Fashion Design

Specializzazione in Fashion Design

Corsi Triennali e Post Diploma - Torino

Scarica la brochure

Il corso di Fashion Design ha l’obiettivo di fornire una solida formazione di base nell'ambito delle discipline del progetto, approfondendo sia gli aspetti metodologici, sia quelli tecnico-operativi, formando una figura professionale di grande flessibilità, capace di collocarsi in ambiti diversi all’interno di un sistema produttivo diversificato, costituito da diversi tipi di impresa: dalla bottega artigianale alla piccola-media impresa, fino alla grande industria.

Profili professionali: Fashion Designer, Accessories Designer

Il corso è riconosciuto dal MIUR come Diploma Accademico di I Livello equipollente ai diplomi di laurea universitari e pertanto riconosciuto in tutto il mondo.

Scopri le pagine delle professioni creative : Fashion Designer

Il corso è erogato anche presso la sede di: Rome -  Turin -  Milan -  Milan -  Rome -  São Paulo -  Madrid - 
  • Crediti
    180
  • Partenza
    Ottobre 2016
  • Durata
    3 anni
  • Frequenza
    full-time
  • Lingua
    Italiano

Oggi un Fashion Designer deve sviluppare le capacità caratteristiche di un progettista: le sue abilità devono estendersi progressivamente fino alla conoscenza del mondo della produzione industriale per conoscere il progresso tecnologico nella ricerca di nuove soluzioni tessili, il dinamismo delle tendenze all’interno dell’economia del mercato specifico, lo sviluppo di nuove tecniche informatiche e dei processi di comunicazione legati al fenomeno “moda”, rendendosi disponibile a continui aggiornamenti e ad una costante crescita delle competenze.

Il Fashion Designer è specializzato nella progettazione e realizzazione di collezioni uomo/donna, bambino, maglieria, streetwear & jeanswear.

Il primo anno del Corso Triennale di Fashion Design è finalizzato all’acquisizione degli strumenti tecnici, culturali e progettuali di base, alla gestione del flusso creativo e alla ricerca dell’identità. Le attività formative sono dedicate all’acquisizione della strumentazione tecnica fondamentale, di una corretta metodologia progettuale di base e di una solida preparazione culturale. La didattica si concentra sulla progettazione di una collezione di abbigliamento, partendo dall’osservazione della realtà, dalla decodifica dei segni, allo sviluppo di un’idea iniziale, fino a tradurla in un prodotto.

Il secondo anno del Corso Triennale di Fashion Design si configura come un momento di approfondimento, in cui i progetti vengono affrontati nelle loro fasi di ricerca/sviluppo/comunicazione e rappresentano la struttura portante del percorso didattico. I mezzi tecnici ed espressi, i codici culturali, l’approccio al fashion marketing, sono vissuti come strumenti per l’avanzamento del progetto: dalla ricerca di un tema d’ispirazione, fino al prodotto e alla sua comunicazione, ogni fase è monitorata e approfondita. Obiettivo fondamentale del corso di Fashion Design è la gestione consapevole della creatività, del tempo e dei meccanismi diprogettazione, fino ad evidenziare un primo territorio di gusti e competenze personali, che possa descrivere uno “stile”.

Il terzo anno del Corso Triennale di Fashion Design è dedicato alla progettazione avanzata in un contesto di simulazione professionale e di complessità di riferimenti culturali. Il progetto di tesi in Fashion Design prevede che, accanto allo sviluppo di uno stile personale e di un prodotto originale e coerente, lo studente sappia collocare efficacemente il proprio lavoro nel mercato della moda, descrivendone gli aspetti tecnici, qualitativi, e di costo legati alla produzione.

  • 1 Anno

    • Stile, Storia Dell'arte E Del Costume

      Il corso indaga i principali movimenti artistici e i loro protagonisti nella modernità e nell’era contemporanea. Accanto allo sviluppo storico dell’arte si intende approfondire la comprensione critica dei codici artistici e dell’opera d’arte intesa come testo visivo complesso e come fenomeno che racconta le evoluzioni culturali, sociali ed estetiche, colto in particolar modo nelle sue relazioni con altre forme di espressione e comunicazione (la fotografia, la pubblicità, il cinema ecc.).

