Interior Design

Specializzazione in Interior Design

Corsi Triennali e Post Diploma - Roma

Scarica la brochure

Obiettivi formativi:

L’Interior Designer si occupa della progettazione degli interni di spazi pubblici e privati. Partendo dall’analisi degli spazi abitativi (appartamenti, ville) il corso affronta i temi legati ai luoghi del servizio pubblico e sociale (banche, uffici postali, ospedali, scuole, spazi museali, aeroporti, porti, stazioni), del consumo (show-room, bar, ristoranti), dell’ospitalità (hotel) e degli spazi all’aperto (piazze, cortili e aree giochi). Dimensioni, arredi, luci e colori rappresentano gli elementi fondamentali di tutti i progetti di interni. Studiarli in modo coordinato tra loro, consente di “costruire” una relazione di qualità tra gli individui e lo spazio che abitano, anche temporaneamente.

Sbocchi professionali:

L’Interior Designer può applicare la progettazione degli interni in diversi settori. Può proporsi anche come disegnatore, progettista CAD, tecnico della modellizzazione fisica e virtuale degli spazi, Exhibition Designer, Shop Designer, Restaurant Designer, Designer for Hospitality, Interactive Exhibition Designer, Set Designer, Design Manager.

Il corso è riconosciuto dal MIUR come Diploma Accademico di I Livello equipollente ai diplomi di laurea universitari e pertanto riconosciuto in tutto il mondo.

 

Il corso è erogato anche presso la sede di: Milano - 
  • Crediti
    180
  • Partenza
    Ottobre 2017
  • Durata
    3 anni
  • Frequenza
    full-time
  • Lingua
    Inglese

Indirizzi di specializzazione:

Il corso si rivolge a chi desidera confrontarsi con tutti i temi legati al design, un settore stimolante e in continua evoluzione, sia quando si occupa dei concept progettuali sia quando affronta il tema della luce, degli arredi o delle problematiche ambientali.

L’Interior Design è un settore articolato dove interagiscono più elementi: il progetto degli spazi, il progetto della luce, del suono, dei materiali, delle finiture, del colore e degli arredi. Tutti questi elementi, solo se adeguatamente indagati e studiati in ogni dettaglio, danno origine a un progetto univoco e fortemente personalizzato.

Il corso permette di acquisire il metodo progettuale e operativo di un progetto d’interni: dalla ricerca all’analisi, dalla sintesi allo sviluppo di un nuovo concept. Maturando sensibilità progettuale e una cultura multidisciplinare, gli studenti imparano a osservare le tendenze del gusto e l’evoluzione degli stili nel contesto culturale e sociale in cui vivono.

L’Interior Designer deve comprendere e interpretare le esigenze e le aspettative specifiche del cliente, mediandole con le problematiche tecniche e funzionali inerenti alla progettazione senza tuttavia rinunciare a creatività e libertà espressiva. E’ necessario che si confronti con i temi del design dei luoghi dell’ospitalità, del benessere e della vendita, della luce e degli arredi, settori che stanno ricevendo gli impulsi maggiori, a seguito delle mutazioni comportamentali e delle problematiche ambientali.

Il percorso didattico parte dall’apprendimento degli strumenti utili a percepire la morfologia degli oggetti e a generare un progetto: la parte preliminare su carta, la verifica attraverso l’uso di strumenti CAD al computer e la verifica tridimensionale, attraverso il modello.

Lo studente acquisisce le conoscenze storiche relative al progetto, affrontando in modo trasversale gli ambiti dell’arte, della moda, della comunicazione e del design. Nell’area tecnologica viene a contatto con i materiali, sia naturali, che artificiali, con i processi di lavorazione e con la percezione materica superficiale.

Con l’approfondimento delle tematiche strumentali, culturali e tecniche, sviluppate nel primo anno, sono introdotti ulteriori campi d’indagine e di conoscenza per completare ed estendere il sapere individuale.

Gli studenti applicano la metodologia acquisita attraverso la realizzazione di progetti su temi relativi al prodotto industriale, ai sistemi degli spazi e dei servizi, pubblici e privati, sperimentando a livello progettuale tutti gli ambiti in cui opera il designer.

