corso sono le tecniche di modellistica e taglio maschile. In particolare attraverso un linguaggio chiaro e l’approfondimento delle applicazioni dirette si dà ampio spazio alla creazione pratica dei modelli di base e ai modelli di fantasia per stimolare e accrescere le capacità creative dello studente. Lo studente è chiamato a realizzare un prodotto moda, con le rifiniture necessarie per la sua ultimazione.

    • Fashion Design 3

      Il corso rappresenta un approfondimento delle metodologie e dei processi di progettazione e comunicazione affrontando ulteriori specificità merceologiche e aree di prodotto. 

    • Metodologia Progettuale della Comunicazione Visiva

      Le metodologie progettuali e i principali strumenti dello styling nel settore della moda. Fondamenti di storia dello styling, attraverso i suoi protagonisti, sono funzionali per comprendere il ruolo professionale e le tecniche. Si sperimenta il processo di ideazione creativa e si analizzano le professionalità in gioco. In questo modo si approfondisce la relazione tra lo styling e l’immagine/ comunicazione del marchio. 

    • Fenomenologia delle Arti Contemporanee

      Obiettivo principale del corso è fornire allo studente un adeguato background culturale riguardante le iconografie e le estetiche delle arti visive intese in tutte le accezioni più attuali, dal video alla performance, dalla net art all’arte installativa. In tal modo il percorso di studi sul design e la moda potrà essere integrato tramite le suggestioni derivanti dall’immaginario contemporaneo. Uno sguardo critico particolare verrà proposto sulla rappresentazione del corpo.

    • Logica e Organizzazione d’Impresa 2

      I principi strategici del marketing, che mirano all’individuazione e allo sviluppo del prodotto, sono adattati alle specificità dell’industria creativa con l’obiettivo di comprendere e anticipare le aspettative e i bisogni di consumatori e fruitori. Il corso delinea le competenze necessarie per gestire le fasi del processo creativo e i team all’interno dell’industria, amministrando competenze diverse e indirizzando il lavoro in base alle aspettative del mercato. 

    • Teoria e Analisi del Cinema e dell’Audiovisivo

      La fenomenologia dei media e il loro rapporto con linguaggi artistici e i relativi mutamenti sono al centro dell’insegnamento, al fine di fornire una conoscenza articolata e dialettica dei mezzi cinematografici e audiovisivi. Si intende sottolineare l’intermodalità del cinema e degli altri media, la reciproca influenza e, soprattutto, le dinamiche di narrazione del testo cinematografico.

    • Fashion Design 4

      Il laboratorio affronta le fasi preparatorie al Progetto di Tesi conclusivo. Vengono poste le basi per la fase metaprogettuale, ovvero la definizione strategica del progetto, l’impostazione del lavoro di ricerca inerente i temi proposti e la pianificazione delle successive fasi operative. 

È lodato quel maestro che fa egli stesso ciò che insegna agli altri (proverbio italiano)

Allo IED insegnano professionisti che quotidianamente si confrontano con il mercato. Qui puoi approfondire i loro profili professionali.

Paola Pattacini - Coordinatrice del corso

Paola Pattacini - Coordinatrice del corso
Esperta di tessuti, stampe, lavorazioni e ricami. Ha iniziato la sua carriera nel gruppo Max Mara, arrivando ad affiancare Gianfranco Ferrè nella ricerca dei tessuti e successivamente nel coordinamento delle Collezioni e delle sfilate. Per dieci anni ha vissuto a Parigi lavorando per Dior nel periodo in cui le Collezioni di Alta Moda e P.aP. erano disegnate da Gianfranco Ferrè. Tornata in Italia, collabora con Ferrè fino al 2007. Successivamente ha collaborato con la Maison Gattinoni per le Collezioni di Alta Moda, è stata Fashion Coordinator delle Linee di Marina Rinaldi del gruppo Max Mara, ha diretto l’ufficio accessori di Ermanno Scervino. Attualmente è fashion Coordinator della DiLiborio brand di nicchia nel mondo del lusso di ricerca, presente in boutique come Corso Como Milano, Antonioli Bologna etc.

