IED GRADUATION WEEK 2020

RESPECT! Persone. Futuri. Luoghi.

Essere una Scuola significa – da sempre – sollecitare gli studenti a riflettere sui valori importanti, contribuendo anche ormai adulti ad una parte del loro processo educativo, come individui e cittadini globali, oltre che designer e professionisti.

Essere una Scuola di Design significa farla funzionare, rivedere costantemente la prospettiva degli argomenti, stare al passo con i temi e le professioni, sviluppare negli studenti curiosità e competenze aggiornate. Oggi significa anche fare i conti con contingenze pesanti, nuovi modi di imparare, trasformazioni profonde.

Ma essere una Scuola di Design per noi significa prima di tutto non perdere di vista la traiettoria e il senso etico dell’essere un progettista. Un insieme di umiltà, attenzione ai bisogni degli altri, senso di responsabilità e coraggio di scegliere che non deve mai venir meno: una trama valoriale robusta su cui poter tessere l’ordito delle competenze, dei progetti, delle aspirazioni e delle idee.

Nelle nostre scuole di Design, Comunicazione, Moda e Arti Visive delle sedi IED italiane – Milano, Roma, Torino, Firenze, Cagliari e Venezia – più di 1500 studenti dei corsi di Diploma Accademico di Primo Livello stanno per diplomarsi con progetti di Tesi che hanno tenuto sullo sfondo lo stesso tema: RESPECT! Persone. Futuri. Luoghi.

Un unico tema che è stato letto e interpretato secondo possibili e diverse prospettive, con brief progettuali di corso declinati in sviluppi diversi e liberi, ma sempre riconoscibili e riconducibili ad un unico argomento, il rispetto. Persone, futuri e luoghi – il mondo che ereditiamo, viviamo e progettiamo – hanno aperto a possibili interpretazioni dei nodi problematici della contemporaneità, così come codificati anche negli SDGs (Sustainable Development Goals) lasciando grande libertà di movimento nel panorama delle professioni e nella varietà dei nostri corsi.

Rispettare gli altri, l’ambiente, il passato, la differenza, le regole: vogliamo essere certi di aver dato ai nostri diplomandi non soltanto strumenti reali per progetti reali, ma spazi e occasioni per riflettere sul loro modo di essere individui e designer. 

Essere designer IED.

Riccardo Balbo

Direttore Accademico

1_me_we_

ME-WE

IED Milano – 13 luglio
Corso: Jewelry Design

È possibile esercitare l’empatia indossando dei gioielli? La collezione Me-We parte proprio da una riflessione sull’empatia, espressa in una collezione di gioielli in oro, pietre e contenitori in resina, che per sua costituzione invita ad allenare i concetti di “cura” e rispetto.

Se l’empatia può essere esercitata attraverso la cura dell’altro, prendersi cura di un gioiello viene qui proposto dunque come una sorta di esercizio per chi lo indossa: l’acqua e le pietre contenuti all’interno delle parti in resina vanno custodite e trattate con cautela da chi indossa i gioielli per preservarne il valore e per evitare che il liquido fuoriesca.

2_airbnb

AIRBNB DALLE CITTÀ ALLE COMMUNITY

IED Firenze – 13 luglio
Corso: Comunicazione Pubblicitaria
In collaborazione con: Airbnb

Le città si stanno evolvendo e, con il loro cambiamento, cambia anche il concetto di cittadinanza, con la compresenza sempre più frequente di abitanti a lungo termine e a breve permanenza. Airbnb si trova in prima linea nell’affrontare le nuove sfide del presente e del futuro del turismo, con un’attenzione particolare al processo di integrazione tra turisti e residenti messo in atto attraverso strategie che promuovano il rispetto reciproco in un’ottica inclusiva. Gli studenti del corso di Comunicazione Pubblicitaria hanno immaginato e creato una campagna di comunicazione a 360° declinata su affissioni, campagne digitali, PR, segnaletica, marketing non convenzionale, iniziative speciali, eventi, coinvolgendo abitanti a lungo termine e abitanti temporanei.

3_tribe

TRIBE – MOVABILITY

IED Milano – 16/17 luglio
Corso: Product Design

La mobilità urbana è uno dei grandi temi da riprogettare nell’ottica del vivere in maniera sostenibile, nel rispetto dell’ambiente cittadino, della qualità della nostra vita e delle nostre interazioni, nel rispetto di noi stessi.

