Retail Management

Corso Formazione Avanzata - Milano

Scarica la brochure

Rivoluzione tecnologica e persone: questi sono i due fattori che hanno segnato la differenza nei comportamenti d’acquisto dell’ultimo decennio in cui la customer journey è diventata sempre più digitale e multicanale. La diffusione dei social network, dei dispositivi mobile e, in generale, la costante innovazione tecnologica hanno spinto le marche a un profondo ripensamento dei format di vendita offline.

Abbandonati i tradizionali sistemi i retailer hanno costruito nuovi modelli di dialogo, di esperienza e di interazione con il cliente. Attraverso lo store le marche hanno l’opportunità di rendere tangibile la narrazione della propria storia e dei propri valori condividendoli con l’utente anche in modo fisico. Il corso in Retail Management trasmette le competenze e le conoscenze necessarie per comprendere e gestire queste tendenze mediante l’approfondimento delle attività di branded environment, branded experience e smart retail. 

  • Partenza
    Febbraio 2019
  • Durata
    5 mesi
  • Frequenza
    weekend
  • Lingua
    Italiano

Milano

News

3 regole per un Branded Entertainment efficace

Il Branded Entertainment è un campo in cui la simbiosi tra maestranze coinvolte fa la differenza nel risultato finale, sia per l’audience che per il cliente finale. Avere chiari i propri obiettivi come Marca e approcciarsi alla sfida con una squadra preparata è l’unico vero segreto da conoscere.

Scopri di più

A chi è rivolto – Il corso si rivolge a laureati, professionisti e imprenditori che intendano arricchire e aggiornare le proprie competenze sul mondo del retail alla luce dell’impatto esercitato dalle nuove tecnologie e dal digitale.

Metodologia e struttura - Il corso è strutturato in cinque moduli didattici che colgono le trasformazioni del retail fornendo agli studenti gli strumenti e le tecniche utili per giocare un ruolo da protagonisti nello scenario attuale. Un ruolo chiave sarà svolto dallo study tour a Barcellona - all’interno del quinto modulo - in cui gli studenti potranno familiarizzare con uno dei contesti commerciali più dinamici d’Europa. Il percorso didattico presenta un’alternanza di lezioni teoriche, lezioni pratiche, workshop, esercitazioni individuali e di gruppo e dibattiti con esperti del settore. Il corso affronta, inoltre, lo sviluppo di un workshop conclusivo nel quale il partecipante è chiamato a mettere in pratica quanto appreso durante tutto il percorso formativo. 

A Opportunità professionali - Al termine del corso i partecipanti potranno utilizzare le competenze acquisite strutturando dei percorsi professionali nelle aree del retail management, del marketing e del brand management, nell’e-commerce e nel merchandising.

Agevolazioni e Borse di studio - Al fine di sostenere i partecipanti nella copertura della quota di partecipazione, IED ha attivato un sistema articolato di agevolazioni economiche per coloro che scelgono di frequentare i Corsi di Formazione Avanzata organizzati nella sede milanese. Diverse sono le possibilità per i partecipanti che si iscriveranno all’edizione 2018/2019. Clicca qui per conoscere tutti i dettagli.

  • Piano di studi

    • 1° Modulo: Storia e Contesto

      Il primo modulo ha l’obiettivo di introdurre lo studente ai concetti chiave del retail, ai nuovi comportamenti di acquisto del cliente e all’importanza e al valore della customer experience in ottica di fidelizzazione del cliente.

      Retail: i concetti chiave 

      • Storia ed evoluzione del retail 
      • Tipologie di store e caratteristiche 
      • Il ruolo dello store nella connected age 

      Customer experience 

      • Il consumatore connesso 
      • I nuovi comportamenti di acquisto 
      • Customer journey mapping

    • 2° Modulo: La rivoluzione digitale nello store

      Il secondo modulo si concentra sull’avvento del digitale e delle nuove tecnologie nello store. L’esperienza diventa centrale: il mondo del retail e dell’entertainment si fondono nel Retailtainment

      Lo store digitale 

      • La trasformazione digitale in ambito retail 
      • Analisi dei principali trend e guiding principle 
      • Analisi delle principali minacce che i retailer fronteggiano oggi 
      • Dal multi-channel all’omnichannel: le persone non vedono canali ma aziende 
      • Showrooming vs webrooming: fisico e digitale si intersecano 
      • Player digitali e spazi fisici: il caso Amazon e Whole Foods

      Il negozio del futuro 

      • Analisi delle principali tecnologie che stanno rivoluzionando gli store 
      • Incontro con start up italiane e internazionali che stanno sviluppando soluzioni innovative in ambito  retail

      Chiuderà il modulo un workshop moderato da esperti Service Designer con l’obiettivo di imparare a organizzare persone, infrastrutture e materiali che compongono un servizio al fine di renderlo il più rilevante possibile per le persone. Gli studenti familiarizzano con la definizione delle personas, con gli strumenti per individuare bisogni inespressi o non soddisfatti e con i canvas attraverso cui si disegnano nuove interazioni finalizzate a massimizzare la customer experience.

