Museum Experience Design

Master - Firenze

Scarica la brochure

2a edizione - Il Master in Museum Experience Design si pone l'obiettivo primario di formare professionisti museali in grado di progettare percorsi e programmi destinati all’audience engagement e audience development nelle diverse categorie di pubblico, all'interno di istituzioni di carattere museale o culturale. Il percorso fornisce competenze specifiche legate ai temi del design museale, della comunicazione in ambito culturale, della mediazione e di tecniche comunicative e di apprendimento legate alla promozione e fruizione del patrimonio artistico.

Gli studenti imparano ad andare oltre il tradizionale approccio divulgativo in vista di percorsi museali multidisciplinari e supportati dalle nuove tecnologie in ottica immersiva.

Tali figure professionali possono intraprendere una carriera nelle istituzioni culturali pubbliche e private come mediatori del patrimonio dei Beni Culturali o come Designer per i Servizi Educativi.

  • Partenza
    Novembre 2020
  • Durata
    6 mesi
  • Frequenza
    full-time
  • Lingua
    Italiano

Entra in classe: scopri le attività del Master 

A chi è rivolto - Il Master si rivolge a laureati in Beni Culturali, Scienze della Formazione, Lettere, Storia, Filosofia, Antropologia o Accademia di Belle Arte. Sono inoltre ammessi coloro che hanno maturato esperienza pregressa nel settore collaborando con istituzioni museali o di associazioni culturali.

Metodologia e struttura - Attraverso una didattica fortemente laboratoriale, il percorso formativo mira alla costruzione e di esperienze museali e progetti didattici. Strutturato secondo cinque moduli tematici, il Master alterna lezioni teoriche a laboratori: le lezioni teoriche introducono gli studenti agli strumenti di interpretazione e comunicazione utilizzati in ambito artistico-museale, i laboratori forniscono l'occasione per sperimentare le attività di pianificazione, organizzazione, conduzione e valutazione di progetti educativi e di edutainment, anche grazie alla collaborazione tra IED Firenze e musei ed enti del territorio.

Sono previsti, inoltre, workshop, visiting e uscite didattiche presso istituzioni pubbliche o private, musei e fondazioni, che offrono agli studenti la possibilità di entrare in contatto con le principali best practice del territorio nazionale. Un intero modulo sarà dedicato all’accessibilità museale letta in chiave inclusiva.

Alcuni interventi saranno tenuti in lingua inglese e saranno dedicati a programmi, professionalità e tematiche urgenti a livello internazionale nell’ambito dell’esperienza museale.

La Tesi Finale consisterà nella progettazione di un percorso e/o esperienza museale, sviluppata a partire da brief forniti da istituzioni partner. I risultati del progetto saranno presentati ai committenti nel corso della discussione di fine corso.

È lodato quel maestro che fa egli stesso ciò che insegna agli altri (proverbio italiano)

In IED insegnano professionisti che quotidianamente si confrontano con il mercato. Qui puoi approfondire i loro profili professionali.

Valentina Gensini - Coordinatore del corso

Valentina Gensini - Coordinatore del corso
Storica dell'arte e curatrice. Dopo il lavoro in Sovrintendenza presso Palazzo Pitti, ha lavorato come consulente per la Fondazione Palazzo Strozzi, dove ha co-curato Green Platform. Arte Ecologia Sostenibilità (CCCS, 2009). Ha co-curato il progetto espositivo Novecento Sedotto. Il fascino del Seicento tra le due guerre (Villa Bardini 2010). Ha diretto la sezione Arti Visive del Festival Fabbrica Europa (2012). Per Mus.e, in qualità di Responsabile dell’Area Contemporaneo, ha fondato e diretto il Museo Novecento (2014-2017) e Le Murate. Progetti Arte Contemporanea (2014-2019), che attualmente dirige con il nuovo progetto Murate Art District. E' fondatrice e direttore artistico del Progetto Riva, un progetto pluriennale di arte pubblica internazionale sul tema della progettazione ecosostenibile ed ecosofica. E’ autrice di saggi, cataloghi e volumi tra cui Video d'artista. La video-arte dalle origini a oggi (Polistampa, 2011) e Global identities. Postcolonial and cross-cultural narratives (Mousse, 2019). E’ consigliere di amministrazione di Fondazione Primo Conti, Fiesole  e Galleria dell’Accademia, Firenze.  

