REAZIONE, CURA, COMMUNITY: DAL COVID IL NOSTRO PIÙ GRANDE INSEGNAMENTO

REAZIONE, CURA, COMMUNITY:

DAL COVID IL NOSTRO PIÙ GRANDE INSEGNAMENTO

news_ripartenza_588x656

L’emergenza Coronavirus ha portato perdite, danni e disagi enormi. Bisogna però essere in grado di ribaltare anche le situazioni negative e per noi questo evento è stato anche un grande insegnamento: una situazione di straordinaria difficoltà ha in realtà scatenato una fortissima energia, una tensione dirompente e disruptive verso l’innovazione di progetto. 

Saper trasformare una difficoltà in un’opportunità è un’attitudine necessaria a qualunque progettista di oggi e di domani e questi mesi hanno offerto a tutti un’occasione più che valida per uscire dalle proprie comfort zone: per noi è stato il tempo per pensare a un anno accademico davvero nuovo. 

In questi mesi, abbiamo portato la scuola a casa di più di 5000 studenti. Da due settimane abbiamo riaperto la nostra casa – la vostra scuola – a studenti, docenti e staff. 

Ora è il momento di guardare avanti e sul futuro abbiamo le idee chiare.

Oggi siamo consapevoli che di fronte al cambiamento una REAZIONE positiva porta sempre con sé innovazione e quindi qualità nei nostri progetti; sappiamo che PRENDERSI CURA delle nostre persone deve avere al centro il rispetto di tutte le norme di sicurezza e che dobbiamo mantenere forte il senso di un’enorme COMMUNITY locale, nazionale e internazionale affinché a tutti siano garantite le medesime condizioni, opportunità e regole.

Reazione

IED ha reagito all’emergenza salvaguardando il senso della Scuola e della sua Community. In una decina di giorni dall’inizio dell’emergenza, la didattica e gli uffici sono stati trasferiti in modalità a distanza e in poco tempo sono diventati una realtà quotidiana. Le sedi, i laboratori, le aule sono stati chiusi ma il “fare scuola” non si è mai fermato. Accettare il cambiamento con coraggio e in velocità ci ha permesso di continuare a garantire la qualità dei nostri Corsi. Questa stessa capacità – propria di ogni designer – di saper reagire alle situazioni che cambiano, ci permetterà di iniziare l’anno accademico 2020/21 con una didattica in modalità blended: attività in presenza nelle aule e nei laboratori, nel pieno rispetto delle regole e della sicurezza personale, integrata con FAD, formazione a distanza. Trasferire una parte di lezioni online permetterà di liberare spazi e laboratori a favore di una maggiore progettazione in presenza e di qualità: obiettivi formativi, qualità dei contenuti, relazione con docenti e compagni, presenza delle aziende. Nulla di tutto questo si perderà.

 

Cura

Le nostre persone e la loro sicurezza sono state sin dal principio dell’emergenza la nostra priorità e continueranno ad esserlo anche in futuro. Ci siamo presi cura della nostra community: studenti, docenti e staff. Questa cura, nel rispetto del distanziamento sociale e delle norme igieniche e di sicurezza, guida la riapertura dei nostri spazi: segnaletica dedicata al distanziamento, rilevazione della temperatura corporea all’ingresso, fornitura dei necessari DPI, sanificazione degli ambienti. La sicurezza di tutti noi è il nostro obiettivo.

 

Community

Siamo impegnati nel garantire a tutti gli studenti le medesime opportunità e regole in un momento storico che ha contribuito a costruire forti divari. Sappiamo di studenti tornati a casa in Italia o rimasti soli lontani da casa, di studenti internazionali con situazioni simili ma fisicamente ancora più distanti dai loro cari. Consapevoli anche delle difficoltà che le famiglie potrebbero trovarsi a fronteggiare, abbiamo previsto un programma di aiuti finanziari e di borse di studio per sostenerle, affinché nessuno debba trovarsi nella situazione di dover abbandonare o rinunciare agli studi.