    • 3° Modulo: Focus su diverse industry

      Il terzo modulo attraverso guest lecture, casi pratici e workshop, prenderà in analisi alcune tipologie di retail che conservano caratteristiche particolari: 

      • Focus: Fashion retail 
      • Focus: Fast-moving consumer goods 
      • Focus: Consumer electronics

       

    • 4° Modulo: Corporate innovation & lean startup process

      Il quarto modulo è dedicato all’individuazione e all’analisi dei processi che innescano innovazione all’interno dell’azienda minimizzando tempi e investimenti. La metodologia del Lean startup process è proprio quella adottata delle startup che riescono ad andare rapidamente dalla fase di ideazione a quella di prototipazione e consente di testare le nuove soluzioni prima di svilupparle in modo massivo con benefici dal punto di vista dell’efficienza e del contenimento dei rischio.

    • 5° Modulo: Study tour a Barcellona e project work

      Il quinto modulo del corso prevede uno study tour a Barcellona e la presentazione del project work finale. Durante il soggiorno a Barcellona gli studenti visiteranno 3 retailer di particolare interesse e innovazione e saranno ospiti della sede IED per un’immersione nel concetto di retail spagnolo. In questa occasione verrà presentato il risultato del project work che consiste nella realizzazione di un piano di retail marketing a 360° partendo da un briefing reale assegnato da un’azienda. Gli studenti saranno accompagnati dal coordinatore attraverso le diverse fasi di revisione fino alla presentazione finale che sarà valutata da una commissione.

È lodato quel maestro che fa egli stesso ciò che insegna agli altri (proverbio italiano)

In IED insegnano professionisti che quotidianamente si confrontano con il mercato. Qui puoi approfondire i loro profili professionali.

Giuseppe Stigliano – Coordinatore del corso

Giuseppe Stigliano – Coordinatore del corso
Giuseppe Stigliano è Executive Director di AKQA, la principale agenzia digitale italiana, e EMEA General Manager di GTC. Nel 2005 fonda con due soci Mai Tai - agenzia di comunicazione specializzata in unconventional brand activation, successivamente co-fonda Polosophy - la prima società al mondo dedita esclusivamente alla produzione di polo sartoriali su misura. Insegna Retail Marketing Innovation e Innovation & Entrepreneurship in varie università e business school italiane.

Giuseppe Folonari

Giuseppe Folonari
Dopo un’importante esperienza in H-Farm, primo venture incubator al mondo, diventa Strategic Advisor in H-Art ad Hong Kong dov’è responsabile dell’analisi e dell’esecuzione di strategie di sviluppo internazionali. Rientrato a Milano diviene Principal Lean Consulting sempre in H-Art e, successivamente, Head of Business Strategy in AKQA dove è responsabile del dipartimento di Consulenza Strategica e Open Innovation che si occupa di fornire, in maniera integrata e end-to-end, servizi di investigazione, ideazione e sviluppo di nuovi prodotti e servizi abilitati dal digitale: dalla definizione del modello di business, al design, fino alla prototipazione e testing.

Massimiliano Freddi

Massimiliano Freddi
Ha lavorato come Marketing & Press Manager per Disneyland Paris. Dal 2008 ha guidato Leolandia, prima come General Manager e poi come VP Strategic Development, innovando e supportando la crescita del parco leader per le famiglie con bambini. Fa parte dell’Education Committee dell’Associazione Mondiale di Parchi e Attrazioni (IAAPA) ed è Coach per Seth Godin’s alt MBA. Insegna Experience Design e Soft Skill.

Matteo Franchina

Matteo Franchina
Inizia la sua carriera nel mondo del retail in Carrefour come Buyer e Category Manager. Entra successivamente in Mediamarket dove ricopre il ruolo di Department Manager. Lascia l’azienda nel 2010 per provare un’esperienza internazionale in Pixmania, leader europeo del commercio on-line, come Purchasing Manager per l’Italia. Si sposta nella distribuzione e produzione di prodotti di Consumer Electronics per poi passare all’industria, prima con un ruolo Sales Manager in HP e, poi, come Business Manager SDA nel gruppo Candy/Hoover.

Dario Cardile

Dario Cardile
Dopo aver maturato importanti esperienze lavorative all’estero, nel 2009 si unisce a Expedia e lavora per la crescita di Venere. com come Direttore Globale di Destination Marketing, CRM e Analytics. Successivamente diventa Chief Marketing Innovation Officer in Bravofly Group, Head of International SEM in Groupon e Chief Executive Officer di Formabilio. com. E’ stato Partner di Valdani Vicari & Associati, è Presidente di Indigo AI. Oggi ricopre il ruolo di Vice President Growth Marketing presso Altisource, azienda globale nel settore immobiliare.

Andrea Amico

Andrea Amico
Dopo aver ricoperto diversi ruoli nel marketing occupandosi della gestione sia strategica che operativa di importanti brand come Kraft Heinz e Amadori ed aver conseguito un MBA, torna a vestire i panni del consulente in PwC dove si interessa all’impatto della customer experience sul cambiamento organizzativo e dei modelli di business, in particolar modo nel retail. Coniuga business, tecnologia ed experience attraverso il service design.