Il progetto di tesi si propone di dare una risposta alle esigenze di mobilità odierne in un’ottica di circular economy e di piattaforme open source per la progettazione di un veicolo urbano a 2/3/4 ruote (di proprietà o in sharing,con funzioni diverse) che tenga conto di fattori sociali, strutturali, economici, tecnologici e dei trend che compongono il complesso scenario odierno.

4_human

HUMAN AFTER ALL

IED Milano – 16 luglio
Corso: Fashion Design

L’unicità della deformazione; l’esaltazione dell’imperfezione e il suo rispetto; la ricerca tecnica in chiave sostenibile. Minimo comune denominatore è l’umano, senza genere.

La collezione Human After All parte dall’analisi, dalla distruzione e dalla ricreazione de “Le Modulor” di Le Corbusier, il modulo basato su un uomo standardizzato, che è misura e canone del rapporto tra l’essere umano e lo spazio abitativo. Cosa accade, infatti, se l’unità di misura umana viene alterata prendendo a riferimento un corpo definito dall’imperfezione, come nel caso della scoliosi?

5_Fucina 360 Vogue Talents

FUCINA 360

IED Milano – 20 luglio
Corso: Fashion Marketing

Fucina 360 è il progetto di una start-up che punta alla creazione di un network e di uno spazio di coworking, vendita e presentazione delle creazioni di giovani fashion designer emergenti, con l’intento di supportarne la crescita sia dal lato umano sia professionale e con il supporto dell’Istituto stesso che li ha formati. Obiettivo è creare un nuovo, concreto punto di riferimento artistico-culturale per la città di Milano, senza precedenti a livello universitario, che consenta ai designer emergenti di focalizzarsi sulla progettazione di collezioni che li rappresentino promuovendo e innalzando la creatività del singolo attraverso l’interazione col gruppo.

12_we are 24_ADV

WE ARE 24 IL CALCIO CONTRO L’OMOFOBIA

IED Milano – 22 luglio
Corso: Graphic Design
In collaborazione con: FootbAll Nerds

Il progetto WE ARE 24: Il Calcio contro l’omofobia si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica su temi come la diversità, l’uguaglianza e l’inclusione attraverso il design di un originale evento calcistico, accompagnato da una comunicazione visiva fortemente incisiva.
Il Progetto prevede di stampare il numero 24, insulto omofobo in Brasile, sulle spalle dei giocatori di un torneo di calcio davvero speciale in cui sei squadre giocheranno per vincere l’omofobia e conquistare il rispetto, un premio che chiunque dovrebbe meritarsi per nascita.

6_Sensibilita aumentate

SENSIBILITÀ AUMENTATE

IED Roma – 22-23 luglio e 16 settembre
Corso: Interior Design, Jewelry Design, Fashion Design (specializzazione Accessories)
In collaborazione con: Asp S. Alessio

Gli studenti del corso in Interior Design hanno progettato un co-housing all’interno dell’Asp S.Alessio, storica istituzione che si occupa di inclusione sociale di ciechi e ipovedenti. Il lavoro di tesi si è concentrato sull’ideazione e sullo sviluppo progettuale di spazi abitativi accessibili agli ipovedenti, caratterizzati da elementi di stimolo del residuo e della memoria visiva, mirati allo scambio virtuoso tra diverse abilità. D’intesa con l’Asp anche i progetti di tesi dei corsi di Moda: il primo verte sulla creazione di gioielli con i quali intraprendere un viaggio emozionale alla scoperta del tatto, ricorrendo all’uso della ceramica stampata 3D; il secondo è, invece, focalizzato su accessori multisensoriali, pensati appositamente per le persone con deficit visivi e creati unendo elementi tattili, olfattivi e sonori.

7_Enelx

ENEL X TEMPO DI RICARICA

IED Roma – 27-28 luglio e 16 settembre
Corso: Interior Design, Product Design, Video Design and Filmmaking, Design della Comunicazione, CG Animation e Sound Design
In collaborazione con: Enel x S.r.l.

