Fashion Designer: chi è, cosa fa e come diventarlo

Chi è e cosa fa

Il Fashion Designer è un vero e proprio creativo artista che interpreta i bisogni e i desideri della società, trasformandoli in soluzioni di stile esteticamente accattivanti e funzionali.

Il Fashion Designer è una figura centrale nell’affascinante mondo della moda: dotato di una creatività senza confini, è un professionista capace di trasformare idee e concetti in originali capi di abbigliamento, calzature e accessori di tendenza.

Questo professionista, attraverso una profonda conoscenza dei materiali, delle tecniche di produzione e un innato senso estetico ha il compito di progettare collezioni innovative in linea con le tendenze attuali ma che siano allo stesso tempo originali e fuori dal comune. La sua abilità non si limita alla creazione di pezzi esteticamente piacevoli, ma comprende anche la ricerca di soluzioni pratiche e sostenibili, rispondendo alle crescenti esigenze di persone sempre più consapevoli e attente.

Il processo creativo è alimentato da un incessante esplorazione e sperimentazione, che porta il Designer a viaggiare fisicamente e mentalmente attraverso culture diverse, epoche storiche e nuovi orizzonti tecnologici.

Ruolo e responsabilità

Il ruolo del Fashion Designer abbraccia numerose responsabilità che lo vedono coinvolto in ogni fase del processo: dalla concezione iniziale del design fino alla produzione finale del prodotto.

Alcuni dei principali aspetti di cui si occupa la figura del Designer sono:

-          Ricerca e analisi delle tendenze: in questa fase il Fashion Designer si aggiorna e ricerca i trend del settore del momento, tendendo conto delle influenze culturali e sociali.

-          Concezione e ideazione: qui, sviluppa i concetti originali e definisce i temi, i colori e i tessuti.

-          Disegno e illustrazione: è il momento in cui si dedica alla creazione di schizzi, sia a mano che utilizzando software di progettazione.

-          Selezione dei materiali: qui sceglie i tessuti a seconda della stagionalità, della funzionalità, del costo e dell’impatto sull’ambiente.

-          Sviluppo dei prototipi: in questa fase emerge la collaborazione del Designer con Sarti, Modellisti e Tecnici per trasformare i bozzetti in prototipi fisici. Questo include la supervisione del taglio e della finitura.

-          Collaborazione con la produzione: sorveglia i reparti di produzione per garantire una realizzazione efficiente e in linea con il design scelto.

-          Controllo qualità: è la fase finale di analisi e revisione in cui corregge eventuali problemi di produzione.

-          Focus sostenibile: in tutto il processo di progettazione e produzione, la ricerca e l’integrazione di pratiche eco-friendly è sempre più parte integrante delle responsabilità dei Designer di oggi e di domani.

Al termine del processo di produzione, si passa all’aspetto marketing e promozione, in cui il Fashion Designer collabora con un team di marketing per promuovere efficacemente il proprio prodotto.

Carriera e stipendio

La carriera del Fashion Designer può variare significativamente a seconda del percorso scelto. Molti professionisti hanno l’opportunità di lavorare per grandi case di moda o marchi consolidati. Altri scelgono di lavorare come freelance o di avviare la propria linea di moda, perseguendo una strada che offre maggiore libertà creativa ma anche maggiori sfide come visibilità e fiducia.

Lo stipendio di un Fashion Designer può variare ampiamente in base alla specializzazione e a seconda del grado di esperienza. Con dedizione e talento, è possibile raggiungere livelli di remunerazione molto elevati e superiori alla media.

Gli studenti che hanno ottenuto una formazione specifica in ambito del Fashion e dello Styling oggi occupano diversi ruoli professionali, tra cui Fashion Designer, Textile Designer, Editor di moda e Fashion Stylist.

 

Competenze e formazione

Per emergere nel mondo della moda, è importante che il Fashion Designer abbia un bagaglio formativo carico di competenze specifiche.

Per emergere nel mondo della moda, è importante che il Fashion Designer abbia un bagaglio formativo carico di competenze specifiche.

La creatività aiuta a creare design unici e interessanti, mentre le conoscenze tecniche sono necessarie per trasformare le idee in prodotti concreti. Inoltre, capire il mercato e come funziona è cruciale per assicurarsi che i prodotti siano non solo belli, ma anche commercialmente validi. È altrettanto importante saper collaborare a tutti i livelli con professionisti dell’ambito per ottenere una comprensione completa delle dinamiche e delle esigenze dell'industria della moda.

La formazione in design della moda si differenzia in base ai diplomi e ai corsi di laurea specifici, fornendo agli studenti le abilità pratiche essenziali per entrare nel settore.

 

Come diventare Fashion Designer

Per chi sogna di entrare nel mondo della moda e avviare la propria carriera come Fashion Designer, il percorso inizia con la giusta scelta della formazione.

Istituti come IED offrono programmi specifici che, attraverso corsi che spaziano dal design alla tecnologia tessile, dalla storia della moda al marketing, preparano gli studenti ad affrontare le sfide del settore con competenza e creatività.

La formazione IED rappresenta un importante trampolino di lancio nel settore come confermano gli ex studenti di IED - una fra tutti, Maria Grazia Chiuri, Direttrice Creativa di Dior, diplomata presso l'istituto – e i premi riconosciuti da Marie Claire Maison agli Alumni IED.

Se sogni di fare carriera nel mondo della moda e diventare un Fashion Designer di successo, esplora le opzioni formative offerte da IED e inizia a realizzare il tuo sogno oggi stesso!

Lauree Magistrali (DASL) e Master
Per specializzarsi ulteriormente e acquisire competenze avanzate
 

Formazione continua
Per restare aggiornati e competitivi nel mondo del lavoro

Scopri i progetti degli studenti dei corsi in Fashion Design