       

    • Metodologia della progettazione

      Il corso fornisce gli strumenti analitici per esaminare il rapporto tra il prodotto e i processi alla base della sua realizzazione. I fondamenti teorici consentiranno allo studente di comprendere quali fattori, scientifici e culturali, intervengano nel progetto, e di gestire le discipline che partecipano alla costruzione dell’opera. Nella progettazione confluiscono aspetti di natura funzionale, tecnologica e formale. L’insegnamento percorre le differenti fasi, dalla formulazione dell’idea allo sviluppo dell’oggetto, e consente sia l’individuazione degli strumenti corretti, sia la gestione degli aspetti che intervengono nella formazione, costruzione e rappresentazione dell’attività creativa.

    • Tipologia dei materiali 1

      La conoscenza del comportamento dei materiali fornisce allo studente gli strumenti per tradurre l’idea in opera e comprendere le potenzialità espressive delle diverse materie, tradizionali e sperimentali. Le caratteristiche fisiche, chimiche e morfologiche (relative alla forma, alla finitura e al colore) dei materiali sono esaminate con lezioni teoriche in cui si verificano anche le tecniche di trasformazione e i processi di lavorazione industriale e artigianale.

    • Disegno tecnico e progettuale

      La conoscenza del disegno tecnico fornisce gli strumenti di base per comunicare l’opera e rappresentarne il percorso progettuale. Lo studente apprende il linguaggio grafico necessario per acquisire autonomia espressiva. Dalla rappresentazione a mano libera, agli schizzi preparatori per lo studio delle proporzioni della figura, fino al disegno tecnico per una corretta rappresentazione progettuale dell’abbigliamento.

    • Storia della moda 1

      Studio dell’evoluzione degli stili e del gusto nella moda occidentale dalla metà dell’Ottocento alla metà del Novecento. L’insegnamento analizza i processi sociali e tecnici che hanno caratterizzato i cambiamenti avvenuti nel sistema moda, anche attraverso la presentazione di casi studio di stilisti e collezioni. Il corso, oltre a fornire le conoscenze storiche e culturali di base, vuole stimolare nello studente lo sviluppo di capacità critiche e analitiche necessarie all’interpretazione delle tendenze contemporanee

    • Modellistica 1

      La modellistica è il percorso progressivo di conoscenza delle tecniche di realizzazione delle collezioni, nelle componenti particolari e nella loro interezza. Il corso fornisce gli strumenti teorici e pratici per la costruzione di modelli, realizzati nei materiali più adatti alla scala del progetto e alle differenti fasi di studio. La visione tridimensionale permetterà di esaminare l’idea e di verificarne la consistenza rispetto alle leggi fisiche e alle tecniche di lavorazione. Il modello consentirà altresì di controllare le proporzioni e, di conseguenza, di modificare linee e volumi. Il corso pone l’accento sulla natura pratica e sensoriale dell’esperienza, sviluppando una capacità di visione tridimensionale.

    • Progettazione grafica 1

      L’alfabetizzazione informatica, attraverso i programmi di composizione grafica, facilita l’espressione dell’idea e consente di correlare gli strumenti digitali di rappresentazione con le nozioni di percezione visiva. L’insegnamento dei principali software per l’elaborazione delle immagini faciliterà la valorizzazione dei concept, la gestione delle immagini bidimensionali e la modifica dei contenuti.

    • Cultura tessile 1

      Lo studio e la ricerca dei materiali di una collezione di abbigliamento sono alla base dell’insegnamento. La conoscenza di fibre, di tessuti, dei materiali e dei principali processi di classificazione, con le relative tecniche di produzione e lavorazione, consentono allo studente di riconoscere le proprietà specifiche dei filati e di acquisire sensibilità nell’uso dei materiali. Il corso approfondisce, inoltre, le conoscenze sulle principali teorie del colore nel settore della produzione di tessuti e introduce le tecniche base per sviluppare in modo creativo stampe e lavorazioni.

    • Fashion design 1

      Manualità e acquisizione delle tecniche di base artigiano-industriali è la finalità del corso laboratoriale. Grazie alle conoscenze apprese nei corsi di modellazione e cultura tessile, abiti e accessori lo studente è chiamato a sviluppare un concept con forme e volumi, scelta di materiali e lavorazioni, stampe e colori e assortimento dei capi fino a creare un book che illustri tutte le fasi del lavoro.

