News

Torino

maggio 8, 2020

Intervista: da IED Torino a Hyundai Europe, Marco Gianotti ci racconta la sua esperienza

Impugnare la matita e tracciare linee moderne ed eleganti è un processo naturale per Marco Gianotti, Exterior Designer presso Hyundai Europe ed ex studente del Master in Transportation Design presso IED Torino. Una passione, quella per i motori, che si porta dietro fin da bambino: il padre, infatti, possedeva un negozio di ricambi per auto. “Ho sempre avuto una predisposizione per il disegno” afferma Marco “e da adolescente l’ho combinata all’amore per le auto”. Ha scelto di affinare le proprie conoscenze in Transportation presso IED perché fin dalla prima presentazione del Master ha notato “la grossa opportunità offerta per approcciarsi al mondo del lavoro, ovvero la realizzazione di un modello d’automobile in scala 1:1 da presentare al Salone di Ginevra. Prova finale che, se presa seriamente, avrebbe potuto aprire molte porte” ricorda Marco.

Ed è proprio grazie al Progetto di Tesi che Marco si fa notare da Hyundai. La Casa coreana ha affidato agli studenti del Master un brief di progettazione destinato ad un target di potenziali giovani clienti, sempre connessi, quelli del 2.0, definiti generazione Y. Hyundai PassoCorto, questo è il nome dell’auto, è stata concepita con un vero e proprio processo aziendale. Sotto la guida di Luca Borgogno, Lead Designer Pininfarina, gli studenti hanno presentato una loro proposta; le due che meglio hanno saputo interpretare il brief della compagnia sono state selezionate e combinate insieme nella versione finale che unisce circa il 70% di una proposta e il 30% di un’altra.

“E’ stato davvero emozionante vedere il Chief Designer e il Manager del centro stile europeo di Hyundai, un’azienda leader mondiale dell’automotive, visionare proprio i nostri bozzetti”.

Marco è ormai Designer in Hyundai da 6 anni e, come ci confessa, cerca sempre di migliorarsi e di prendere spunto da chi ha più esperienza di lui. “Non mi fermo, e non penso mai di essere arrivato – anzi, ho voglia di cresce ancora all’interno di quest’azienda”.

Il processo di restyling di una vettura richiede tempo, ci riferisce Marco. “Si impiegano dagli 8 mesi all’anno e mezzo” ed inoltre “c’è tanta competizione interna. Ci sono sei o sette Designer che lavorano sullo stesso progetto e, se si riesce a passare questa fase bisogna vedersela con gli altri studi, come quello coreano o quello californiano. Per esempio, quando abbiamo dovuto progettare la nuova Tucson ci siamo confrontati con tutti quanti i centri stile a livello mondiale”.

La Hyundai i30 è l’ultimo progetto di Marco. “Per quanto riguarda il restyling si tende sempre a vedere quello che c’è da migliorare, quindi non si parte da un foglio bianco. In questo caso ho cercato di integrare la versione precedente dell’i30 con il family feeling aziendale che rispetto al modello passato si è voluto diventando più affilato ed high-tech. Per il frontale ho proposto un disegno più affusolato e che tendesse ad essere più impattante sulla strada, ed ho ingrandito la griglia – un ‘design wide’, come lo chiamiamo noi”

La più grande sfida di questo processo, continua Marco, “è quella di integrare le proporzioni già esistenti con un frontale ed un posteriore evoluti in termini di linee e, in un certo senso ‘futuristici’, senza però poter fare proposte troppo inusuali che si discostano dallo stile del brand”

Vedere la propria creazione in giro “è una bella sensazione” ci riferisce Marco “un qualcosa che soddisfa l’ego, soprattutto per noi designer. Personalmente cerco di trasformarla in un’energia motivante, per fare meglio e cercare di vedere in futuro altre mie proposte sulle strade di tutti i giorni”.

Infine, Marco, dà un prezioso consiglio a tutti gli studenti che sognano di diventare dei Designer: “coltivate sempre i vostri sogni, tirate fuori la grinta e cercate di non esser mai soddisfatti di voi stessi. Bisogna sempre andare alla ricerca della perfezione. Infatti, anche se si crede di aver talento, questo non vuol dire trovare lavoro o raggiungere il proprio sogno automaticamente. Umiltà e tanto lavoro”.

Ringraziamo Marco per aver risposto alle nostre domande e invitiamo chi fosse interessato a visitare la pagine del Corso Triennale e del Master in Transportation Design per scoprire di più sui futuri progetti degli studenti IED.