Fotografia Advanced

Corso Formazione Avanzata - Milano

Scarica la brochure

Il corso in Fotografia Advanced ha l’obiettivo di formare specialisti della cultura visiva contemporanea.

La particolare struttura modulare, che alterna momenti di riflessione e approfondimento a ricerca e produzione, permette ai partecipanti di raggiungere risultati rilevanti sia dal punto di vista tecnico sia da quello estetico e comunicativo sviluppando una personale visione di fotografia e strutturando un pensiero artistico e un progetto professionale completo.

  • Partenza
    Ottobre 2019
  • Durata
    240 ore
  • Frequenza
    weekend
  • Lingua
    Italiano

Una struttura a moduli: ogni partecipante può scegliere di frequentare l’intero percorso, oppure uno dei due moduli che lo compongono: il primo da 8 incontri per un totale di 174 ore, per crescere professionalmente; il secondo da 3 incontri per un totale di 66 ore, per specializzarsi su tecniche avanzate.
Un percorso progettuale: il percorso formativo permette di accrescere le competenze tecniche ma soprattutto di strutturare un pensiero artistico e un progetto professionale.
Un approccio esperienziale: oltre che in aula, le lezioni si svolgono in sala di posa, camera oscura, teatri, festival musicali e atelier di food.
Una community di professionisti: giunto ormai alla 16° Edizione, il corso di fotografia raggruppa in un’unica famiglia studenti e professionisti, crescendo in anno in anno e favorendo legami e opportunità professionali.
Un percorso completo: grazie alla sua struttura modulare consente di apprendere tecniche, linguaggi e metodologie di ambiti tematici molto differenti, dalla fotografia di scena al ritratto, dalla food photography alla fotografia di architettura e paesaggio.

Metodologia e struttura - Il percorso didattico è costituito da incontri tematici che si svolgono non solo nelle aule IED ma anche in sala di posa, camera oscura, teatri, festival musicali e atelier esterni coinvolgendo rinomati professionisti e maestri dell’arte fotografica. Una particolare cura è riservata all’intreccio tra le diverse competenze e all’indagine del contesto storico e culturale per poter sviluppare una cultura del progetto che si traduca in fotografie esemplari. Il corso si conclude con una mostra in cui sono esposti i lavori dei partecipanti.
A chi è rivolto - Il corso è rivolto a chi desidera approfondire gli aspetti della tecnica fotografica e sviluppare conoscenze e competenze progettuali. Una buona preparazione culturale, oltre a delle conoscenze tecniche di base, sono un presupposto essenziale per formare specialisti dell’immagine.
 
Opportunità - Il corso in Fotografia Advanced consente ai partecipanti di incrementare gli strumenti utili per inserirsi, secondo il proprio background, in realtà professionali in qualità di: Fotografo di still life (in particolare per l’ambito food e design), fotografo di spettacolo (di scena, teatro, musica, danza) e fotografo artista. Le importanti nozioni apprese permettono ai partecipanti di espandere la propria visione per creare realizzazioni fotografiche personali con un alto livello di competenza tecnica e progettuale.
 
Agevolazioni e Borse di studio - Al fine di sostenere i partecipanti nella copertura della quota di partecipazione, IED ha attivato un sistema articolato di agevolazioni economiche per coloro che scelgono di frequentare i Corsi di Formazione Avanzata organizzati nella sede milanese. Diverse sono le possibilità per i partecipanti. Clicca qui per conoscere tutti i dettagli.
  • Primo Modulo

    • Fotografare lo Spettacolo

      Il primo incontro riguarda la fotografia di spettacolo e permette ai partecipanti di entrare nei diversi palcoscenici per indagare il teatro e comprendere come fotografare la danza e le musiche nella loro totalità: classica, jazz, pop, rock, contemporanea, etnica, elettronica. In entrambi i weekend, i partecipanti sono affiancati da specialisti di photoshop e video per curare la post produzione dei loro lavori.

       

    • Metodologia Progettuale

      In questo incontro si affronta la progettazione attraverso la strutturazione di un processo lineare che va dall’ideazione, all’elaborazione di un tema per arrivare fino all’editing. É previsto anche il coinvolgimento di un filosofo che aiuta i partecipanti a esplicitare il punto di vista del pensiero attraverso lo sguardo, chiarendo i passaggi tra intenzionalità e significati.

    • Still life

      Catturare l’anima di oggetti inanimati e trasferirli in fotografie esemplari. Dopo un’introduzione tecnico-teorica si passa a sperimentare nella sala di posa di IED Milano che, con i suoi 470mq di superficie, permette di creare più set in contemporanea ed è dotata di tutte le attrezzature necessarie per l’illuminazione e la ripresa.

