Fotografia

Corsi Triennali e Post Diploma - Torino

Scarica la brochure

La fotografia ha in sé un potenziale dirompente perché lo scatto trasmette il suo messaggio nell’esatto momento in cui la realtà viene vista e indipendentemente dalla volontà e dall’azione del destinatario. Chi si dedica alla comunicazione fotografica impara a distillare, nelle proprie immagini, idee, concetti, sentimenti, informazioni, storie e desideri, da trasmettere nell’istante della percezione.

Il Fotografo, grazie alla sensibilità estetica e a un’attitudine creativa verso il mondo esterno, offre il materiale iconografico indispensabile a tutto il settore del design della comunicazione. La fotografia professionale è un’attività di fondamentale complemento per tutti i processi della comunicazione visiva.  Il Fotografo è infatti un profondo conoscitore delle teorie e dei linguaggi espressivi, delle tecniche audiovisive dei nuovi media integrati, di storia dell’arte e dei mezzi di comunicazione contemporanea.

Titolo rilasciato - Il Diploma Accademico di Primo Livello è riconosciuto dal MIUR ed è equiparato ai titoli di Laurea di I Livello rilasciati dalle Università.

 

  • Crediti
    180
  • Partenza
    Ottobre 2022
  • Durata
    3 anni
  • Frequenza
    full-time
  • Lingua
    Italiano

Scopri le pagine delle professioni creative: Fotografo.

Contesto – È semplice comprendere la natura e l’importanza della figura del fotografo professionista - e del suo lavoro - partendo dalla funzione delle immagini fotografiche nell’attuale panorama della comunicazione. Il lavoro del fotografo è fatto di contaminazioni fra la parte più tecnica e i messaggi che il professionista vuole veicolare attraverso l’immagine.

Metodologia e struttura - Durante i tre anni si impara a utilizzare correttamente le attrezzature, a gestire la luce e la ripresa in esterni e in ambienti altamente specializzati come la sala di posa; apprende la tecnica teorica e pratica per ogni fase produttiva: illuminazione, ripresa, gestione del set, post-produzione, presentazione delle immagini. Il corso non solo trasmette gli strumenti conoscitivi della professione, ma prepara i fotografi a gestire e organizzare la propria attività, a rapportarsi con la clientela, a sviluppare le proprie strategie di mercato e a familiarizzare con i diversi settori di attività.

Oltre alla frequentazione degli insegnamenti relativi ai diversi generi di fotografia in ambito commerciale, editoriale e artistico, viene data l’occasione di partecipare a moduli di workshop e a incontri con alcuni degli esponenti più rappresentativi della disciplina con una forte attenzione alla contemporaneità e agli sviluppi recenti del settore, tra cui self publishing, web content. Si ha così la concreta possibilità di valutare eventualmente le diverse specializzazioni - tematiche e ambiti collegati a sala di posa e still-life, al reportage, al ritratto, alla moda - per orientarsi, una volta ultimato il percorso formativo, in modo consapevole e documentato.

Agli studenti del terzo anno di corso, inoltre, è offerta l’opportunità di lavorare come fotografi all’interno del Torino Film Festival.

Opportunità  professionali –  Fotogiornalismo, ritratto, architettura, reportage, storytelling, still life, editoria, photo editing, agency direction, pubblicità. 

È lodato quel maestro che fa egli stesso ciò che insegna agli altri (proverbio italiano)

In IED insegnano professionisti che quotidianamente si confrontano con il mercato. Qui puoi approfondire i loro profili professionali.

Giulia Ticozzi - Coordinatrice del corso

Giulia Ticozzi - Coordinatrice del corso
Diplomata in fotografia al CFP Bauer a Milano, per diversi anni ha lavorato come assistente nello studio di Francesco Jodice. Fotografa e photo editor freelance, si interessa di immagine, di teoria della fotografia attraverso la progettazione di laboratori, opere di arte pubblica e ricerche fotografiche. Ha lavorato come photo editor per il giornale online Il Post, e per le edizioni nazionali de la Stampa e la Repubblica.   

Pedro Medina

Pedro Medina
Responsabile dell'Area Culturale di IED Madrid, Curatore e Critico d’arte, le sue ricerche principali studiano la nascita di nuovi linguaggi dell'arte contemporanea, in particolare le arti applicate, la videocreazione e i media digitali. I suoi contributi appaiono regolarmente in Artecontexto e Le Monde Diplomatique.

