News

Milano

novembre 18, 2020

Queercheck, dal design il rilancio del clubbing culturale (e inclusivo)

Arriva la versione milanese di United We Stream, nuovo format di live clubbing, in pandemia. Debutto sabato 21 novembre con Queercheck: 5 ore di diretta per parlare, con il linguaggio della notte, di diversità e inclusione. L'evento è frutto di un Progetto Speciale attivato in risposta alla mobilitazione creativa IED per l'Italia.

Duramente colpito dalla pandemia, il clubbing milanese esplora nuovi canoni estetici e tecnologici, nuovi possibili orizzonti. Arriva così, con il contributo di docenti, alumni e studenti IED Milano Queercheck, primo appuntamento di un nuovo format sperimentale di eventi in streaming che coinvolge in maniera inedita dj e performer, con l’intento di portare – proprio attraverso il clubbing – anche pensiero, valori, contenuti. E inclusione. 

Il debutto del nuovo format è in programma sabato 21 novembre dalle 20:00 alle 01:00,  come spin off di Linecheck nei giorni di Milano Music Week 2020. Cinque ore di diretta streaming dagli spazi di Base Milano con creatori, dj e performer che oggi rappresentano cinque visioni e proposte uniche e autoriali del queer-clubbing milanese: Plastic con Club Domani, Toilet Club, Q Club Milano, B Ballroom e Stefano Protopapa. Per parlare, attraverso il linguaggio della notte, di diversità, inclusione, queerness.

Lo spunto per il progetto nasce dalla dj milanese Missin Red (Federica Zamboni) che, tra tanti, ha risposto alla Mobilitazione creativa IED per l’Italia, la call for proposal lanciata dall’Istituto Europeo di Design durante il primo lockdown per supportare progetti in grado di sostenere il Paese nel grande cambiamento sociale in atto e non smettere di innovare. Nel corso dei mesi passati l’idea è stata sviluppata attraverso un Progetto Speciale ad hoc attivato in IED Milano coinvolgendo studenti, docenti e alumni dei corsi di Media Design, Sound Design, Video Design, Fashion Styling & Communication e Fashion Marketing per la definizione del format e la produzione di un evento basato su di esso.

Parte integrante del progetto è la collaborazione con United We Stream, piattaforma di streaming di eventi live dai grandi club della scena musicale berlinese, nata proprio per rispondere alle chiusure da Covid-19: con questo format e con l’evento Queercheck nasce dunque ufficialmente la declinazione italiana di UWS – United We Stream Milano – da cui sarà trasmesso il live integrale e a cui sono associati una pagina Facebook e una pagina Instagram.

Le donazioni raccolte durante la diretta del 21 novembre andranno ad alimentare il fondo di Music Innovation Hub COVID-19 Sosteniamo la Musica, promosso da FIMI e attivato a sostegno della filiera musicale italiana per affrontare l’emergenza.

Per accedere all’evento basta cliccare qui.