Gli studenti dei corsi di Design, Arti Visive e Comunicazione hanno lavorato a progetti di tesi in collaborazione con Enel X, società del Gruppo Enel,  che si occupa di sperimentare e sviluppare prodotti innovativi e soluzioni digitali nei settori in cui l’energia mostra il suo maggior potenziale. L’obiettivo dei lavori è stato quello di valorizzare e diffondere servizi legati all’utilizzo di energia alternativa nell’ambito della mobilità urbana. La Scuola di Design si è concentrata sull’ideazione di un prototipo di stazione di ricarica, immaginando relativi spazi e modalità d’uso. Alle Scuole di Comunicazione e Arti Visive il compito di finalizzare campagne di promozione della mobilità elettrica.

img62 (2)

4x4xALL

IED Torino – 27 luglio
Corso: Transportation Design
In collaborazione con: Suzuki

Nella storia dell’automobile, un unico fattore è sempre stato fondamentale per la sua evoluzione: l’utente, messo al centro di questo progetto. “4×4 x All” deve rispondere alle necessità di quest’ultimo, soddisfarne le esigenze, interpretarne le aspirazioni, materializzarne i sogni, avendo sempre al centro il tema del rispetto: per il veicolo, per il modo in cui si utilizza, nell’esperienza di guida e nell’approccio con il prossimo. Rispecchiando la tradizione d’eccellenza di Suzuki e in continuità con i leggendari off road Jimny e Vitara, il nuovo 4×4 elettrico rilegge il focus dell’azienda partner: non la performance ad ogni costo o la pura tecnologia, ma la grande attenzione all’aspetto più importante della progettazione, l’essere umano.

9_FreeWheels

CAMMINARE PER MONDI: UNA NUOVA IMMAGINE PER FREE WHEELS ONLUS

IED Venezia – 28 luglio
Corso: PTP Grafica
In collaborazione con: Free Wheels Onlus

Gli studenti del corso PTP in Grafica hanno sviluppato un progetto di riorganizzazione dell’identità visiva di Free Wheels onlus, un’associazione senza fine di lucro che opera nell’ambito dell’utilità sociale svolgendo attività in grado di incentivare lo sviluppo dell’indipendenza fisica e sociale di ragazzi disabili.
Il progetto prevedeva la possibilità di rielaborare il logo nell’ottica di un restyling dell’intera corporale identity. Le proposte elaborate hanno portato i diplomandi a declinare quanto richiesto nella forma di un nuovo sito internet, dove sono stati rielaborati non solo gli elementi di layout, ma anche il modo di raccontare il lavoro svolto quotidianamente da Free Wheels onlus, confrontandosi con un modo diverso di “camminare per mondi”.

scannymockup

S.CANNY COME L’INTERAZIONE PUÒ RENDERE TUTTI ATTIVISTI

IED Milano – 28 luglio
Corso: Graphic Design

Se il cambiamento è ciò che vogliamo, dobbiamo iniziare dai consumi e dalla vita di tutti i giorni. S.canny vuole essere lo strumento per svelare l’impatto delle nostre scelte, per condividere buone pratiche di sostenibilità ed evidenziare un concetto ancora non troppo chiaro: la sostenibilità ripaga. L’applicazione offre uno scanner con accesso a realtà aumentata che, combinato ad un sistema di riconoscimento immagini, permette di esplorare i propri dintorni alla ricerca di alternative pratiche ed ecosostenibili. Si può andare alla scoperta del proprio impatto ambientale, di quello di prodotti e servizi, o delle opinioni altrui a riguardo e contestualmente si viene motivati a tentare nuove soluzioni.

11_fondazione ricerca cancro

RESPECT! PERSONE. FUTURI. LUOGHI REINTERPRETATI NEL RUOLO SOCIALE RIVESTITO DALLA FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO

IED Torino – 29 luglio
Corso: Graphic Design
In collaborazione con: Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro

Fino a poco tempo fa, parlare di cancro era un tabù. Per chi ne era colpito era quasi uno stigma sociale e il sentimento prevalente era la paura e la disperazione. I progressi nella ricerca e nelle cure sempre più personalizzate hanno profondamente cambiato il decorso della malattia e la sua percezione anche a livello di opinione di pubblica. La Fondazione vuole comunicare questa nuova realtà attraverso un codice visivo innovativo e interattivo da applicare ai propri canali informativi, con particolare attenzione al notiziario “Fondazione”, semestrale gratuito diffuso fra i suoi sostenitori sia in forma cartacea che digitale e per questo si è rivolta a IED.

