Fotografia

Specializzazione in Fotografia

Corsi Triennali e Post Diploma - Torino

Scarica la brochure

La fotografia professionale è un’attività di fondamentale complemento per tutti i processi della comunicazione visiva: il fotografo, infatti, grazie alla sua sensibilità estetica e a un’attitudine creativa verso il mondo esterno, offre il materiale iconografico indispensabile a tutto il settore del design della comunicazione.
Per rientrare a pieno titolo nel futuro della professione e ottemperare alle nuove tendenze e modalità produttive, il fotografo deve essere in grado di utilizzare il mezzo fotografico anche come una macchina da ripresa. In molti ambiti lavorativi come il reportage, lo shooting set e il videoclip, infatti, il fotografo può diventare anche creatore di immagini in movimento.

Figure Professionali in Uscita : in ambiti tradizionali - pubblicità, fotogiornalismo, eventi, moda, ritratto, reportage, architettura/paesaggio, postproduzione digitale, fotografia d’arte - e legati a nuove identità professionali - picture editor o agency director.

Il corso è riconosciuto dal MIUR come Diploma Accademico di I Livello equipollente ai diplomi di laurea universitari e pertanto riconosciuto in tutto il mondo.

Scopri le pagine delle professioni creative : Fotografia

Il corso è erogato anche presso la sede di: Milano -  Milano -  Roma - 
  • Partenza
    Ottobre 2016
  • Durata
    3 anni
  • Frequenza
    full-time
  • Lingua
    Italiano

Il corso Triennale di Fotografia è un percorso approfondito nelle materie umanistiche, culturali e stilistiche che porteranno lo studente a comprendere l'evoluzione del costume e della società, lo aiuteranno a stimolare la sensibilità creativa nonché una visione stilistica dell'immagine fotografica.

In questo modo, il diplomato IED raggiunge un livello professionale in grado di operare all’interno di tutti i processi della comunicazione visiva sia statica che in movimento. Grazie alle sue capacità progettuali, creative, tecniche e a una particolare sensibilità estetica, potrà utilizzare l’immagine fotografica in tutte le sue declinazioni per esprimere concetti e messaggi complessi.

Sarà in grado di trasformarsi in un professionista culturalmente preparato, orientato al progetto, produttore di idee capaci di soddisfare molteplici esigenze professionali e autoriali.

Lo studente potrà vivere una avventura didattica emozionante, potrà accedere a percorsi specifici finalizzati a rafforzare la creatività e la capacità di progettazione grazie all'inserimento, nel proprio piano di studi, di materie “a scelta” e di attività didattiche “ulteriori”.

A completamento di questo straordinario percorso sarà possibile godere di incontri con autori celebri, famosi professionisti e artisti di fama, la cui contaminazione contribuirà a finalizzare la crescita personale e l'organizzazione di un proprio portfolio, lo strumento più significativo all'interno del mondo del lavoro.

  • 1 Anno

    • Storia dell'arte Contemporanea

      Lo studio della nostra cultura visuale ed estetica viene analizzato attraverso la sperimentazione e la ricerca artistica contemporanea, viste in rapporto alle innovazioni tecniche e tecnologiche e alle diverse forme di espressione e comunicazione. Dalla nascita della civiltà industriale di metà Ottocento, alla deformazione del quotidiano nel flusso giornaliero delle immagini veicolate dai media, dalla pubblicità, al cinema. Dai codici espressivi indipendenti delle avanguardie di inizio Novecento, alle connessioni segniche e culturali della metà del secolo scorso, fino alle più attuali espressioni di una realtà frammentata. In particolare, si analizzano: la nascita dell’estetica e l’autonomia dell’arte; il mutamento del concetto di arte in relazione all’introduzione della macchina industriale; la nascita della fotografia e il rapporto con le tecniche tradizionali di rappresentazione; l’analisi storico-critica dei principali movimenti artistici del ventesimo secolo, finalizzata alla conoscenza dell’arte contemporanea come strumento di lettura stilistica delle immagini.

