News

Como

febbraio 7, 2020

Una Lecture sul restauro della Sala delle Asse del Castello Sforzesco di Milano

Alla presenza di Michela Palazzo, direttrice dei lavori, e Francesca Tasso, responsabile delle raccolte artistiche del Castello Sforzesco, un incontro per raccontare il complesso intervento di restauro sulla “Sala delle Asse” di Leonardo da Vinci.

A poco meno di un anno dalla riapertura straordinaria e dalle celebrazioni per il cinquecentesimo anniversario dalla morte di Leonardo da Vinci, Michela Palazzo e Francesca Tasso, rispettivamente direttrice dei lavori e responsabile delle raccolte artistiche del Castello Sforzesco, ci raccontano il complesso lavoro di restauro sulla celebre “Sala delle Asse”.

La costruzione architettonica della Sala risale agli inizi del 1400, ma è alla fine del XV secolo che Leonardo da Vinci, all’epoca alla corte di Ludovico il Moro, mette la sua firma sul complesso murario con una decorazione che rappresenta l’intreccio tra radici, nodi, rocce e rami su un finto pergolato. La tecnica utilizzata dal maestro fiorentino è quella della pittura a tempera su muro, la stessa sperimentata sul Cenacolo in Santa Maria delle Grazie. Il lavoro di restauro, iniziato nel 2013, si è reso necessario per fermare il deterioramento causato dalle condizioni climatiche dell’edificio e dall’interazione negativa tra la pittura originaria ed i materiali utilizzati per la conservazione nei secoli successivi.

Per la prima volta, due membri preminenti del comitato scientifico che si è occupato dell’intervento sull’opera saranno ospiti di un’istituzione accademica: un’occasione unica per i nostri studenti del corso di Conservazione e Restauro dei Beni Culturali per comprendere il complesso lavoro che è stato realizzato su una delle eredità artistiche più importanti di Leonardo da Vinci.

Il restauro della Sala delle Asse
Evento solo su Invito
Mercoledì 19 febbraio | ore 13:30
Villa Sucota – via per Cernobbio 19, 22100 Como