Si affrontano argomenti culturali di complessità crescente e si acquisiscono ulteriori strumenti per l’elaborazione e la comunicazione del progetto.
Nella fase terminale del percorso didattico la parte progettuale assume un ruolo preponderante. Gli studenti imparano a gestire autonomamente lo sviluppo di un progetto, acquisiscono autonomia operativa, imparano a compiere scelte coerenti e argomentate, a rapportarsi con il committente e ad assumersi responsabilità precise.

Il corso ha valore riconosciuto dal MIUR come Diploma Accademico di I Livello.

È lodato quel maestro che fa egli stesso ciò che insegna agli altri (proverbio italiano)

Allo IED insegnano professionisti che quotidianamente si confrontano con il mercato. Qui puoi approfondire i loro profili professionali.

Laura Negrini -Direttore IED Design Roma

Laura Negrini -Direttore IED Design Roma
Architetto, si forma in Olanda lavorando con UNstudio a importanti progetti internazionali. Collabora con l’architetto Michele De Lucchi, con il quale sviluppa il progetto per la nuova immagine di Poste Italiane. Nel 2004 fonda lo studio aQarchitetturaquotidiana. Ha insegnato presso lo I.U.A.V, l’Università La Sapienza, la Cornell University di Roma. Collabora da molti anni con l’Istituto Europeo di Design di Roma, assumendo dal 2009 la Direzione IED Design.

Gianfranco Bombaci - Coordinatore del corso

Gianfranco Bombaci - Coordinatore del corso
Architetto, dottore di Ricerca in Progettazione Ambientale ha partecipato a numerosi concorsi internazionali di progettazione, ricevendo premi e menzioni. I suoi testi e progetti sono stati pubblicati su riviste nazionali e internazionali. E’ uno dei due partner dello studio di architettura 2A+P/A con il quale svolge attività  professionale e di ricerca.

Giuseppe Vultaggio

Giuseppe Vultaggio
Dal 2003 al 2011 collabora in Italia ed all’estero con studi progettazione architettonica dal profilo internazionale IaN+ (Roma), Njiric+ Arhitekti (Zagabria), NIO architecten (Rotterdam), ZAHA HADID (Roma), Nel 2011 fonda GVultaggio Architecture&Design.

Francesca Delicato

Francesca Delicato
Architetto, designer ed illustratrice, dal 2008 svolge attività  didattica presso l’Istituto Europeo del Design di Roma. Dedita alla ricerca della comunicazione nell’ambito progettuale interseca il mondo della grafica con quello dell’architettura. Attualmente si occupa di progettazione su piccola scala, direzione lavori ed artistica di interiors.

Riccardo Petrachi

Riccardo Petrachi
Architetto, svolge attività  professionale dal 1996 e fonda con Luca Montuori nel 2001 lo studio di architettura 2tr "“ territorio e ricerca "“ dove si occupa prevalentemente della progettazione e realizzazione di opere pubbliche e private. Tra i premi: la selezione alla fase finale della Medaglia d’oro per l’architettura (Triennale di Milano - 2009)

Giulio Gualtieri

Giulio Gualtieri
Nasce a Roma nel 1976, si laurea presso la Facoltà  di Architettura di Roma Tre e insieme a Valerio Colla e Luca Garattini, è socio fondatore di officina06, società  che si occupa di progettazione architettonica e design. Grazie a queste esperienze l'attitudine al lavoro manuale si è tradotta con l'esperienza in un metodo di progettazione.

Alessandra Colucci

Alessandra Colucci
Consulente in Brand Care specializzata in brand management, strategic planning, digital media e produzione audiovisiva. Sito web personale

Barbara Brocchi

Barbara Brocchi
Illustratrice, Art Director e Product Designer collabora con studi di comunicazione, cinema, teatro, gruppi editoriali, studi pubblicitari, aziende di moda, gioiello e aziende di prodotto e d’arredo. Fra le principali clienti: Gattinoni, Bottega Veneta, Vouge, Superstudio Mi, Ittierre, Tommasoni, Villa d’Este Design, TJF Trend srl, Ed. Paoline, Ed. Mondadori, Zanfi Editore, Campo Marzio, North Sails, Coppa America, Domus Academy, Curcio Editore. Ha lavorato come Characters Designer per Essebicinema. È Docente presso IED dal 1986.