Cristina Silvestrini - Cooordinatrice del corso

Cristina Silvestrini - Cooordinatrice del corso
Dopo il diploma in Fashion Design presso l’Istituto Europeo di Design, la prima esperienza è nel mondo dell’alta moda della maison Gattinoni, al fianco di Raniero e Fernanda Gattinoni. Successivamente collabora con Antonio Marras, dove acquisisce un ampio bagaglio culturale nel mondo del prêt-à-porter: punto di partenza per approfondire la conoscenza delle materie prime e delle lavorazioni. Per Altra Moda è, invece, prima responsabile per la ricerca tessuti, e poi responsabile dell’ufficio stile. Oggi lavora allo sviluppo di un proprio brand.

Alessio Tommasetti

Alessio Tommasetti
Architetto e PHD presso la Sapienza, Prima facoltà di Architettura Ludovico Quaroni, Roma. Nel 2007 fonda lo studio associato di Architettura D’arc. Studio occupandosi di progettazione, prototipazione, renderizzazione, animazione, compositing. È docente presso IED Roma. 

Bonizza Giordani

Bonizza Giordani
Autrice di storia del costume e di moda. Già Caporedattore della rivista Audrey e Curatrice degli archivi dello CSAC di Parma. Direttore Scientifico della Fondazione Micol Fontana. Curatrice di mostre in Italia e all’estero, tra cui Il disegno dell’Alta Moda Italiana 1940-1970 (Roma – New York), Valentino trent’anni di magia (Roma – New York 1991), Donne tra brividi ed emozioni (Museo Boncompagni Ludovisi Roma 2002), Lo Spettacolo della Moda, Federico Schubert (Napoli, 2004), La Sardegna veste la moda (Palazzo Pitti, Firenze e Cagliari 2009).

Barbara Brocchi

Barbara Brocchi
Illustratrice, Art Director e Product Designer collabora con studi di comunicazione, cinema, teatro, gruppi editoriali, studi pubblicitari, aziende di moda, gioiello e aziende di prodotto e d’arredo. Fra le principali clienti: Gattinoni, Bottega Veneta, Vouge, Superstudio Mi, Ittierre, Tommasoni, Villa d’Este Design, TJF Trend srl, Ed. Paoline, Ed. Mondadori, Zanfi Editore, Campo Marzio, North Sails, Coppa America, Domus Academy, Curcio Editore. Ha lavorato come Characters Designer per Essebicinema. È Docente presso IED dal 1986.

Patrizia Peccetti

Patrizia Peccetti
Inizia l'attività di Modellista freelance alla fine degli anni ’70. Negli anni ‘80 conosce Gianni Versace con cui inizia una collaborazione destinata a durare diversi anni. Nel 1985 nasce l’azienda Peccetti Patrizia che collabora con molti dei nomi più importanti del settore. Per 15 anni Patrizia affianca Gianfranco Ferrè nella realizzazione del suo campionario. L'azienda Peccetti sviluppa collaborazioni in tutto il mondo: Parigi per Ungaro, New York per Calvin Klein, Amsterdam per Addy van den Krommenacker e molti altri.  

Carmine Distefano

Carmine Distefano
Dal 2007 ad oggi è Responsabile della linea accessori per David Mayer Naman; si occupa, insieme al team creativo, della linea abbigliamento. Nel 2005 ha collaborato come Designer Assistant per la collezione Gianfranco Ferrè. Nel 2004 è stato Vincitore del premio Leonardo - Italian Quality Committee- per la tesi di laurea intitolata Yohji Yamamoto, appunti di moda e di cinema. Dal 2009 è Docente collezioni uomo presso lo IED di Roma.