    • Storia delle arti applicate

      La storia delle arti applicate allo specifico ambito fotografico è il contenuto del corso, finalizzato a fornire le competenze per il riconoscimento dei linguaggi espressivi e della loro evoluzione.Il corso conferisce una visione più ampia dell’espressione artistica e dell’interdisciplinarietà nel compimento dell’opera.

    • Metodologia della progettazione

      Obiettivo del corso è fornire allo studente gli strumenti utili per apprendere i metodi della progettazione: dall’idea alla realizzazione dell’elaborato finale, passando attraverso l’analisi di tutti quei fattori (tecnici, scientifici e culturali) indispensabili per la costruzione di un’opera creativa.

    • Computer graphic 1

      Il corso si propone di fornire gli strumenti e le tecniche basilari indispensabili per l’utilizzo del computer in ambiente MacOS X e Windows, apprendendo le funzioni fondamentali dei principali software di elaborazione delle immagini digitali, della grafica vettoriale, della progettazione e impaginazione editoriale.

    • Direzione della fotografia 1

      Approfondendo le conoscenze comuni agli insegnamenti fondamentali di fotografia, si acquisiscono le basi per la pratica della professione e per l’utilizzo di tecnologie e attrezzature. Il corso mira a definire ruolo e mansioni del fotografo e le fasi del processo creativo e interpretativo, all’interno delle discipline che richiedono il suo intervento. Si approfondisce sia l’aspetto tecnico espressivo, legato allo studio dell’impatto visivo delle immagini, sia il progetto dell’illuminazione, sia la composizione dell’inquadratura e della ripresa.

    • Fotografia 1

      L’obiettivo del corso è l’acquisizione da parte dello studente degli strumenti fondamentali per individuare la propria identità espressiva personale e originale attraverso il linguaggio fotografico. La parte laboratoriale consente di sperimentare il mezzo fotografico con tecniche e strumenti, per individuare modalità e tecniche idonee al tipo di ripresa fotografica. Inoltre, si presta particolare attenzione ai laboratori di tecniche di ripresa e stampa fine art, sia analogica che digitale.

    • Teoria della percezione e psicologia della forma

      Un percorso nel mondo delle percezioni sensoriali e nei processi cognitivi. Il corso illustra le teorie scientifiche che spiegano il funzionamento dei nostri sensi e lo correla alle ricerche della psicologia della forma. Verranno affrontati principi di teoria del colore e, attraverso le scienze applicate saranno fornite le tecniche per analizzare il rapporto tra oggetto, spazio e persona. La psicologia della forma mette in relazione i meccanismi percettivi con le problematiche legate all’uso della forma e la conseguente elaborazione dei linguaggi creativi. Lo studio applicato all’analisi costante dell’immagine “creata” condurrà gli studenti ad assumere una immediata capacità intuitiva di percezione critica delle immagini, con particolare focus sulla fotografia e sull’audiovisivo.

    • Semiotica Dell'arte

      Il corso introduce le basilari competenze tecnico-professionali, analizza gli sbocchi professionali della figura dell’art director e introduce le regole della costruzione del messaggio visivo. La finalità del corso è imparare a leggere i rapporti fra contenuto, testi e immagine e i processi narrativi adottati dalle diverse forme della comunicazione visiva e dall’universo mediale. L’apprendimento metodologico consiste nell’esame dell’unità fra forma e contenuto degli effetti estetici e dei regimi di fruizione.

  • 2 Anno

    • Computer graphic 2

      Le metodologie e le conoscenze strumentali acquisite nel primo anno con i software di elaborazione d’immagini, saranno approfondite attraverso le tecniche più avanzate di intervento creativo e migliorativo, giungendo alle capacità di gestione autonoma di un progetto di post produzione. Lo studio empirico della tecnologia digitale sarà applicato alle immagini foto e video sia su percorsi professionali tradizionali che in quelli sperimentali. 

