Museum Experience Design

Master - Venezia

Scarica la brochure

1a edizione  - “Il termine educare rientra nella ‘missione’ della maggior parte delle istituzioni museali moderne”, secondo le parole di Elena Minarelli, Coordinatrice del corso, Storica dell’arte e Manager for Education, Grants and Special Programs presso la Collezione Peggy Guggenheim. In molti casi, tuttavia, i musei italiani non sono ancora dotati di dipartimenti di didattica interni. Per questo motivo, il Master in Museum Experience Design - Progettare attività e percorsi culturali forma professionisti dotati di competenze specifiche relative alle moderne tecniche di comunicazione e di apprendimento, applicate alla progettazione di esperienze di fruizione del patrimonio artistico e culturale e al costante dialogo tra territorio, museo e pubblico.

Gli studenti imparano ad andare oltre il tradizionale approccio divulgativo in vista di percorsi museali multidisciplinari e supportati dalle nuove tecnologie in ottica immersiva.
Tali figure professionali possono intraprendere una carriera nelle istituzioni culturali pubbliche e private come mediatori del patrimonio dei Beni Culturali o come Designer per i Servizi Educativi.

  • Partenza
    Novembre 2019
  • Durata
    6 mesi
  • Frequenza
    full-time
  • Lingua
    Italiano

Entra in classe: scopri le attività del Master

A chi è rivolto - Il Master si rivolge a laureati in Beni Culturali, Scienze della Formazione, Lettere, Storia, Filosofia, Antropologia o Accademia di Belle Arte. Sono inoltre ammessi coloro che hanno maturato esperienza pregressa nel settore collaborando con istituzioni museali o di associazioni culturali.

Metodologia e struttura - Attraverso una didattica fortemente laboratoriale, il percorso formativo mira alla costruzione e alla condivisione di esperienze museali e progetti didattici. Strutturato secondo cinque moduli tematici, il Master alterna lezioni teoriche a laboratori: le lezioni teoriche introducono gli studenti agli strumenti di interpretazione e comunicazione utilizzati in ambito artistico-museale, i laboratori forniscono l’occasione per sperimentare le attività di pianificazione, organizzazione, conduzione e valutazione di progetti educativi e di edutainment, anche grazie alla collaborazione tra IED Venezia e musei ed enti del territorio.

Sono previsti, inoltre, workshop, visiting e uscite didattiche presso istituzioni pubbliche o private, musei e fondazioni, che offrono agli studenti la possibilità di entrare in contatto con le principali best practice del territorio nazionale. Un intero modulo sarà dedicato all’accessibilità museale letta in chiave inclusiva.

Alcuni interventi saranno tenuti in lingua inglese e saranno dedicati a programmi, professionalità e tematiche urgenti a livello internazionale nell’ambito dell’esperienza museale.

La Tesi Finale consisterà nella progettazione di un percorso e/o esperienza museale, sviluppata a partire da brief forniti da istituzioni partner. I risultati del progetto saranno presentati ai committenti nel corso della discussione di fine corso.

  • Modulo 1

    • Critica d’Arte

      Il corso fornisce gli strumenti per decodificare i diversi testi critici - utilizzando elementi di iconologia, iconografia e semiotica- per individuare originali chiavi di lettura e di interpretazione da applicare ad opere d’arte ed esposizioni, in un’ottica di progettazione di percorsi e attività didattiche che sappiano valorizzare e trasmettere al meglio le scelte curatoriali adottate. 

    • Elementi di Museologia e Museografia

      Il corso analizza l’evoluzione dell’idea di museo, interrogandosi sulla sua rilevanza, sulla sua attuale funzione, sulle tecniche allestitive adottate e sulle opportunità offerte dall’utilizzo delle nuove tecnologie. L’obiettivo è quello di fornire strumenti adeguati per proporre soluzioni innovative che sappiano operare nello spazio e dialogare con la sua storia.

    • Legislazione dei Beni Culturali

      Viene introdotta la parte di diretto italiano che disciplina la valorizzazione, la conservazione, la tutela e fruizione dei beni culturali. Particolare attenzione è dedicata alla normativa scolastica vigente, in relazione alle attività didattiche realizzabili  all’interno di musei e siti culturali.

       

  • Modulo 2

    • Mediazione della Cultura

      Di natura tecnico-pratica, il corso vede l’intervento di esperti del settore culturale, museale ed educativo; attraverso casi di studio significativi, workshop e uscite didattiche, gli studenti sono introdotti al mondo della mediazione culturale, intesa come strumento per avvicinare il “prodotto arte” a pubblici differenti.

       

    • Strategie di Comunicazione

      Il corso fornisce strumenti concettuali e operativi utili per la definizione e attuazione di strategie di comunicazione efficaci, in grado di trasmettere in modo adeguato un determinato messaggio. Design thinking e lateral thinking vengono utilizzati come approcci nella progettazione e realizzazione di atelier e attività collaterali di supporto alla conoscenza del progetto-mostra o di una singola opera selezionata all’interno dell’esposizione. 