    • Camera Oscura

      La camera oscura vive anche in era digitale e consente sia operazioni tecniche che altre più artistiche e creative permettendo di dar vita a nuove visioni. L’incontro si tiene nella camera oscura di IED Milano.

    • Food Photography

      La narrazione del cibo nella sua interpretazione fotografica vive della modulazione della luce, sia che si tratti di materie opache e inerti, che di fresche e vive. Il corso si svolge nell’attrezzatissimo atelier di Francesca Brambilla e Serena Serrani.

    • Ritratto d’Artista

      Il ritratto è un genere di rappresentazione che unisce da sempre la conoscenza dell’uomo con il segno della pittura, del disegno, della scultura e, infine, della fotografia. È una rappresentazione della figura umana che comprende l’incontro con la personalità e si concretizza attraverso la “lettura” del personaggio in posa. Il settaggio tecnico è necessario per preparare un ambiente in cui la creatività possa esprimersi valorizzando al massimo il soggetto.

    • Diritto d’Autore e Personal Storytelling

      La realizzazione del proprio portfolio fotografico e dei modi più efficaci di presentare sé stessi e la propria visione. È previsto l’intervento di un Avvocato, esperto di diritto d’autore. 

  • Secondo Modulo

    • Stampa Analogica e Digitale Avanzata

      Lo studio delle tecniche fotografiche analogica e digitale messe a confronto. In questo percorso i partecipanti sperimentano le differenze e le peculiarità delle diverse tipologie di stampa per capire quanto entrambi i metodi offrano straordinarie opportunità per esprimersi con l’immagine.

    • Architettura e Paesaggio

      Osservare una costruzione inserita nel suo naturale ecosistema apprendendo le regole ferree che costituiscono il manuale della fotografia di architettura. Per svolgere questo compito occorre ripensare l’immagine attraverso i cambiamenti tecnologici e analizzarla tramite la pratica di fotografi che ne hanno segnato la storia apprendendo come riprendere e stampare secondo metodi più richiesti nel campo dell’arte per allargare il campo delle possibilità d’espressione.

È lodato quel maestro che fa egli stesso ciò che insegna agli altri (proverbio italiano)

In IED insegnano professionisti che quotidianamente si confrontano con il mercato. Qui puoi approfondire i loro profili professionali.

Silvia Lelli - Coordinatrice del Corso

Silvia Lelli - Coordinatrice del Corso
Dopo la Laurea in Architettura diventa Fotografa di teatro, danza e performance-art. Pubblica ed espone Storia di un soldato, Ritratti senza posa, Neon collection / Neon installation, Flying Music, Danza Dentro-Danza Oltre, Körper und Raum, In cammino, al bordo. Partecipa alla 54a Biennale di Venezia-Padiglione Italia (2011), alla mostra Luce a Parma , alla pubblicazione e mostra Parlando con voi, incontri con fotografe italiane. Del 2017 è la videoinstallazione Vuoto con memoria. Segue l’attività di Riccardo Muti dal 1978 e della Filarmonica della Scala dal 1981. Da anni collabora con i Festival di Salisburgo e di Ravenna. Fotografa ufficiale del Teatro alla Scala di Milano (1979/1996) con Roberto Masotti. Insieme hanno realizzato: Teatro alla Scala, magia della scena; L’attimo prima della musica; Suoni-Spazi-Silenzi; Note Sparse; Theatrum Instrumentorum, trainCAGEtrain; Giuseppe Sinopoli attimi, sguardi; Bianco Nero Piano Forte; Passacaglia Alta, La Vertigine del Teatro; Musiche; Stanze al presente; Empty Words; Filarmonica della Scala; Stratos e Area. È inclusa nella Storia d’Italia Einaudi – L’immagine fotografica 1945-2000. Nel 2019 espone a Palazzo Reale insieme a Roberto Masotti le immagini dell’archivio privato nella mostra Musiche.

Marianne Boutrit

Marianne Boutrit
Fotografa francese, ha completato i suoi studi all’Ecole Louis Lumière di Parigi. Trasferitasi a Milano agli inizi degli anni 90, si è specializzata nello still life per la pubblicità e l’industria. Contemporaneamente ha sviluppato il suo linguaggio nell’ambito della narrazione fotografica, affrontando in particolare il tema della rappresentazione della vita interiore nella mostra Ferite naturali. Dal 2005 al 2009 ha completato l’archivio fotografico dell’artista milanese Gianni Colombo.