    • Direzione della fotografia 2

      Il percorso avviato nel primo anno si arricchisce di nuove nozioni tecniche ed esercitazioni volte a sviluppare una maggiore padronanza di procedimenti e metodologie, in relazione allo sviluppo del proprio linguaggio visivo ed espressivo, collegato a vari ambiti tematici e disciplinari.

    • Fotografia 2

      Individuazione dell’identità espressiva dello studente grazie agli strumenti dell’analisi della prima annualità di corso. Questa fase avanzata porta lo studente a concretizzare e attualizzare il suo percorso espressivo, declinandolo nei diversi settori di specializzazione.

    • Documentazione fotografica

      La fotografia, in modo particolare quella sociale, giornalistica e scientifica, è la scrittura quotidiana di quello che accade nel mondo, ma, al tempo stesso, testimonia un modo di vedere la realtà. Il corso percorre origine e sviluppo di questi linguaggi fotografici e conduce lo studente all’acquisizione di capacità narrative attraverso il mezzo fotografico. In particolare la sede di Torino approfondisce la fotografia di reportage, la fotografia di territorio e d’architettura.

    • Fenomenologia delle arti contemporanee

      Il corso si occupa dell’indagine, in un’ottica interdisciplinare, delle interrelazioni tra le diverse arti contemporanee e della problematizzazione dei rapporti che ne derivano, nonché della loro contestualizzazione all’interno dell’orizzonte socio-culturale, con particolare riferimento alle questioni connesse ai processi di innovazione tecnologica.

    • Sociologia della comunicazione

      Attraverso lo studio dei processi mediatici e l’analisi delle forme emergenti di comunicazione, il corso intende fornire una conoscenza di base degli strumenti teorici, metodologici e tecnici per l ́analisi dei processi comunicativi e mediali, con riferimento a contenuti, linguaggi, forme organizzative e all’analisi del pubblico di riferimento. Durante il corso viene effettuata un’analisi sociologica dell’evoluzione dell’iconografia e dell’iconologia nell’ambito della comunicazione visiva a partire dal Medioevo e, trasversalmente, attraverso l’analisi di vari linguaggi iconico-narrativi come l’arte pittorica, l’illustrazione, la grafica, il cinema e la fotografia

    • Storia del cinema e del video

      Il corso illustra le tappe principali della storia dell’immagine in movimento; a partire dal cinema fino a giungere al video contest contemporaneo, la didattica creerà un continuum nel rapporto tra tecnologia ed estetica in tutto il percorso evolutivo della comunicazione visiva. L’audiovisivo sarà osservato criticamente attraverso i mezzi di ogni epoca di riferimento, in un confronto con società e cultura. Il cinema sarà considerato come contaminatore di linguaggio nascente dalla pellicola, nella sua trasformazione verso il supporto analogico - il digitale e la videografica - in ogni luogo fruibile dallo “spettatore” di oggi.

    • Storia della fotografia

      Ad ampliamento del corso di storia delle arti applicate, la disciplina si propone di completare l’analisi dei linguaggi espressivi e della loro evoluzione.

    • Progettazione Della Professionalità

      Conoscere le leggi e le norme che regolano la comunicazione pubblicitaria è fondamentale e rappresenta un punto imprescindibile nella formazione professionale del pubblicitario. Il Corso analizza gli strumenti legislativi evidenziando i limiti e le possibilità di utilizzo delle immagini, dei personaggi, delle opere dell'intelletto e della creatività. Obiettivo del percorso formativo è fornire allo studente le competenze che gli permetteranno di operare nel lecito e tutelare le proprie creazioni. Il corso fornisce anche gli strumenti utili al professionista per poter operare autonomamente e autorevolmente attraverso la conoscenza approfondita di ogni regola e la valutazione consapevole di ogni idea creativa prima che questa possa prendere corpo. Attraverso la presentazione di celebri "case history", si analizzeranno le principali infrazioni e si proporranno esercitazioni per misurare il grado di consapevolezza e sensibilità acquisita.