    • Anatomia dell’Immagine

      Il rapporto fra codici, identità , dipendenze e corrispondenze, e con la specificità  espressiva, oggettiva e soggettiva, svela l’immagine nel suo rapporto fra realtà  e finzione, astrazione e rappresentazione. La complessità  della riproduzione di personaggi virtuali viene affrontata da un punto di vista teorico e pratico studiando le tecniche di rappresentazione anatomica virtuale: forme, volumi e proporzioni alla base della costruzione di un personaggio, in relazione al contesto, alle espressioni, ai gesti e ai movimenti. Il corso è focalizzato sulla produzione di personaggi per un media 3D. Si introducono le principali tipologie di character, analizzando le differenze e le caratteristiche del lavoro con personaggi toon o hyper real, fornendo le basi per la progettazione di entrambe le categorie. Partendo dall’analisi delle diverse tipologie di geometrie 3D, il corso approfondisce le tematiche riguardanti i poligoni per approdare alle tecniche di modellazione organica, come la scultura di mesh. Partendo dallo studio del software Zbrush si affronteranno dal punto di vista teorico, tecnico e progettuale tutte le tipologie di character in relazione al campo d’applicazione (illustrazione, high poly modelling, real time). Si affronteranno i concetti di scultura digitale al fine di arricchire e particolareggiare i volumi. Tutti gli insegnamenti teorico-tecnici appresi vengono messi immediatamente in pratica attraverso esempi concreti ed esercitazioni mirate.

    • Antropologia Culturale

      Il corso intende identificare le forme e le relazioni simboliche dell’immaginario collettivo, in rapporto a concezione, fruizione e comunicazione dei beni materiali e immateriali nella cultura postindustriale. In particolare, l’insegnamento pone attenzione sulle recenti ibridazioni del design con le pratiche sociali emergenti, i flussi comunicativi, l’ambiente, lo sviluppo tecnologico e la sfera dell’esperienza, scorrendo in parallelo l’evoluzione del senso di territorio e di identità culturale e sociale, che ha modificato la percezione del corpo e dell’abitare lo spazio.

  • 2 Anno

    • Storia della moda 2

      Il corso tratta gli sviluppi della storia della moda contemporanea al fine di individuare tendenze e modalità di comunicazione del fashion system. L’evoluzione delle tendenze e dello stile è trattata dal punto di vista storico, culturale, sociale ed economico, fornendo gli strumenti per comprendere la contemporaneità della moda, evidenziarne i meccanismi, i personaggi chiave e i fenomeni più rilevanti.

    • Tecniche E Tecnologie Del Disegno

      A partire dalle tecniche di base apprese in Disegno tecnico e progettuale, il corso implementa le pratiche rappresentative, dal disegno a mano libera agli strumenti multimediali, per favorire la velocità e l’efficacia comunicativa nella presentazione dell’opera. Il progetto è così descritto nelle sue fasi con la modalità più idonea: bozzetti preliminari a mano libera, tecnica pantone,affinamenti di stile con software digitali e realizzazione di rendering e fotorealismi.

    • Modellistica 2

      L’approfondimento nelle pratiche della modellistica è di supporto ai corsi di progettazione, per i quali sono necessari modelli di studio e di presentazione, fino alla definizione di prototipi. La natura laboratoriale del corso implica l’apprendimento diretto delle tecniche e favorisce la comprensione di geometrie e volumi e lo sviluppo di un linguaggio personale.

    • Progettazione grafica 2

      La pluralità di metodi e processi della progettazione visiva sono orientati alla comunicazione e alla presentazione dei progetti realizzati. Obiettivo del corso è acquisire una serie di conoscenze tecniche e metodologiche: i principali software grafici sono utilizzati per realizzare book personalizzati, portfolio e progetti grafici articolati.

    • Cultura tessile 2

      Il corso completa le tecniche per progettare in modo creativo tessuti e materiali. Inoltre, l’analisi degli aspetti tecnici legati alla maglieria è supportata da esercitazioni pratiche. L’attività manuale consente allo studente di confrontarsi con le metodologie di progettazione e affinare le conoscenze di base già acquisite, come le terminologie, le tecniche di esecuzione, tradizionali e digitali, e i finissaggi.