Francesca Brambilla

Francesca Brambilla
Fotografa. Collabora con Or e con Harper’s Bazar, Vogue Pelle, Mondo Uomo e nei reportage di arredamento con Case Class Country. Nel 1999 si specializza nel food e iniziano le collaborazioni con le principali redazioni come Corriere della Sera, Repubblica, Anna, Grazia, Gran Gourmet, Elle Australia, Men’s Health, Monsieur, Buon Appetito, Mangiar Bene.

Saverio Lombardi Vallauri

Saverio Lombardi Vallauri
Diplomato IED nel 1991, fotografo di architettura, interni, arredamento e nel sistema fieristico, insegna allo IED dal 1991, prima nella sede di Roma e attualmente in quelle di Milano e Venezia. Ha da allora tenuto corsi sulla teoria e sulla pratica fotografica e seminari di fotografia industriale e di architettura. Ha pubblicato alcuni volumi di divulgazione della teoria fotografica tra i quali si segnala L'apparecchio professionale a banco ottico, guida all'uso delle fotocamere di grande formato e corpi mobili. Dal 2010 tiene conferenze sulla fotografia di architettura in numerose città italiane, nell'ambito del progetto www.photoarchitetti.it.

Gianluca lo Presti

Gianluca lo Presti
Esperto in cinema d’animazione. Socio dello studio Mamma Fotogramma dove si occupa di spot pubblicitari, animazioni, installazioni. Collabora con il Fotografo Roberto Masotti per il progetto di improvvisazione video e musicale dal vivo improWYSIWYG.

Roberto Masotti

Roberto Masotti
Fotografo e Artista Visivo. Dal 1973 collabora assiduamente con ECM Records, la più importante etichetta discografica indipendente nel mondo del jazz. Il suo lavoro più noto, You tourned the tables on me, e i più recenti Jazz Area e Diario dal Sud, sono stati esposti in numerose città italiane ed europee. A lui è stato dedicato da SKY/Leonardo un programma televisivo per la serie Click.  

Giovanni Pelloso

Giovanni Pelloso
Giornalista, curatore e critico di fotografia del Corriere della Sera per le pagine milanesi e per il settimanale ViviMilano. Co-autore del Dizionario mondiale della fotografia (Rizzoli/Contrasto, 2002), è caporedattore del mensile Il Fotografo. Svolge attività didattica e di ricerca presso alcune realtà formative milanesi.

Serena Serrani

Serena Serrani
Fotografa. Nel giugno 2007 entra in società con Francesca Brambilla con la quale apre uno studio specializzato nel food. In precedenza ha lavorato presso il fotolaboratorio professionale Colore Due di Milano in qualità di Responsabile Immagine e Comunicazione del reparto Fine-Art.

Stefano Vigni

Stefano Vigni
Fotografo italiano e editore indipendente. Il suo portfolio include clienti come Hugo Boss, Canon, Kairos Film, Ina Assitalia, Allianz, Segis. Ha collaborato con ONG attive in situazioni di emergenza e i suoi progetti sono stati pubblicati su giornali e magazine nazionali e internazionali. Le sue fotografie sono state esposte in numerosi festival e musei. É il fondatore e proprietario di Seipersei, una casa editrice di libri fotografici indipendenti in attività dal 2011. 

Paola Mattioli

Paola Mattioli
Fotografa, i temi principali del suo lavoro sono il ritratto, l'interrogazione sul vedere, il linguaggio, la differenza femminile, le grandi e le piccole storie. E’ stata assistente di Ugo Mulas e ha scattato l’ultimo e più famoso ritratto di Giuseppe Ungaretti. A partire dagli anni ’70 espone le sue immagini in numerose mostre personali e collettive. Vincitrice di molti premi fotografici pubblica altrettanti libri. Nel 2016 Cristina Casero ha pubblicato la prima monografia sul suo lavoro: Paola Mattioli, Sguardo critico di una fotografa, Postmediabooks.

Carlo Serra

Carlo Serra
Filosofo. Le sue principali aree di interesse sono la fenomenologia delle strutture sonore, le morfologie melodiche e le forme di scansione ritmica, un tema che lo ha condotto all'analisi delle funzioni temporali nell'immagine. Su questi temi, ha pubblicato numerosi testi tra cui “Musica Corpo Espressione” (2008), ”La voce e lo spazio” (Il Saggiatore, 2011), “Tempo e Scansione: considerazioni sul significato ritmico della durata in Husserl e Bachelard” (Bollettino di Estetica, Buenos Aires, 2018).  

Progetti