News

Roma

maggio 5, 2022

Viaggio nell’Archivio Gae Aulenti

L’architetta Nina Artioli accompagna gli studenti in un viaggio visivo all’interno dell’archivio della celebre progettista milanese, di cui è curatrice dal 2012

IED Design Roma ha coinvolto gli studenti in un viaggio visivo all’interno dell’Archivio Gae Aulenti, la celebre architetta e designer milanese scomparsa nel 2012. A guidarlo, Nina Artioli, nipote di Aulenti e curatrice dell’Archivio, per una Special Lesson dal titolo “Nina Artioli. L’Archivio Gae Aulenti”, dedicata ai corsi Triennali in Interior e Product Design.

Gli studenti si sono immersi nella vita e nel lavoro di Aulenti attraverso il suo archivio, un tesoro che la racconta come poche persone e testi potrebbero fare. A partire dalla sua sede, la casa-studio di Milano di Aulenti, che negli anni ha visto raccogliere e stratificare le tracce e i riferimenti di tutta una vita, curiosa e ricca di collaborazioni.

L’archivio Gae Aulenti custodisce oltre 700 progetti. Oggetti iconici, come la lampada pipistrello o il Tavolo con ruote per Fontana Arte, gli innovativi showroom per Olivetti, gli spazi alla grande scala del Museo de la Gare d’Orsay a Parigi o la stazione Cadorna a Milano. Progetti che raccontano storie di amicizie, di viaggi, di sodalizi intellettuali in tutti i campi artistici, da Ronconi a Oldenburg, da Sottsass a Castiglioniun, un luogo pensato da Artioli, per rendere anzitutto accessibile e tangibile la sconfinata passione che Gae Aulenti ha dimostrato per il suo mestiere di progettista.

Alla simbolica produzione architettonica, Aulenti ha associato un profondo rapporto con il teatro, che gli studenti hanno esplorato durante la lezione attraverso una moltitudine di oggetti, spazi, allestimenti e scenografie.