Alessio Tommasetti

Alessio Tommasetti
Architetto e Dottore di Ricerca in Scienze della Rappresentazione e del Rilievo presso La Sapienza, Università degli Studi di Roma, Prima facoltà di Architettura Ludovico Quaroni. Dal 2006 ottiene contratti di docenza per il corso di Disegno Automatico presso La Sapienza. Nel 2007 fonda lo studio associato di Architettura D’arc.Studio con sede a Roma. Si occupa di progettazione, modellazione digitale e prototipazione, renderizzazione avanzata, animazione, montaggio video e compositing ed effetti speciali per il cinema e videoclip musicali.

Benedetta Gaiani

Benedetta Gaiani
Architetto, studia a Ferrara e collabora con lo studio 5 +1 AA, per cui lavora in Italia e in Francia su alcuni importanti progetti internazionali. Dal gennaio 2013 entra nello studio di architettura 3TI_LAB e al tempo stesso si laurea in Fotografia a Firenze.

Tiziana Proietti

Tiziana Proietti
Architetto e Dottore di ricerca in Progettazione Architettonica e Urbana presso il Dipartimento DIAP dell’Università Sapienza di Roma. Dal 2011 al 2013 è stata Visiting PhD Researcher alla University of Technology TUDelft, dove ha condotto una ricerca sul ruolo della proporzione nel progetto di architettura a partire dall’architettura del Novecento nei Paesi Bassi.  

Arianna Sodano

Arianna Sodano
Architetto e Designer, collabora con aziende ed enti, ponendo particolare attenzione alla ricerca ergonomica.  Socio SIE, BEDA ed ADI, è Consigliere del Comitato Direttivo ADI Lazio e membro dell’ Osservatorio Permanente del Design. E' Autrice di articoli e saggi in ambito ergonomico, Design for All e UX Experience.

Valerio Paolo Mosco

Valerio Paolo Mosco
Architetto e critico di architettura insegna a Venezia e Milano e ha insegnato all'IIT (Illinois Instuitute of Technology) a Chicago. E' autore di numerosi libri: Nuda architettura (Skira, 2012); Ensamble studio (Edilstampa, 2012); Cinquant'anni di ingegneria in Italia e all'estero (Edilstampa, 2010), Steven Holl (Motta-Sole 24, 2009)"¦..

Andrea Ricci

Andrea Ricci
Architetto. Nel 2009 fonda il proprio studio di architettura e, allo stesos tempo, continua a collaborare dinamicamente con altri studi. Ha collaborato con King e Roselli Architetti (Es Hotel - ora Radisson) a Roma, dove è diventato associato. Tra i suoi lavori: Nuova Biblioteca dell'Università Lateranense, National Convention Center Hotel a Doha, Qatar, Tanjung Rhu Resort a Langkawi, Malesia, e  Sheraton Hotel a Malpensa.  

  • 1° Anno

    • Storia Del Design 1

      Il corso analizza i principali movimenti della cultura del progetto, italiani e internazionali. In un percorso ragionato, attraverso una serie di esempi, il corso sintetizza la formazione di archetipi tipologici e formali, nonché l’evoluzione di tecniche costruttive e rituali d’uso. Il corso affronta la conoscenza dei linguaggi del design per sviluppare una cosciente attitudine critica, fornendo gli strumenti base per comprendere e saper leggere un’opera architettonica o un oggetto di design. Il corso si articola in lezioni frontali sui principali argomenti storici e in una serie di esercitazioni volte a sviluppare capacità e autonomia di ricerca negli studenti. L’intenzione del corso è l’acquisizione di una cultura del Product Design, ma anche l’apprendimento del metodo di ricerca storica come premessa propedeutica e complementare all’azione di progetto.

    • Metodologia Della Progettazione

      Il corso fornisce allo studente gli strumenti analitici per esaminare il rapporto tra il prodotto e i processi che stanno alla base della sua realizzazione. I fondamenti teorici consentiranno allo studente di comprendere quali fattori, scientifici e culturali, intervengano nel progetto e di gestire le discipline che partecipano alla costruzione dell’opera. Nella progettazione confluiscono aspetti di natura funzionale, tecnologica e formale. L’insegnamento percorre le differenti fasi, dalla formulazione dell’idea allo sviluppo dell’oggetto, e consente sia l’individuazione degli strumenti corretti, sia la gestione degli aspetti che intervengono nella formazione,
      costruzione e rappresentazione dell’attività creativa.