    • Fashion design 2

      Il percorso guidato intende seguire l’intero processo di progettazione, partendo dalla selezione e ricerca di prodotto fino ad arrivare allo sviluppo della collezione. Il concept delle collezioni maschili e femminili deve essere pensato anche dal punto di vista della comunicazione affinché lo studente sperimenti le interazioni con le altre discipline e sviluppi la propria creatività.

    • Semiotica Dell'arte

      Argomento centrale del corso è la lettura dei rapporti fra contenuto, testi e immagine e i processi narrativi, adottati dalle diverse forme della comunicazione visiva e dall’universo mediale. L’apprendimento metodologico consiste nell’esame dell’unità fra forma e contenuto, degli effetti estetici e dei regimi di fruizione, impostando un orientamento valutativo e critico nel linguaggio delle opere visive teso a individuare quale aspetto, e in che modo, funziona come comunicazione.

    • Sociologia dei processi culturali

      Comprendere le dinamiche delle tendenze fashion da un punto di vista sociologico: quali sono, dove nascono, come si diffondono e come si esprimono nel mondo globalizzato. Instillare la capacità autonoma di ricerca, lettura e interpretazione delle tendenze.

    • Logica e organizzazione d’impresa 1

      La filiera è analizzata nelle differenti competenze e professionalità, nelle dinamiche industriali e nel lato strategico della creatività in relazione, dunque, ai mercati di riferimento. Lo studente apprende i fondamenti del marketing applicato all’organizzazione delle attività d’impresa, con le relative scelte strategiche e politiche aziendali, per un corretto posizionamento del brand.

  • 3 Anno

    • Modellistica 3

      Il corso consente di approfondire conoscenze e abilità per costruire modelli e manufatti. Il corso incrementa le nozioni acquisite, prestando maggiore attenzione ai dettagli e sperimentando tecniche innovative. Lo studente è chiamato a realizzare un prodotto moda, con le rifiniture necessarie per la sua ultimazione.

    • Fashion design 3

      Lo studente comprenderà e applicherà l’intero processo di progettazione, dalla ricerca al prodotto. Sperimenterà le interazioni con altre discipline artistiche e avrà la possibilità di sviluppare la propria creatività, lavorando in autonomia. Il corso rappresenta un ulteriore approfondimento degli strumenti e dei processi di progettazione

    • Metodologia progettuale della comunicazione visiva

      Attraverso l’analisi di alcuni casi di studio esemplari viene indagato il valore del brand nella moderna società dei consumi. Si delinea il rapporto tra bisogno di merci e bisogno di significati, dando una valorizzazione culturale, sociale ed economica alla narrazione che alimenta il successo delle marche, dei prodotti e dei servizi. Obiettivo del corso è la comprensione del ruolo della pianificazione per il successo di un progetto di branding/comunicazione e un’adeguata quantificazione delle economie necessarie. Si esamina quindi la strategia di comunicazione di alcuni brand in relazione alla loro immagine, al posizionamento, alla personalità, ai media e al target di riferimento.

    • Fenomenologia delle arti contemporanee

      Il corso si occupa dell’indagine, in un’ottica interdisciplinare, delle interrelazioni tra le diverse arti contemporanee e della problematizzazione dei rapporti che ne derivano, nonché della loro contestualizzazione all’interno dell’orizzonte socio-culturale, con particolare riferimento alle questioni connesse ai processi di innovazione tecnologica.

    • Ambientazione moda

      Il corso fornisce la conoscenza dei numerosi mezzi e delle altrettante tecnologie per l’ambientazione della moda, poiché nella presentazione di una collezione è fondamentale interpretare la filosofia del brand, lo spirito del tempo e le aspirazioni delle persone e tradurle in spazi creativi ed espressivi.

    • Fashion design 4

      Il laboratorio affronta le fasi preparatorie al progetto di tesi conclusivo. Vengono poste le basi per la fase meta progettuale, ovvero la definizione strategica del progetto, l’impostazione del lavoro di ricerca inerente i temi proposti, nonché la pianificazione delle successive fasi operative.

È lodato quel maestro che fa egli stesso ciò che insegna agli altri (proverbio italiano)

Allo IED insegnano professionisti che quotidianamente si confrontano con il mercato. Qui puoi approfondire i loro profili professionali.

Alessandro Moroni

Alessandro Moroni
E' diplomato all’Accademia di Belle Arti di Brera, inizia la sua attività  come scenografo e costumista, passando molto presto al campo della moda. Si occupa di stilismo come consulente esterno per importanti aziende di abbigliamento. Lavora, inoltre, nel campo del design e della progettazione d’interni.