Eleonora Chielli

Eleonora Chielli
Avvocato cassazionista, ha conseguito il suo Diploma in “Intellectual Property and Collections” presso l’Institute of Art Law di Londra, acquisendo una professionalità specifica nell’abito della legislazione per l’arte ed i beni culturali.

Luca Scarlini

Luca Scarlini
Luca Scarlini è scrittore, Performance Artist, Arts MAnager, Curatore. Collabora con diverse istituzioni culturali in Italia e all'estero. Lavora come scrittore con diversi festival e per il programma radio Museo Nazionale di Radio 3.

Nicola Santini

Nicola Santini
Fondatore, insieme a Pier Paolo Taddei di Avatar Architectur; Co-autore della mostra permanente del nuovo Museo del Novecento; collabora stabilmente le Gallerie degli Uffizi dal 1997.

Chiara Ulivi

Chiara Ulivi
Storica dell'Arte, attualmente lavora per il dipartimento di tecnologia dell'informazione - Strategie digitali delle Gallerie degli Uffizi come gestore dei social media e gestore del sito web. Fa parte del team che ha creato e presentato la strategia di branding delle Gallerie degli Uffizi nel 2017, insieme al nuovo sito Web e agli account social media. 

Martino Margheri

Martino Margheri
Laureato in Storia dell’arte contemporanea. Dal 2014 è responsabile delle attività educative dalla Fondazione Palazzo Strozzi per i progetti dedicati alle accademie e università. Dal 2007 al 20013 si è occupato dei progetti educativi e attività per il pubblico per il Centro di Cultura Contemporanea Strozzina, Firenze. Il suo lavoro si concentra principalmente nello sviluppo di progetti partecipativi finalizzati alla valorizzazione dell’arte come esperienza di condivisione e apprendimento. 

Pietro Gaglianò

Pietro Gaglianò
È un critico d'arte e curatore indipendente. I suoi principali temi di interesse riguardano l'interazione tra arte e politica. Sperimenta forme ibride tra arte ed educazione, in una funzione di anti discriminazione e di sensibilizzazione sociale. Attualmente è membro del Consiglio Direttivo del Forum per l'Arte Contemporanea Italiana, del comitato scientifico di "Nexst", festival degli spazi non profit italiani, Torino; fa parte del progetto Madeinfilandia e gestisce numerosi progetti di pedagogia radicale (Didattica Popolare). Dal 2011 cura e gestisce lo "Scripta Festival", ciclo di conferenze sui libri di arte contemporanea. Tra i suoi libri recenti: "Memento. L'ossessione del visibile" (Postmedia 2016) e "La sintassi della libertà. Arte, pedagogia, anarchia" (Gli Ori 2020).

Michele Trimarchi

Michele Trimarchi
Esperto di progetti di cooperazione culturale internazionale (India, Indonesia, Brasile, area balcanica, Giordania), e di progetti finanziati dall'UE sulla gestione museale e sul turismo culturale, ha elaborato il piano strategico per il Parco Archeologico del Colosseo (Roma) e per il museo MADRE (Napoli), e ha coordinato l'analisi delle industrie creative in Lombardia e in Emilia-Romagna. È fondatore di Tools for Culture, un'organizzazione non profit attiva nell'assistenza strategica per l'arte e la cultura, e direttore scientifico di Art Files, società di consulenza per il sistema culturale.

Maria Chiara Ciaccheri

Maria Chiara Ciaccheri
Progettista e docente, esperta in accessibilità, interpretazione e facilitazione dei processi di apprendimento dei pubblici adulti al museo. Specializzata al Master in Learning and Visitor Studies in Museums presso l'Università di Leicester (UK), ha maturato un profondo expertise nell'ambito dell'accessibilità cognitiva e sensoriale, grazie anche ad approfondite ricerche sul campo svolte negli Stati Uniti. Socia di ABCittà, responsabile dell'area Musei e Società, collabora con numerosi istituzioni e musei.

Giuliana Ciancio

Giuliana Ciancio
Manager culturale, curatore, ricercatore e docente - si occupa di arti dello spettacolo dal vivo, programmazione internazionale e politiche culturali in Europa. Nella sua carriera ha lavorato creando e gestendo progetti di cooperazione culturale su larga scala a livello nazionale e internazionale. Attualmente è co-curatrice e project manager del progetto di cooperazione su larga scala dell'UE Be SpectACTive; dottoranda di ricerca all'Università di Anversa (Belgio) presso il C.C.Q.O - Cultural Commons Quest Office; co-fondatrice e membro del consiglio di amministrazione dell'organizzazione italiana Liv.in.g. (Live Internationalization Gateway). Insegna anche gestione culturale, programmazione internazionale e politica culturale a livello post-laurea in Italia e all'estero.  