  • 3 Anno

    • Computer graphic 3

      Le metodologie e le conoscenze strumentali acquisite nel primo anno sono approfondite attraverso le tecniche più avanzate della lavorazione dell’immagine, con la finalizzazione di un progetto completo di postproduzione.

    • Teoria e metodo dei mass media

      I media, i contenuti che veicolano i criteri strutturali con cui organizzano la comunicazione e l’influenza sulla storia della cultura e della società, sui comportamenti e sui cambiamenti del gusto. Gli strumenti del comunicare seguono e anticipano le tappe dell’innovazione tecnologica, della conoscenza e della fruizione.  I contenuti del corso riguardano la ricostruzione, l’analisi, le modalità di produzione e di distribuzione della comunicazione di massa, i caratteri e le tipologie dei principali mercati dei media (televisione, cinema, editoria a stampa ed elettronica) e i comportamenti strategici delle imprese che operano nei diversi campi.

    • Fotografia 3

      Completamento del percorso formativo, per un maggiore arricchimento delle capacità progettuali e tecniche. Il percorso di orientamento professionale si sviluppa con esercitazioni pratiche in macro aree tecniche ed espressive, per raggiungere una adeguata padronanza di uno specifico campo di interesse.

    • Tecniche dei nuovi media integrati

      Le opportunità offerte dalle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione hanno portato alla convergenza dei media, delle telecomunicazioni e dell’informatica. Il fenomeno, illustrato nel suo sviluppo storico recente, è studiato in rapporto alle principali tendenze del settore ed esplora la sua applicazione nella comunicazione audiovisiva. Il video nelle sue molteplici genesi e destinazioni di fruizione, incontra nuovi campi applicativi lontano da impostazioni e completezze storicamente consolidate e vicini a particolari destinazioni sociali come a una peculiare “velocità” realizzativa.

    • Metodologie E Tecniche Del Contemporaneo

      Il principale obiettivo del corso è fornire agli studenti una mappa cognitiva chiara sia teorica che storica in merito agli sviluppi della fotografia contemporanea a partire dalle avanguardie artistiche degli anni Sessanta fino ad oggi. A tal fine vengono presentati elementi teorici di Visual Studies e alcuni case studies particolarmente significativi. In parallelo fin dalle prime lezioni vengono impostati progetti individuali a partire dagli interessi dei singoli studenti.

    • Fotografia 4

      Il laboratorio affronta le fasi preparatorie al progetto di tesi conclusivo. Vengono poste le basi per la fase meta-progettuale, ovvero la definizione strategica del progetto, l’impostazione del lavoro di ricerca inerente i temi proposti e la pianificazione delle successive fasi operative.

È lodato quel maestro che fa egli stesso ciò che insegna agli altri (proverbio italiano)

Allo IED insegnano professionisti che quotidianamente si confrontano con il mercato. Qui puoi approfondire i loro profili professionali.

Bruna Biamino - Coordinatrice del Corso

Bruna Biamino - Coordinatrice del Corso
È nata a Torino, dove vive e lavora. Nel 1984 ha avuto una borsa di Studio per la Visual Studies Workshop di Rochester, N.Y., USA, dove ha studiato Tecnica Fotografica, per poi frequentare un Master presso il Rochester Institute of Tecnology e laurearsi in Psicologia e Fotografia. Da anni svolge una ricerca personale sul paesaggio urbano e sui beni culturali e ambientali italiani, mentre il suo lavoro è più focalizzato sulle fotografie istituzionali per aziende fra le quali si ricordano Fiat, Seat Pagine Gialle, Telecom, Lancia, Bacardi, Martini e Rossi, Touring Club, Invicta, Maserati, Finmeccanica, SKF, Bang & Olufsen, Rai, Recchi, Enel; enti pubblici e museali, riviste di architettura quali Abitare, Architecture d’Aujourd’hui, Bauwelt, Elle Décoration Japan, Ottagono, Casabella e Décoration Internationale.

