Design del Verde

Corsi di specializzazione - Torino

Scarica la brochure

La presenza della natura in città è entrata con forza nel nostro immaginario, accelerando la necessità di ripensare gli spazi urbani in modo sostenibile e resiliente. Emerge sempre più l’importanza del verde di prossimità, accessibile a tutti e di qualità, con una funzione non più esclusivamente decorativa, ma centrale per un nuovo equilibrio urbano. 

A Torino, città tra le più verdi d’Italia dove il green è elemento centrale delle nuove realizzazioni, nasce un nuovo percorso di specializzazione con lo scopo di formare progettisti del verde in un contesto in grado di assorbire la domanda e di stimolare la richiesta, essendo il tema tra gli obiettivi di sviluppo strategico.

A chi è rivolto: Il corso si rivolge a designer, interior designer, architetti, agronomi e progettisti interessati a specializzarsi nell’ambito del design del verde, con lo scopo di acquisire competenze sempre più centrali considerata la crescente attenzione alla sostenibilità, all’ecologia, alla cura e pianificazione degli spazi aperti.

  • Partenza
    Marzo 2022
  • Durata
    4 mesi
  • Frequenza
    part-time
  • Lingua
    Italiano

Il percorso formativo è strutturato in tre moduli con l’obiettivo di toccare argomenti contemporanei che indaghino il tema del design del verde a 360°. I tre moduli hanno tutti la stessa durata e comprendono una parte di teoria, una di progettazione, chiamata Atelier, e una di visita studio con un’uscita esterna.

Il primo modulo è Garden Design, finalizzato alla realizzazione di un progetto di giardino attraverso l’approfondimento di elementi di botanica, conoscenza di piante e terreno, storia dei giardini e planting plan; il secondo, Architettura Verde, prevede la progettazione di un giardino pensile, passando dallo studio di terrazzi e indoor gardening, green roofs, urban farming e giardini verticali; con il terzo modulo, Green Urbanism, la progettazione si focalizza su un progetto di verde pubblico, analizzando nuove tecnologie naturalistiche sostenibili per la città, studiando il sistema del verde urbano, la normativa di riferimento e soluzioni spaziali e di arredo, partecipative e non. 

Al termine di tutti e tre i moduli, il designer mette alla prova le competenze acquisite, con lo studio teorico e l’analisi di case-studies, e le tecniche di rappresentazione del verde apprese attraverso lo sviluppo di una propria proposta.

È lodato quel maestro che fa egli stesso ciò che insegna agli altri (proverbio italiano)

In IED insegnano professionisti che quotidianamente si confrontano con il mercato. Qui puoi approfondire i loro profili professionali.

Elena Carmagnani – Coordinatrice del Corso

Elena Carmagnani – Coordinatrice del Corso
Architetto PhD, si occupa di architettura sostenibile, green design e pratiche di riuso degli spazi urbani con soluzioni nature-based. Socio fondatore dello studio di architettura Studio999 di Torino, fino al 2014 è responsabile comunicazione dell’Urban Lab. Nel 2015 fonda OrtiAlti, di cui è presidente e project manager, organizzazione non profit, che diffonde e sperimenta pratiche di orticultura urbana in aree sotto-utilizzate della città. Ha vinto numerosi premi nazionali e internazionali, tra cui nel 2015 il premio We-Women for Expo

Alessandra Aires

Alessandra Aires
Architetto e Architetto del Paesaggio, socio AIAPP, lavora in Olanda e a Barcellona. Al Comune di Torino segue e coordina programmi di recupero urbano, riqualificazioni di aree industriali dismesse, progettazione di parchi pubblici, giardini e piazze, aree gioco ed edifici per servizi e sperimentazioni su natural based solutions come pareti verdi e recupero delle acque piovane. Premio Internazionale Dedalo Minosse 2014, Menzione alla Biennale Spazio Pubblico 2011, Premio Città per il Verde 2009 e 2010. Socio fondatore di OpenHouseTorino.