Tiziana Melchiorri

Tiziana Melchiorri
Diplomata presso il Polimoda di Firenze e specializzata in Stile e tecnica di pellicceria presso il Saga International Design Center di Copenhagen, dopo aver svolto due stage formativi presso Ferragamo e Gattinoni. Ha lavorato come Costumista di vari spettacoli teatrali e di cortometraggi e come Stilista e Responsabile della produzione presso la ditta di abbigliamento Gregg di Roma. Stilista presso Effetti Moda di Roma. Ha creato e realizzato accessori in pelle e pelliccia per Bubble Gear, USA. Oggi collabora presso l’azienda di famiglia.

Simona Petrollini

Simona Petrollini
Art Director, laureata in Architettura e specializzata in Comunicazione Visiva, lavora come Consulente per agenzie di pubblicità e comunicazione nel settore dei beni di lusso.

Luigi Piccolo

Luigi Piccolo
Direttore della Sartoria Teatrale Farani. Nato a Udine, studia Lettere all’Università di Padova. Inizia la sua carriera nel mondo dello spettacolo come assistente costumista di Paolo Tommasi. Grazie all’incontro con Giancarlo Cobelli conosce Piero Farani di cui diventa stretto collaboratore nei primi anni ‘80, acquisendo l’esperienza necessaria per poi guidare la Sartoria dal 1997.

Massimiliano Pannitteri

Massimiliano Pannitteri
Diplomato presso l’Accademia di Costume e di Moda di Roma. Dallo stesso anno lavora come Docente di laboratorio e sperimentazione della moda e del costume nella medesima Accademia. Ha lavorato presso sartorie teatrali nel settore della modellistica, specializzato in costume d’epoca e contemporaneo. Dal 2005 al 2007 collabora con AltaRoma eventi. Dal 2005 collabora come freelance per aziende come Modellista donna e per maglieria come Art Director. Dal 2006 a oggi Docente di modellistica presso IED Roma.

Alessandra Lanna

Alessandra Lanna
Diplomata presso IED Roma in Design del Gioiello si specializza prima CSM Central Saint Martins College of Art & Design, poi e DA Domus Academy. Inizia la sua corriera presso uno studio di design di New York specializzato in Jewellery Trend Forecasting. Nel 2002 disegna e produce la propria collezione di alta gioielleria che sarà esibita presso Christie’s, Sotheby’s e diverse gallerie di gioielli di design a Londra, New York ed Hong Kong. Nel 2004 inizia una collaborazione con la Campo Marzio Design di cui oggi è Direttore Creativo.

Laura Bernasconi

Laura Bernasconi
Si è sempre occupata di sportwear e denim sia uomo che donna lavorando all’inizio come Assistente stile e in seguito come Consulente e Responsabile stile e prodotto. Ha rivolto un particolare interesse alla sperimentazione di materiali e decorazioni, che l’hanno portata a collaborare, tra gli altri, con Armani Collezioni, Valentino accessori, Gattinoni, etc. Svolge attività di sperimentazione di tinture con pigmenti naturali inizialmente su pelli per la conceria Treeffe e poi all’interno di Studio Co3 Creative Consultancy&Concept Lab.

Giulia Rossi

Giulia Rossi
Per oltre dieci anni ha lavorato come Esperta di comunicazione; tra i suoi clienti Il Resto del Carlino, Lettera43, L'Espresso. In qualità di Responsabile delle Comunicazioni, collabora con aziende nei settori alberghi di lusso, design, mostre ed eventi legati all'arte, al cibo e alla cultura in generale. Autrice di pubblicazioni in ambito moda, di guide turistiche e per la ristorazione, di un romanzo e di testimonianze di imprenditori sull’argomento sviluppo del territorio. Sito Web

Anna Galbiati

Anna Galbiati
Diplomata nel 1986 in modellistica sartoriale/industriale. Dal 1984 al 1986 ha gestito un proprio laboratorio di maglieria e dal 1987 al 1990 un laboratorio di confezioni d’abbigliamento nautico. Dal 1990 al 1995 è stata modellista e campionatrice a Tenerife. Attualmente collabora con camicerie Oxford e Arnaldo Grechi.