News

Milano

marzo 29, 2021

“Per me questo non è un gioco”: presentato lo spot per AISLA realizzato dagli studenti Master e premiato al XIX Spot School Award

Il nuovo video-manifesto di AISLA, dedicato ai figli dei malati di Sla, è stato presentato in diretta social insieme al segretario nazionale Alberto Fontana, al cantante Ron e agli studenti autori.

“Per me questo non è un gioco”, realizzato dagli studenti del Master in Creative Direction di IED Milano è il nuovo video-manifesto di AISLA, l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica.

Qualche giorno fa è stato presentato in diretta sui canali social dell’Associazione in un live streaming dedicato, durante il quale gli studenti hanno raccontato il progetto insieme ad Alberto Fontana, segretario nazionale AISLA, l’artista Ron nella sua veste di testimonial e consigliere dell’Associazione, Paolo Zanini, papà affetto da Sclerosi laterale amiotrofica, e i rappresentanti della giuria di Spot School Award 2020.

Realizzato come risposta creativa al brief per la campagna di sensibilizzazione per AISLA, “Per me questo non è un gioco” aveva infatti già saputo catturare l’attenzione al XIX Spot School Award svoltosi a novembre del 2020, vincendo due premi.

Lavorando a questo progetto abbiamo avuto l’impressione di essere cresciuti insieme” raccontano gli autori Andrea Azzolini, Arianna Formilli, Riccardo Bertoldi Roverotto e Silvia Borri. “Nel realizzarlo, abbiamo cercato di far emergere la parte migliore di noi: quella attenta, empatica, sensibile, che guardando al futuro intravede un mare di possibilità. Lo spot si basa proprio su questo

Il video, che ha come protagonista Anna, una bambina che da grande vuole diventare una chef, ha convinto AISLA che lo ha scelto per rappresentare l’Associazione e portare avanti la sua campagna di donazione del 5 x 1.000.

Hanno saputo cogliere l’essenza di ciò che accade nella quotidianità di una famiglia che convive con una disabilità – ha affermato Alberto Fontana in proposito.- Con semplicità e delicatezza si racconta il desiderio e il coraggio di continuare a esserci, a vivere pienamente il proprio ruolo nella società, così come all’interno della famiglia