Alessia Bellone

Alessia Bellone
Laureata in Architettura presso il Politecnico di Torino con Scuola di Specializzazione Post Laurea e dottorato di Ricerca. Dal 2009 lavora come Architetto Paesaggista presso il Consorzio delle Residenze Reali Sabaude nel Settore Conservazione e Giardini. Coordinatore e Responsabile della Squadra dei Giardinieri della Reggia di Venaria dal 2011 al 2021, è docente dal 2015 del Corso per Giardinieri d’Arte per la parte tecnico, paesaggistica e restauro dei giardini.

Marta Carraro

Marta Carraro
Architetto paesaggista, socio AIAPP, col suo studio, attivo a Genova dal 2011, si occupa della progettazione e realizzazione di spazi aperti parchi pubblici, giardini, terrazzi ed installazioni sia in ambito pubblico che privato. Dal 2015 è socia dell’associazione OrtiAlti e dal 2017 fa parte di caarpa-casana architettura e paesaggio, una realtà multidisciplinare che si occupa di architettura, design e paesaggio.

Stefania Naretto

Stefania Naretto
Agronoma paesaggista, nel 2004 fonda con Chiara Bruno Otella lo studio Lineeverdi, che si occupa di pianificazione paesaggistica, progettazione e riqualificazione di parchi urbani e aree verdi, restauro di parchi e giardini e si distingue per importanti interventi paesaggistici come le residenze torinesi 25Verde, Casa Hollywood e Bernini2 e gli habitat di Zoom Torino, primo bioparco immersivo d’Italia. Nel 2019 lo studio vince il Prix de la creatìon del Festival International des Jardins a Chaumont sur Loire.

Stefano Olivari

Stefano Olivari
Laureato nel 2005 con una tesi in storia dell'arte sui giardini di André Le Nôtre in Piemonte, ha in seguito conseguito il Certificat d'études supérieures paysagères nel 2009 all'Ecole Nationale Supérieure du Paysage di Versailles. Realizza giardini privati e pubblici, tra questi, il Giardino del Palazzo dei Diamanti in Ferrara di prossima apertura. Si occupa inoltre di progetti di paesaggio e sviluppo locale come: Miraorti, Stupinigi Fertile, Orti Generali.

Michela Pasquali

Michela Pasquali
Architetto paesaggista, si occupa di rigenerazione dello spazio pubblico, fondatrice dell’organizzazione non profit Linaria che realizza spazi sostenibili in scuole, centri di accoglienza e aree pubbliche. Coordinatrice e cofondatrice di Mediterranea, organizzazione che promuove l’inclusione dei rifugiati attraverso esperienze partecipative tra arte/design/ botanica. Partecipa a conferenze e workshop in Italia e all’estero e cura per Linaria una collana di libri dedicata al paesaggio.

Adele Re Rebaudengo

Adele Re Rebaudengo
Nata a Torino, risiede a Venezia, dopo aver conseguito la Laurea in Giurisprudenza. Dal 1992 al 2018 si dedica a progetti culturali con Regione Piemonte. Dal 1985, con Agarttha Arte e Teatro, che fonda e presiede, realizza e cura festival, mostre di fotografia e pubblicazioni d’arte collaborando con Musei e Istituzioni nazionali e internazionali e con i grandi Maestri della fotografia. Dal 2014 fonda e presiede Venice Gardens Foundation, realtà che dal 2014 al 2019 si è occupata della gestione e della conservazione dei Giardini Reali di Venezia.

Maurizio Reggi

Maurizio Reggi
Architetto, dal 2019 è Responsabile dell’Area conservazione e manutenzione presso il Consorzio delle Residenze Reali Sabaude, di cui è stato Responsabile del Settore conservazione giardini al 2008 al 2019, curando il restauro del canale dell’Allea d’Ercole e la realizzazione del Potager Royal. Dal 1997 al 2002 socio fondatore di TetraStudio architetti associati, con cui ha collaborato al Progetto per il restauro del Parco e del Castello di Racconigi e a successivi interventi indirizzati al miglioramento della fruibilità del Castello e del Parco.