       

  • Modulo 3

    • Educational Museale

      Sono affrontate analisi di tipo statistico relative al pubblico di riferimento e al pubblico potenziale dei singoli progetti e dei musei, in relazione ai diversi contesti territoriali. Tramite workshop e simulazioni sono prese in considerazione strategie di sviluppo e di ideazione di programmi per nuove e differenti fasce di audience: scuole, bambini, famiglie, adolescenti e public program. 

    • Museum Experience Design

      Vengono affrontate in modo organico tutte le diverse fasi di progettazione a livello di metodo, contenuti, efficacia, valutazione, restituzione, ma anche - più in dettaglio - di gestione economica, pianificazione di budget, sostenibilità, fundraising, insieme alle operazioni correlate agli ambiti della promozione, comunicazione e marketing. Il programma prevede inoltre un approfondimento mirato sulla figura professionale dell’atelierista e del rapporto tra artisti e musei per l’ideazione di laboratori e la programmazione di progetti educativi.

       

  • Modulo 4

    • Accessibilità Museale

      Il corso è incentrato sul tema dell’accessibilità, una delle principali urgenze in materia di educazione museale. È fornita una panoramica sulle esperienze e buone pratiche messe in atto dai principali musei nazionali e internazionali nei confronti di visitatori con necessità educative particolari.
      L’applicazione dei principi della pedagogia speciale, ramo della pedagogia che si occupa di disabilità intesa nella sua accezione più ampia, si unisce ad un’analisi delle potenzialità insite nell’utilizzo di nuove tecnologie a supporto del processo di fruizione legata a specifiche necessità e non solo.

  • Modulo 5

    • Prova Finale

      Terminata la preparazione teorica gli studenti sono accompagnati nella definizione di progetti educativi rivolti a musei ed istituzioni pubbliche o private partner del corso, che verranno proposti e potranno essere sviluppati nel corso di successivi stage o collaborazioni specifiche, sulla base dell’interesse e disponibilità degli stessi.  

       

È lodato quel maestro che fa egli stesso ciò che insegna agli altri (proverbio italiano)

In IED insegnano professionisti che quotidianamente si confrontano con il mercato. Qui puoi approfondire i loro profili professionali.

Elena Minarelli - Coordinatrice

Elena Minarelli - Coordinatrice
Storica dell’arte laureata in Conservazione dei Beni Culturali. Dal è 2004 Manager for Education, Grants and Special Programs presso la Collezione Peggy Guggenheim. Nell’ambito della propria attività lavorativa, coordina i programmi educativi rivolti a scuole e famiglie, si occupa dei progetti collaterali alle mostre, supervisiona i programmi di accessibilità museale e assicura finanziamenti e donazioni da fondazioni e pubblica amministrazione.

Valeria Bottalico

Valeria Bottalico
Storica dell’arte e filologa specializzata in diritti umani, servizi educativi e accessibilità museale. Collabora con diverse istituzioni museali e culturali per le quali forma il personale, progetta e coordina attività educative con attenzione ai temi dell’accessibilità e dell’arte partecipata. È ideatrice e curatrice di Doppio Senso, progetto di percorsi tattili alla Collezione Peggy Guggenheim in chiave inclusiva.

Ilaria Rodella

Ilaria Rodella
Laureata in Filosofia, nel 2010 fonda i Ludosofici, associazione che utilizza la filosofia e la didattica dell'arte per progettare esperienze che hanno lo scopo di attivare il pensiero critico. In occasione di Mantova Capitale della Cultura 2016, ha co-ideato Mantova Playground, progetto del Comune di Mantova nato con l’intento di trasformare la città in un campo giochi per accostarsi alla complessità del mondo. Consulente di Internazionale per la progettazione di Internazionale Kids.

Marco Peri

Marco Peri
Storico dell'Arte ed esperto di educazione museale, la sua decennale esperienza si focalizza sulla sperimentazione di attività interdisciplinari tra arte e educazione, creando una connessione più efficace tra il pubblico e i contenuti del museo contemporaneo. Con tali finalità collabora con musei, festival, istituzioni e associazioni nella cura e nello sviluppo di programmi culturali e nella creazione di risorse didattiche innovative. Fra gli altri si segnalano progetti con MART, Palazzo Grassi/Punta della Dogana e National Gallery di Londra.

Maria Chiara Ciaccheri

Maria Chiara Ciaccheri
Consulente, docente e ricercatrice, collabora con numerosi istituzioni e musei occupandosi di formazione, sollecitando nuovi ambiti di sperimentazione e ricerca interdisciplinare connessi alla museologia sociale e agli studi sui visitatori. Esperta in accessibilità cognitiva, interpretazione e facilitazione dei processi di apprendimento dei pubblici adulti al museo, ha maturato una profonda expertise incrociando la competenza su questi temi con gli approcci della progettazione partecipata e della facilitazione.