    • Tipologia Dei Materiali 1

      La conoscenza del comportamento dei materiali fornisce gli strumenti per tradurre l’idea in opera e comprendere le potenzialità espressive delle diverse materie, tradizionali e sperimentali. L’insegnamento è affrontato dal punto di vista tecnicoscientifico e della storia della tecnologia. Il corso fornisce la conoscenza dei processi produttivi e delle caratteristiche dei materiali, sia fisiche che morfologiche, e le relative tecnologie di trasformazione, oltre agli strumenti per effettuare una ricerca e una selezione adeguata dei materiali in funzione delle esigenze progettuali. Il corso si alterna in lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche, si analizzano materiali e il dettaglio architettonico, attraverso la lettura di progetti esemplificativi.

    • Disegno Tecnico e Progettuale

      La conoscenza del disegno tecnico fornisce allo studente gli strumenti di base per comunicare l’opera e rappresentarne il percorso progettuale. Lo studente apprende il linguaggio grafico necessario per acquisire autonomia espressiva; dalla rappresentazione a mano libera agli schizzi preparatori per lo studio delle proporzioni della figura, fino al disegno tecnico per una corretta rappresentazione progettuale dell’abbigliamento.

    • Modellistica 1

      Il corso fornisce gli strumenti teorici e pratici per la costruzione di modelli, realizzati nei materiali più idonei alla tipologia del progetto. La visione tridimensionale permetterà di esaminare l’idea e di verificarne la fattibilità rispetto alle tecniche di lavorazione. Si pone l’accento sulla natura pratica e sensoriale dell’esperienza, sviluppando una capacità di visione tridimensionale. I laboratori consentono agli studenti di apprendere le tecniche di realizzazione di gioielli e accessori, sviluppando la propria creatività.

    • Progettazione Grafica

      Gli strumenti di disegno tradizionali e l’alfabetizzazione informatica attraverso i programmi di composizione grafica facilitano l’espressione dell’idea e consentono di correlare gli strumenti di rappresentazione con le nozioni di percezione visiva. L’insegnamento dei principali software per l’elaborazione delle immagini, facilita la valorizzazione dei concept, la gestione delle immagini bidimensionali e la modifica dei contenuti. Il corso di progettazione grafica fornisce allo studente gli strumenti per presentare in modo chiaro e personale la propria creatività e competenza.

    • Design 1

      Obiettivo del corso è mettere in pratica i fondamenti delle metodologie della progettazione e delineare il percorso di realizzazione dell’opera, dal concept all’ipotesi di sviluppo tecnologico e funzionale, con le relative tecniche di comunicazione. I laboratori di Interior Design consentono di comprendere il rapporto tra individuo e spazio costruito e verificare quanto la composizione dell’ambiente influisca sulla percezione e le risposte sensoriali degli utenti. Lo studente, a partire da un brief, è chiamato a definire i dettagli costruttivi del progetto.

    • Teoria della Percezione e Psicologia della Forma

      Un percorso nel mondo delle percezioni sensoriali e nei processi cognitivi. Il corso illustra le teorie scientifiche che spiegano il funzionamento dei nostri sensi e lo correla alle ricerche della psicologia della forma. Sono affrontati principi di teoria del colore (armonie dei colori, accordi e contrasti cromatici, colori complementari, contrasti di qualità e di quantità) e, attraverso le scienze applicate sono fornite le tecniche per analizzare il rapporto tra oggetto, spazio e persona.

    • Fotografia

      Il corso affronta i linguaggi e le tecniche della fotografia finalizzati alla documentazione e comunicazione dell’opera. L’insegnamento fornisce elementi di lettura, produzione e post-produzione dell’immagine, in cui la parte laboratoriale consente di sperimentare il mezzo fotografico per individuare modalità e tecniche idonee per la ripresa fotografica di spazi, scenari e oggetti.

  • 2° Anno

    • Tipologia Dei Materiali 2

      Il corso approfondisce alcuni argomenti affrontati attraverso un’attività laboratoriale al fine di ampliare le capacità analitiche e la comprensione dei materiali all’interno di un progetto. Si esaminano le caratteristiche fisico-meccaniche di alcune famiglie di materiali in rapporto alle possibili tecnologie di lavorazione, ai relativi vantaggi e rischi. In particolare, l’insegnamento affronta la relazione tra progetto e qualità espressive della materia, includendo anche gli aspetti costruttivi e strutturali. Il corso fornisce le conoscenze tecniche relative all’organismo edilizio con particolare attenzione alle nuove tecnologie e ai sistemi per la riduzione dell’impatto sull’ambiente. Il corso affronta argomenti relativi alle tecnologie, ai materiali, alle soluzioni strutturali e alle fasi lavorative del cantiere.

