News

Milano

dicembre 18, 2019

I libri di Franca Sozzani a beneficio degli studenti IED Moda

"Non c’è nulla che mi piaccia di più del vedere un giovane imparare quello che cerchi di trasmettergli. Lo scambio con i giovani è importante. Loro apprendono dalla tua esperienza, ma tu impari dalla loro naturalezza, dalla loro mente fresca, ancora libera da condizionamenti"

Da oggi il patrimonio della Sala Consultazione di IED Moda Milano sarà arricchito da una donazione importante: circa 1200 volumi appartenuti a Franca Sozzani, storica guida di Vogue Italia prematuramente scomparsa a dicembre 2016.

La donazione a vantaggio dei futuri talenti del design e della moda – equamente suddivisa tra IED Milano e Accademia Costume & Moda di Roma- arriva su iniziativa del figlio della Sozzani, Francesco Carrozzini, e di sua nipote, Sara Sozzani Maino: si tratta di edizioni italiane e internazionali che spaziano dal fashion design al gioiello, dalla storia del costume alle arti visive (in primis fotografia e pittura, con le preziose edizioni monografiche dell’editrice Charta, ma anche scultura, graphic art e cinema, soprattutto dal punto di vista delle sue icone femminili); e poi architettura e design di prodotto fino alla musica, alla letteratura e alla storia.

Proprio a tre anni dalla sua scomparsa, inoltre, IED Milano intitola la Sala Consultazione di Moda a Franca Sozzani, che per oltre dieci anni ha seguito la Direzione Scientifica dell’area fashion IED. Nell’impegno, nella cultura e nella promozione del talento Franca Sozzani credeva fortemente, come si evince da una delle sue affermazioni più note: Non c’è nulla che mi piaccia di più del vedere un giovane imparare quello che cerchi di trasmettergli. Quando poi vedi che va avanti da solo e che trova la sua strada o che addirittura diventa bravo e famoso, allora senti veramente di aver fatto qualcosa: non hai solo realizzato un numero del giornale, ma hai realizzato il sogno di una persona. Che è molto di più. Sia nel lavoro che a scuola o all’università, lo scambio con i giovani è importante. Loro apprendono dalla tua esperienza, ma tu impari dalla loro naturalezza, dalla loro mente fresca, ancora libera da condizionamenti.”

Siamo davvero grati a Francesco Carrozzini, a Sara Sozzani Maino e a tutta la famiglia Sozzani, di aver pensato agli studenti IED Moda come destinatari di una parte dei preziosi volumi che componevano la biblioteca di Franca, così ampia e diversificata nell’ambito del sapere artistico – commenta Sara Azzone, Direzione IED Moda Milano –. IED ha coltivato per anni e fino all’ultimo un rapporto professionale privilegiato con Franca Sozzani; dedicare a lei la nostra sala di consultazione contribuirà a rafforzane il già vivissimo ricordo nel nostro Istituto, oltre che a proseguire nel supporto alla formazione dei talenti IED che Franca ha portato avanti negli anni”.