Roberto Clemente - Coordinatore del Corso

Roberto Clemente - Coordinatore del Corso
Architetto di formazione, lavora nel campo della comunicazione visiva e del design. Insegna Storia della grafica contemporanea e progettazione editoriale allo IED Torino. Fondatore della boutique creativa Bellissimo e dello style magazine Label, di cui è stato art director, da alcuni anni si occupa di progetti di comunicazione in ambito culturale e sociale. In ambito museale e artistico ha lavorato a Torino con il Museo Egizio, il Museo d'Arte Orientale (MAO), il Museo di Arti Applicate Oggi (MIAAO), la Biennale Internazionale di Arte Giovane, la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, il museo Regionale di Scienze Naturali, la Reggia di Venaria Reale, il Cesac (Centro Sperimentale Arti Contemporanee) a Caraglio (CN), a Dublino con l'Irish Museum of Modern Art, a Nantes con il Centre Chorégraphique National. In ambito sociale ha sviluppato progetti urbani di lunga durata e ampio raggio sui quartieri San Salvario e Borgo San Paolo, oltre a lavorare spesso su programmi con il Comune di Torino e con la Regione Piemonte. Attualmente i lavori dello studio vengono firmati come Bellissimo and the Beast. E’ anche membro del gruppo musicale d'avanguardia Larsen, e della sua filiazione XiuXiuLarsen.

Fabio Bucciarelli

Fabio Bucciarelli
Docente di Reportage Prima di diventare fotografo, nel 2006 Fabio si laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni presso il Politecnico di Torino specializzandosi nello studio delle immagini digitali. Dopo avere lavorato come ingegnere per Il Master dei Talenti della Fondazione CRT decide di lasciare la sua carriera per dedicarsi interamente alla fotografia. Nel 2009 viaggia in Turchia ed in Iran per i suoi primi reportages. Torna in Italia e documenta il terremoto in Abruzzo, avviando una collaborazione con l'agenzia di stampa LaPresse/Ap. Le sue immagini vengono pubblicate su diverse testate internazionali e nel maggio dello stesso anno entra a far parte dei fotografi di staff. Verso fine 2010 abbandona l'agenzia e inizia a lavorare come freelance. Da allora comincia a viaggiare per documentare i conflitti mondiali e la violazione dei diritti umani. Nel 2011 lavora in Medio Oriente concentrandosi sui movimenti di rivolta civile conosciuti come Primavera Araba. Viaggia a Lampedusa, in Tunisia, in Egitto e documenta il conflitto libico dalle sue prime fasi fino alla morte di Gheddafi. 

Maurizio Cartolano

Maurizio Cartolano
Da free lance opera da anni nel campo della produzione di audiovisivi. Come regista ha diretto lavori televisivi per  l’opera classica ed il teatro, ed ha realizzato documentari di reportage sociale, corto e mediometraggi per teatro, danza ed arti figurative. Si occupa di comunicazione visiva per enti e istituzioni pubbliche e per importanti aziende italiane e internazionali e lavora con diversi registi cinematografici e videoartisti. In ambito televisivo, ha lavorato per SkyUno, Rai e Rai Sat, Comedy Central, Cielo oltre che per Travel Channel USA, Discovery Channel USA. In campo pubblicitario lavora a spot, video istituzionali e making of  di eventi per importanti agenzie ed aziende nazionali ed internazionali. Collabora con varie case di videoproduzione; con la Setteventi, ha realizzato otto documentari in Africa e Medio Oriente per il National Geographic Channel e FOX  TV Italia. Insegna Regia dell’audiovisivo, Produzione dell’audiovisivo, Metodologia dell’Audiovisivo, Progetti speciali e  Tesi di diploma presso l’Istituto Europeo di Design di Torino.  