Paola Rampoldi

Paola Rampoldi
Museologa, formatrice e progettista. La sua principale attività professionale si svolge presso il Museo Popoli e Culture di Milano dove si occupa di conservazione, curatela e servizi educativi, con particolare attenzione verso la formazione dell’équipe educativa e le modalità di coinvolgimento dei diversi pubblici, attraverso progetti partecipativi e di mediazione culturale. Socio ICOM, è membro delle commissioni Educazione e Mediazione e Accessibilità e gestore del sito museisenzabarriere.org.

Federica Pascotto

Federica Pascotto
Laureata in Storia dell'arte e con Master in Archeologia, si occupa da sempre di educazione museale. Dal 2009 progetta e organizza i servizi al pubblico della Collezione Pinault a Venezia, e dal 2015, con Art Stories srl, sviluppa app per bambini e famiglie sul patrimonio culturale. Ha esperienza di servizi e prodotti educativi, dall'analogico al digitale.

Irene Balzani

Irene Balzani
Si occupa di educazione museale dal 2008, con progetti che indagano possibili modalità di relazione tra arte, territorio, comunità. Dal 2010 fa parte del Dipartimento Educazione della Fondazione Palazzo Strozzi, dove è referente per le famiglie e i progetti di accessibilità. Coordina inoltre il progetto A più voci dedicato alle persone con Alzheimer.

Alessio Bertini

Alessio Bertini
Dal 2007 si occupa di pianificazione e progettazione delle attività educative dedicate all’arte contemporanea e indirizzate a diversi pubblici, curando la programmazione di lezioni, conferenze e artist talk, dapprima presso il Centro di Cultura Contemporanea Strozzina e poi, dal 2014, per la Fondazione Palazzo Strozzi. Collabora inoltre con accademie e altre istituzioni museali tenendo interventi e seminari di aggiornamento dedicati alle pratiche educative con l’arte e ai progetti per il pubblico di musei e centri espositivi

Patrizia Braga

Patrizia Braga
Co-fondatrice di Melting Pro si occupa di ideare, pianificare e gestire progetti culturali in ambito europeo e nazionale e di investigare e applicare metodologie innovative di sviluppo di competenze per gli operatori culturali. Docente di Audience Development, Progettazione Europea e Digital Storytelling, ha collaborato con organizzazioni culturali in Brasile, Finlandia e Spagna ricoprendo il ruolo di project manager.

Andrea Pugliese

Andrea Pugliese
Esperto di politiche del lavoro, innovazione sociale e sviluppo locale, opera da anni come Consulente e Formatore specializzato nel settore creativo e culturale. Scrittore e Narratore, progetta esperienze e racconti per la valorizzazione di musei e delle diverse tradizioni culturali, col supporto di nuove tecnologie quali realtà virtuale e aumentata.    

Arianna Abbate

Arianna Abbate
Architetto e Conservatore dei Beni architettonici ed ambientali, lavora dal 2008 presso la Fondazione Musei Civici di Venezia dove si occupa della progettazione e direzione lavori nelle sedi museali storiche veneziane. All’attività professionale di Architetto affianca da anni quella di ricerca sui materiali, collaborando con il CNR e con vari laboratori universitari italiani per progetti europei volti al testaggio e sperimentazione di materiali innovativi per il recupero e la conservazione del costruito storico.

Eleonora Chielli

Eleonora Chielli
Avvocato cassazionista, ha conseguito il suo Diploma in “Intellectual Property and Collections” presso l’Institute of Art Law di Londra, acquisendo una professionalità specifica nell’abito della legislazione per l’arte ed i beni culturali.

Raffaele Solaini

Raffaele Solaini
Laureato in Filosofia del Linguaggio, si specializza in semiotica presso l’Università di Bologna, sotto la guida di Umberto Eco. Editorialista presso la rivista online Affaritaliani.it, si è occupato di comunicazione e social trend insegnando presso diverse istituzioni. Ha lavorato con alcuni delle più importanti agenzie di ricerche di mercato, quali Astarea, Gpf, Episteme e Ipsos, sviluppandone e integrandone il metodo desk&field. Tra i suoi maggiori clienti si possono segnalare Ace, Scavolini, Mercedes, Telecom Italia, Enel, e Italian Premiership.

Marco Trevisan

Marco Trevisan
Arts Manager, direttore della Fondazione Alberto Peruzzo. Ha lavorato per importanti istituzioni quali la collezione Pegghy Guggenheim, FMR Franco Maria Ricci. E’ stato Direttore della Affordable Art Fair di Milano e Roma e ha operato come Managing Director per Christie's Italy. 

Angela Bianco

Angela Bianco
Coordinatrice del progetto per Mediatori Culturali per il Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali dell’Università Ca’ Foscari, si occupa di progetti di respiro internazionale dedicati alla valorizzazione, esposizione e fruizione del patrimonio storico-artistico della città di Venezia, quali Art Night notte bianca dell’Arte, appuntamento giunto ormai alla sua nova edizione. Dal 2011 gestisce inoltre Ca’rte Lab, laboratorio didattico permanente per la prima età scolare.