News

Firenze

ottobre 13, 2020

IED Alumni: Gregorio Gabellieri

Gregorio, toscano classe 1986, dopo una laurea triennale in Archeologia, una specializzazione in Economia dei Beni Culturali e due Master, ha deciso di frequentare il corso di specializzazione in Web Communication: User Experience / SEO / Multimedia per acquisire basi e conoscenze nel mondo Digital.  

All’epoca della frequentazione del corso ricopriva il ruolo di referente Marketing e Promozione presso il Museo Ferragamo di Firenze e adesso, grazie all’esperienza formativa in IED, è passato al Dipartimento Digital di Milano, in qualità di Digital Project Coordinator per il brand Salvatore Ferragamo.

“IED mi ha letteralmente fatto conoscere un mondo. Grazie alla guida e al supporto di professionisti del settore, il corso ha fornito importanti strumenti di lavoro uniti ad un approccio estremamente dinamico e pragmatico. Ho sempre creduto al processo del lifelong learning e ad un approccio multidisciplinare. IED mi ha permesso di conoscere molteplici aspetti del mondo Digital a me sconosciuti. La forza del corso sta nell’aprire una finestra su un mondo in continua ed incessante evoluzione” – afferma Gregorio.

In qualità di Digital Project Coordinator, Gregorio ogni giorno lavora e si confronta con graphic designers, social media managers ed esperti di UX: “La mia capacità di lavorare con tali figure professionali attraverso l’utilizzo di linguaggi tecnici e di conoscenze specialistiche è indubbiamente frutto del corso di specializzazione che ho frequentato”. 

“Cosa amo di più del mio lavoro? La varietà delle attività che svolgo ogni giorno; definisco il mio ruolo come trasversale rispetto ai ruoli sopra citati. IED mi ha permesso di poter approcciare questo mondo e di farlo sotto innumerevoli aspetti. Ogni modulo di studio mi ha fornito competenze che si sono rivelate fondamentali in un’ottica di lavoro sia personale quanto di team” – continua Gregorio.

Infine, un consiglio per i futuri professionisti: “L’unico consiglio che mi sento di dare, forse banale, è quello di seguire il proprio istinto, di scegliere la propria strada, magari facendo scelte differenti e non scontate”.