Antonio La Grotta

Antonio La Grotta
Lavora come fotografo freelance e svolge attività di ricerca. Dal 2008 al 2016 ha co-diretto Nopx, una galleria indipendente di arte contemporanea specializzata in pubblicazioni a tiratura limitata. È Co-fondatore dell’associazione Atlas Alp e del gruppo Spaziale. 

Pierangelo Cavanna

Pierangelo Cavanna
Ha fatto parte del primo Consiglio direttivo della Società Italiana per lo Studio della Fotografia e del gruppo redazionale del progetto di ricerca The History of 20th Century European Photography. Ha curato mostre e cataloghi monografici per il Civico Archivio Fotografico di Milano, la Fondazione Torino Musei, la Galleria d’Arte Moderna di Modena, il Museo Nazionale della Montagna, il Národní technické muzeum di Praga. Per l’Istituto Geografico De Agostini ha progettato e curato la collana Grandi Archivi Fotografici.

Lorenza Bravetta

Lorenza Bravetta
Da gennaio 2017, è Consigliere del Ministro Dario Franceschini presso il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per la valorizzazione del patrimonio fotografico nazionale, con il compito di approfondire tematiche legate alla tutela e alla promozione della fotografia italiana, in dialogo con altre esperienze internazionali. Ha ideato, avviato e diretto a Torino CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia. Dal 2011 al 2014, è stata a Parigi direttore di Magnum Photos per l’Europa Continentale.

Dario Bosio

Dario Bosio
Si specializza in Fotografia Documentaria e Videomaking alla DMJX in Danimarca, con un Master in Antropologia Visuale alla Freie Universität di Berlino. Nel 2015 lavora come photo-editor di Metrography, la prima agenzia fotografica Irachena. Co-fondatore e Direttore Artistico di DARST Projects, laboratorio di ricerca e produzione di progetti documentari.

Matteo Balduzzi

Matteo Balduzzi
Architetto di formazione, è Curatore di arte pubblica e fotografia. Dal 2004 collabora con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo, curando progetti caratterizzati dal dialogo con il territorio e con giovani autori. Ha pubblicato testi e curato volumi per Electa, Piccola Biblioteca Einaudi, A+M Bookstore, Silvana Editoriale, Postmedia Book. È membro del direttivo dell'organizzazione no-profit per l'arte contemporanea CAREOF di Milano e del gruppo di lavoro sull'arte pubblica ARTINRETI, basato presso Cittadellarte e coordinato da Fondazione Pistoletto.

Enzo Obiso

Enzo Obiso
Fotografo, nel 2011 Co-fondatore e Direttore di PHOS Centro Polifunzionale per la Fotografia e le Arti Visive Torino. Dal 2000 al 2013 è coordinatore del corso di Fotografia presso IED Torino. Mostre, progetti e partecipazioni istituzionali sono raccolte e presentate in libri, cataloghi e riviste del settore dell'arte, arricchiti da testi di Guido Costa - Invito e Ritratti di beata bellezza - di Denis Curti - Il tempo inventato - di Tiziana Conti - Orizzonti Erratici - di Francesco Poli - A occhi nudi.

Bruno Nardini

Bruno Nardini
Ha iniziato ad occuparsi di fotografia a tempo pieno alla fine degli anni ’80 lavorando come assistente presso alcuni professionisti, avendo modo di approfondire così la propria formazione misurandosi sia con la fotografia di still-life, che con quella industriale e di architettura.  In quel periodo matura un interesse sempre maggiore per il processo di stampa in bianco e nero, al punto di decidere di occuparsi principalmente del lavoro di camera oscura. Nel 1996 ha aperto una camera oscura ed ha orientato la propria struttura all’artigianalità nel lavoro di stampa, continuando la ricerca e lo studio di alcuni processi fotografici, tra i quali le stampe ai sali ferrici.  

Emanuela Genesio

Emanuela Genesio
Dopo studi interdisciplinari, si forma come docente presso l’Université Paris8, specializzandosi sulle problematiche relative al rapporto tra scrittura-immagine e, più in generale, sulle questioni relative all’interdisciplinarità dei linguaggi artistici contemporanei.  Comincia ad insegnare in Università dal 2005, proseguendo attivamente le ricerche in campo didattico tra Italia e Francia.  Dal 2009, è curatore della manifestazione per giovani artisti vistaesuono, eventi d’arte contemporanea tra storia e luoghi, in collaborazione con IED e l’Accademia Albertina di Torino. All’attività teorica affianca quella pratica: dagli inchiostri di china alla maniera orientale, all’installazione ambientale, fino alla performance, spesso partendo da spunti letterari.