Maurizio Francesconi

Maurizio Francesconi
Giornalista e storico della moda, Maurizio Francesconi è Paris Editor per le riviste Collezioni Donna, Collezioni Haute Couture e Collezioni Trends. Collabora con vari editori per testi relativi alla moda.

Barbara Giurisato

Barbara Giurisato
Docente di Collezione maglieria 1-2 Stilista di maglieria e tecnico da ventidue anni, ha lavorato con aziende di moda tra cui VALENTINO, MARZOTTO, MISSONI, MIROGLIO, KRIZIA, come knitweardesigner, stitch development e tecnico. Ha realizzato collezioni-maglia: industriali, artigianali e hand-made per marchi commerciali, prime e seconde linee di griffe, avanguardia. Ha creato un laboratorio di maglieria artigianale con alcune maestre-magliaie. Con le sue collezioni donna e bebè è stata scelta da boutique top in Italia, Francia, Giappone e America. Da sette anni insegna come docente di stile e tecnica in materia di maglieria.

Alessandro Baima

Alessandro Baima
“Figlio d’ arte” ha iniziato a muovere i primi passi nel tessile già all’età di 10 anni  nell’ azienda dei nonni. Nel 1985,  a  25 anni, diventa amministratore della stessa società  famigliare  dove è rimasto in carica  sino al 2005. In  questi trent’anni  anni si è occupato a 360° delle crescita della struttura, dove ho avuto la fortuna di aver partecipato alla creazione di molti “ progetti” tra i più  importanti Napapijri – all glow -  hell is for heroes - aigle - da kine. Nel 2005 ha creato una s.a.s. di consulenza e lavoro come ufficio stile sino al 2009   con: north sails - Conte of Florence - Sparco . CDSB – Leone - All glow – Bear. Dal  2009 ad oggi ha strutturato una società di commercializzare  dei prodotti: tra i  principali clienti   C.P. Company  -  Brema. Think Pink  - Dolomite  -  Iceberg  -  Vintage  - Bomboogie    Red Fox – Besson – Sanrival – Sandys

Adriano Padovani

Adriano Padovani
Da più di vent’anni opera nel campo della comunicazione e dell’abbigliamento. Dalle prime esperienze professionali come Art Junior presso un’importante agenzia di comunicazione specializzata nell’abbigliamento, proseguite poi negli anni con collaborazioni e consulenze presso agenzie di comunicazione e aziende, quasi tutte legate al mondo del design e dell’abbigliamento. Attualmente come direttore creativo segue per alcuni brand internazionali ogni fase della loro  complessa comunicazione aziendale seguendo anche parte dello sviluppo del prodotto. Dall’ufficio stile, nella ricerca delle tendenze, alla realizzazione del labeling, dall’ufficio marketing nella realizzazione delle campagne stampa e dei materiali per il trade, allo studio e alla gestione degli stand e dei progetti retail.

Luca Sburlati

Luca Sburlati
Torinese, laureato all'università di Torino in scienze politiche internazionali, successivamente consegue un Executive MBA in SDA Bocconi a Milano. Lavora prima nei settori dell'high tech ed automotive per poi entrare nel mondo del lusso: prima nel gruppo Azimut Yachts, dove ricopre in ultimo il ruolo di CEO del brand di yacht sportivi Atlantis, e poi in Pattern in qualità di Direttore Generale. Da alcuni anni coniuga l'attività manageriale con quella imprenditoriale condividendo con i soci la gestione e la partecipazione in alcuni marchi di abbigliamento nel segmento premium. E' membro del Comitato PMI dell'Unione Industriale di Torino.  

Celeste Corso

Celeste Corso
Docente per passione,  Design &  Product Manager nel campo della moda e dell’ abbigliamento per professione. Opera nel settore da  più di vent’ anni con l’obbiettivo di imparare costantemente cose nuove . Ha collaborato con numerose aziende del settore  spaziando dalla progettazione alla realizzazione  di collezioni di abbigliamento:  dal  tecnico, allo sportswear, all’ urban- wear. Da qualche anno si dedica prevalentemente a progetti Men- Wear  con una particolare attenzione alla tecnologia applicata sia all’ abbigliamento che  ai materiali.