    • Tecniche E Tecnologie Del Disegno

      A partire dalle tecniche di base apprese in Disegno tecnico e progettuale, il corso implementa le pratiche rappresentative, dal disegno a mano libera agli strumenti multimediali, per favorire la velocità e l’efficacia comunicativa nella presentazione dell’opera. Il progetto è così descritto nelle sue fasi con la modalità più idonea: bozzetti preliminari a mano libera, tecnica pantone,affinamenti di stile con software digitali e realizzazione di rendering e fotorealismi.

    • Modellistica 2

      L’approfondimento nelle pratiche della modellistica è di supporto ai corsi di progettazione, per i quali sono necessari modelli di studio e di presentazione, fino alla definizione di prototipi. La natura laboratoriale del corso implica l’apprendimento diretto delle tecniche e favorisce la comprensione di geometrie e volumi nonché lo sviluppo di un linguaggio personale.

    • Design 2

      Lo studente deve dimostrare di aver acquisito una metodologia progettuale nella realizzazione di progetti con un maggiore livello di complessità, affinando la capacità di elaborare concept d’interniall'interno dei laboratori. Il corso si articola in due moduli: Shop Design e Furniture Design. Il modulo di Shop Design affronta il tema progettuale degli spazi destinati alla vendita di prodotti e servizi, attraverso l’ideazione di spazi funzionali ed evocativi allo stesso tempo. Il modulo di Furniture Design mira a formare dei progettisti in grado di rapportarsi con la progettazione a piccola scala, con i processi produttivi legati alla realizzazione di arredi industriali/artigianali e con la progettazione di ambienti complessi in cui la caratterizzazione degli ambienti e delle specifiche funzioni richiede una progettazione mirata.

    • Product Design


      Il corso prevede la realizzazione di progetti in cui l’aspetto teorico e metodologico si unisce alla prassi. Lo studente deve dimostrare di aver acquisito una metodologia progettuale nella realizzazione di progetti con un crescente livello di complessità. Vengono realizzati progetti, applicando il metodo a settori disciplinari diversi. In questo modo lo studente mette alla prova visione creativa e sostenibilità dell’idea. Approfondisce inoltre le competenze acquisite durante il I anno allargando il campo d’azione dalla sfera privata a quella pubblica, in spazialità di diversa tipologia e scala. I temi affrontati vengono sviluppati a partire dal concept, per essere successivamente approfonditi e sviluppati sotto il profilo progettuale, tecnologico ed illuminotecnico.

    • TECNICHE DI MODELLAZIONE DIGITALE RENDERING 3D

      L’insegnamento comprende l’insieme dei saperi relativi al trattamento digitale delle immagini in ambiente 3D. Durante il corso sono approfonditi i principali software per l’elaborazione delle immagini tridimensionali. Il corso permette l’acquisizione della conoscenza dei modellatori solidi e di rendering 3d utilizzando il software Rhinoceros, finalizzata alla realizzazione di immagini fotorealistiche statiche, postproduzione con fotoritocco e ambientazione del progetto nel contesto, generazione automatica di prospettive, creazione di prospetti e sezioni, ombreggiatura e rendering. La seconda parte del corso è dedicata al rendering con V-Ray e 3D Studio Max e fornisce gli strumenti per visualizzare e verificare ambientazioni tridimensionali con tecniche di illuminazione e applicazione di materiali (texturing) fotorealistiche.

    • Sociologia dei Processi Culturali

      Si illustrano i principi fondamentali della Sociologia per illustrare le origini storiche della disciplina, le diverse scuole e le differenti metodologie e approcci di analisi. Il corso approfondisce la riflessione sugli stili di vita in cui si generano gruppi affini e sulle dinamiche d’interazione sociale con i relativi processi di diffusione, codici e linguaggi comunicativi.

    • Design Management

      Il corso fornisce le competenze di programmazione, promozione e gestione di attività culturali e progettuali, con particolare riferimento al mercato delle arti applicate e della comunicazione. I principi strategici del marketing, che mirano all’individuazione, allo sviluppo e al lancio di ogni prodotto, sono adattati alle specificità dell’industria creativa. L’insegnamento approfondisce sia gli strumenti di marketing strategico legato all’opera (fasi e modalità di realizzazione, tempistiche, costi e benefici), sia i meccanismi del mercato e dei consumi, del contesto sociale e dei target, destinatari finali del lavoro del progettista.