13_santa giulia

SANTA GIULIA

IED Milano – 29 luglio
Corso: Design della Comunicazione
In collaborazione con: Lendlease e Risanamento Spa

Il progetto è stato commissionato dalla joint venture formata da Lendlease e Risanamento, due aziende che hanno unito le forze per portare a termine il progetto dello studio Norman Foster + iniziato nel 2004 per poi interrompersi nel 2009 e che nel 2016 – grazie al subentro di Lendlease – cambia la sua visione: rendere il quartiere periferico Santa Giulia un quartiere di condivisione invece che un quartiere residenziale esclusivo come da progetto iniziale. L’obiettivo del progetto di tesi è quindi quello di creare una comunicazione emozionale ed esperienziale che racconti la futura identità, i valori e l’anima del quartiere/cantiere periferico di Santa Giulia. In dettaglio sono state definite tre aree di progetto per perseguirlo: branding, comunicazione ed eventi.

14_brotzu

INSIDE AUT E PER FARE UN ALBERO: PROGETTI DI RIQUALIFICAZIONE PER L’AZIENDA OSPEDALIERA BROTZU

IED Cagliari – 30 luglio
Corso: Interior Design
In collaborazione con: Azienda Ospedaliera G. Brotzu

I progetti riguardano due reparti infantili – Chirurgia Pediatrica e Neuropsichiatria infantile – all’interno dell’Azienda Ospedaliera G. Brotzu di Cagliari. L’obiettivo è quello di formulare una proposta di riqualificazione degli spazi interni in modo da migliorare la condizione di degenza dei piccoli ospiti puntando non solo ad una maggiore funzionalità ma anche a un maggior comfort nella fruizione degli ambienti. Particolare attenzione verrà dedicata al rispetto delle prescrizioni tecniche e normative per rendere la proposta coerente e completa in ogni suo aspetto in modo che le componenti formali e quelle funzionali vengano armonizzate all’interno di un linguaggio progettuale omogeneo.

15_interno domestico for all

UN INTERNO DOMESTICO FOR ALL

IED Torino – 30 luglio
Corso: Interior Design
In collaborazione con: Reale Immobili

Alla luce di una crescente consapevolezza progettuale che mira a rispettare le diverse esigenze dei singoli individui, la progettazione ha soddisfatto le richieste di Reale Immobili, ristrutturando un’abitazione della proprietà attraverso l’approccio del Design For All. Sito nel cuore di Torino, al piano alto di un edificio storico di corso Re Umberto, l’appartamento di 220 mq è stato sviluppato seguendo una progettazione consapevole, inclusiva e accogliente. Riflettendo con attenzione sui bisogni relativi a varie fasi della vita e differenti capacità percettive, motorie e cognitive, il progetto permette la fruizione degli spazi alla più ampia pluralità di soggetti.

16_valigia_doorways

DOORWAYS

IED Milano – 30 luglio
Corso: CG Animation, Media Design
In collaborazione con: Fondazione G. e D. De Marchi Onlus

Il coding incontra la realtà aumentata e crea Doorways, un gioco portatile che punta a creare un’opportunità di evasione ludica, in grado di far vivere magiche avventure e momenti di gioco ai bambini seguiti dalla Fondazione G. e D. De Marchi Onlus in attesa di cure importanti, rendendo dunque più leggera la loro degenza terapeutica in ospedale.
Non solo una “semplice” Game App, ma quattro mondi in cui immergersi e con cui interagire racchiusi in una valigetta gioco, dotata di tutti gli strumenti necessari a portare a termine specifiche “missioni”, con un obiettivo ultimo:ritrovare tutte le note della trombetta del gigante Fantaso che sono andate perdute.

Copertina

TERRE DES HOMMES – GRAPHIC NOVEL

IED Cagliari – 30 luglio
Corso: Media Design
In collaborazione con: Terre des Hommes

Nato da una collaborazione con la Fondazione Terre des Hommes Italia Onlus, il progetto prende forma dalla volontà della Fondazione di sensibilizzare l’opinione pubblica sullo sfruttamento dei minori e di promuovere attraverso nuovi canali la campagna Indifesa, nata qualche anno fa. Partendo da storie vere, gli studenti hanno dato vita a dei personaggi che si raccontano attraverso parole e immagini, forme e colori. Rubina, Kirmani, Angela e Nandhini sono le protagoniste delle storie che compongono il progetto iniziale della Graphic Novel. A causa dell’emergenza Covid l’output finale è stato modificato e si è scelto di rappresentare la storia di Nandhini armonizzando in un unico racconto i diversi stili illustrativi degli studenti.