Luigi Gariglio

Luigi Gariglio
Docente di Progetto di ricerca Ha esposto in numerose istituzioni italiane e straniere tra cui: la National Portrait Gallery di Londra, il MUVIM di Valencia, lo Stedelijk Museum di Amsterdam, la Kunsthalle di Vienna. Ha vinto diversi premi nazionali ed internazionali ed è in collezioni pubbliche e private sia in Italia che all’estero. Oltre a insegnare allo IED di Torino, insegna Visual Studies presso l’Università degli Studi di Torino e collabora con l’Accademia NABA di Milano. Ha recentemente co-curato il volume Facce da Straniero. 30 anni di fotografia e giornalismo dell’immigrazione (Bruno Mondadori, 2010).

Andrea Guermani

Andrea Guermani
Fotografo di reportage ed eventi, collabora continuativamente da alcuni anni con: Lavazza, Bacardi/Martini, San Paolo Vita, Ubi Banca, seguendo la documentazione di eventi, ritratti di dirigenti e manifestazioni varie. Compagnia di San Paolo, con la realizzazione dell’archivio fotografico delle aree di investimento e documentazione eventi e conferenze. Fondazione Merz, Pinacoteca Agnelli e Museo dell’Automobile, Castello di Rivoli, documentazione mostre e inaugurazioni, laboratori dipartimento educativo. Ritratti di famiglia e di bambini. Collaborazioni con diverse agenzie di pubblicità, uffici stampa, aziende per la documentazione di inaugurazioni, realizzazioni siti internet, pubblicazioni.

Pedro Medina

Pedro Medina
Pedro Medina Reinón è laureato in Filosofia (1996) e si è addottorato in Scienze della Cultura (2001). È stato inoltre ricercatore presso l’IUAV (2002-2003) e Responsabile dell'Area Culturale dello IED a Madrid (2005-2013), e dal 2013 è il Responsabile di IED Editorial. Curator e critico d’arte, le sue ricerche principali studiano la nascita di nuovi linguaggi dell'arte contemporanea, in particolare le arti applicate, la videocreazione e i media digitali. I suoi contributi appaiono regolarmente in «Artecontexto» e «Le Monde Diplomatique». Ha curato numerose mostre, tra cui Mapping Madrid (online e IED Madrid, 2009) ed El hilo de Ariadna. Lectores, navegantes (Matadero Madrid, 2012-2013).

Ivano Piva

Ivano Piva
Docente di Still life Fotografo professionista dal 1985, si occupa di fotografia commerciale per aziende e agenzie. Collabora con lo IED dal 2003. Predilige la semplicità nella comunicazione.

Marino Ravani

Marino Ravani
Docente di Ripresa Fotografo freelance per lo studio Ravani&Ficarra dal 1978, organizza corsi di fotografia con un taglio che privilegia la figura del fotografo imprenditore. Per lo IED (1992-2011) ha realizzato workshops aventi per tema l’“Organizzazione Professionale del Fotografo” ed il “Linguaggio Fotografico”.

Paolo Verzone

Paolo Verzone
Fotografo dall’età di 18 anni, Paolo Verzone si muove liberamente tra il fotogiornalismo ed il ritratto. Attento alla composizione e fedele al contesto in cui fotografa, restituisce persone e ambienti con la sua personale prospettiva. Dal 1991 con Alessandro Albert realizza progetti incentrati sul ritratto, come Seeuropeans e Moscow Project. E’ membro dell’Agence VU’ di Parigi , collabora regolarmente con la stampa internazionale in qualità di ritrattista e reporter.  Il suo lavoro ha ricevuto riconoscimenti internazionali tra i quali: World Press Photo, Sony World Photography Award, American Photography, Premio Canon