Paolo Mazzanti

Paolo Mazzanti
Di formazione interdisciplinare con Laurea in Filosofia Teoretica, specializzazioni Master in Multimedia Content Design, Progettazione e Comunicazione di Beni Culturali. Ricercatore presso i Centri Universitari MICC - Media Integration and Communication Center e NEMECH - New Media for Cultural Heritage: Management Training Programs, Scientific Co-ordinator del Progetto MuseiEmotivi. Si occupa di filosofia della mente, percezione e soggettività - del rapporto tra emozione e conoscenza nella fruizione dei beni culturali, user-experience e interaction-design, new-media e digital tools per motivare l'apprendimento e il coinvolgimento dei diversi pubblici museali, Information technology & creative practices (ITCP).

Anna Maria Marras

Anna Maria Marras
Assegnista di ricerca dell'Università di Torino, Ph.D. in archeologia, è la coordinatrice della commissione tecnologie digitali di Icom Italia. I suoi interessi di ricerca riguardano diversi ambiti delle digital humanities. Collabora con istituzioni pubbliche e private a diversi progetti su tecnologie e accessibilità per i beni culturali. Ha organizzato diversi incontri e conferenze nazionali ed internazionali su temi legati a open data, partecipazione, archeologia e musei.

Veronica Caciolli

Veronica Caciolli
A seguito della laurea specialistica in Fenomenologia degli stili, ha conseguito una serie di studi avanzati in Curatela, Storia delle Religioni e Antropologia dell’arte a Berlino, Roma e Milano. Ha collaborato con le riviste Segno e Exibart. Dal 2005 al 2007 è stata la responsabile delle mostre per Photology, organizzando progetti che hanno coinvolto, tra gli altri, Mario Giacomelli, Enzo Cucchi, Joel-Peter Witkin, Claudio Abate e Achille Bonito Oliva. In ambito museale, dal 2008 al 2015 ha curato le collezioni del XX e XXI secolo e le mostre sul contemporaneo al Mart, Museo d'arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto. Dal 2016 al 2019, in comando al Museo di Palazzo Pretorio di Prato ha lavorato sulle stratificazioni simboliche del tempo con Pretorio Studio, invitando artisti in residenza al museo con una mostra finale collection-specific.  

Fabio Viola

Fabio Viola
Dopo aver lavorato per multinazionali del videogioco come Electronic Arts Mobile e Vivendi Games su titoli iconici come Fifa, The Sims, Crash Bandicoot, Harry Potter, ha dedicato la sua carriera all’intersezione tra gaming e vita reale. Considerato uno dei più influenti gamification designer al mondo, aiuta aziende ed enti pubblici nei processi di coinvolgimento. Autore di libri, tra cui “L’Arte del Coinvolgimento” (Hoepli 2017), è docente in diverse università italiane. Nel 2016 fonda TuoMuseo, un collettivo di artisti e creativi specializzato in operazioni di valorizzazione del patrimonio culturale attraverso i videogiochi. Tra le sue ultime produzioni Father and Son per il Museo Archeologico Nazionale di Napoli con oltre 4.5 milioni di download, A Life in Music per il Teatro Regio di Parma  ed il neo-rilasciato Fragments of Life sul tema della leucemia. Attualmente è coordinatore del Piano Strategico “Alghero Città che Gioca”.  

Chiara Rubessi

Chiara Rubessi
Ha un dottorato in Arts&Humanities presso l'Università di Grenoble Alpes. È ricercatrice presso il laboratorio Cinesthea, UGA e al CEREFREA, Università di Bucarest. I suoi interessi di ricerca includono l'estetica dello spazio espositivo, le teorie della mostra, le transizioni digitali e l'impatto della tecnologia sulle arti. Recentemente ha organizzato la conferenza internazionale DEA2019-Exhibition Design presso l'Università di Parigi 8 e la Scuola di Archicteure Paris-Malaquais. Nel 2010 si è specializzata in Exhibition Design presso il Politecnico di Milano. Accanto all'attività di exhibition designer, svolge un'attività didattica tra Francia e Italia.