    • Storia Dell'architettura Contemporanea 1

      Il corso si focalizza sulla progettazione architettonica dal secondo Dopoguerra a oggi. Una lettura interdisciplinare della storia politica e sociale degli ultimi decenni è lo sfondo su cui si inserisce la produzione contemporanea. L’analisi di casi studio e lezioni monografiche sui protagonisti di avanguardie progettuali, italiane e internazionali, aiuta lo studente a comprendere le manifestazioni attuali e a sviluppare capacità critica.

  • 3° anno

    • Design 3

      L’insegnamento presenta esercitazioni a carattere laboratoriale di complessità crescente rispetto ai precedenti corsi di Design. La scala è quella dello spazio pubblico. Progetti di arredo urbano e di servizio, finalizzati a riqualificare i luoghi, sono interpretati dagli studenti con attenzione ai vincoli economici, ecologici, tecnologici e commerciali, nonché dal punto di vista degli utenti. Le esercitazioni laboratoriali tornano sul tema dei luoghi collettivi in continuità con lo spazio esterno. A seconda della tipologia di interno lo studente deve gestire il progetto illuminotecnico, la complessità dei vincoli di sicurezza, la sostenibilità energetica e il comfort ambientale. Il corso si articola in due moduli: Spazi Collettivi e Interaction Design. Il modulo sugli Spazi Collettivi affronta il tema di spazi e dispositivi flessibili. Il modulo di Interaction Design affronta i temi dell’interattività e delle estetiche relazionali nella metropoli contemporanea al confine tra arte architettura e comunicazione.

    • Architettura Virtuale

      L’insegnamento approfondisce le conoscenze apprese nel propedeutico Tecniche di Modellazione Digitale - Rendering 3D. Il corso analizza e approfondisce lo sviluppo di tutte le tecniche utili alla conoscenza e all’apprendimento dei principi di animazione, tradizionali e digitali, adatti a comunicare l’iter progettuale con un racconto per immagini sequenziali. Il disegno, il concept, lo sketch diventano parti dello Storyboard che viene successivamente tradotto in Animazione. Tecniche avanzate di Compositing caratterizzano la fase finale accordandosi alla sensibilità del singolo progettista. Vengono utilizzati software come Premiere, AfterEffects, Rhinoceros, Bongo, V-Ray, 3Ds Max Design.

    • Fenomenologia delle Arti Contemporanee

      Obiettivo principale del corso è fornire allo studente un adeguato background culturale riguardante le iconografie e le estetiche delle arti visive intese in tutte le accezioni più attuali, dal video alla performance, dalla net art all’arte installativa. In tal modo il percorso di studi sul design e la moda potrà essere integrato tramite le suggestioni derivanti dall’immaginario contemporaneo. Uno sguardo critico particolare verrà proposto sulla rappresentazione del corpo.

    • Antropologia Culturale

      Il corso identifica forme e relazioni simboliche dell’immaginario collettivo in rapporto a concezione, fruizione e comunicazione dei beni materiali e immateriali nella cultura postindustriale. In particolare, si pone attenzione alle recenti ibridazioni del design con le pratiche sociali emergenti, i flussi comunicativi, l’ambiente, lo sviluppo tecnologico e la sfera dell’esperienza. Si affronta inoltre l’evoluzione del senso di territorio e di identità culturale e sociale che ha modificato la percezione del corpo e dell’abitare lo spazio.

    • Layout E Tecniche Di Visualizzazione

      Il corso conferisce l’insieme di operazioni, metodi e processi per la progettazione visiva orientata alla comunicazione del progetto. Si acquisiscono i diversi strumenti multimediali, offline e online, con particolare riferimento alle tecniche grafiche digitali per la realizzazione, visualizzazione, presentazione e comunicazione del progetto grafico.

    • Design 4

      Il laboratorio di Tesi si articolerà in due percorsi di approfondimento delle progettazioni del II anno: Interior Design e Scenografia degli Eventi. Il laboratorio di tesi è seguito da un relatore di tesi in tutte le fasi di sviluppo con il supporto dei docenti del laboratorio di modellazione e dei docenti dei corsi di 3D, render e comunicazione del progetto. Dove necessario, in base al tema affrontato, vengono coinvolti altri docenti e consulenti esterni.